Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 01-09-2016 16:30
in Cineforum | Visto 1.125 volte
 

Ancora "intrecci" Shakesperiani a Villa Cà Erizzo

Dal 1 di settembre 3 serate per il CineShakespeare all’Oratorio di Villa Ca’Erizzo, una programmazione cinematografica di Operaestate dedicata a Shakespeare e ai suoi capolavori riproposti dal grande cinema internazionale.

Ancora

Una scena da Amleto di Laurence Olivier ( 1948)

Dopo gli eventi dell’estate, tra cinema e danza, Operaestate Festival e Fondazione Luca continuano la loro collaborazione con il cinema dedicato al 400mo anniversario dalla morte del bardo inglese, celebrando il celebre drammaturgo attraverso le sue opere.
Per la sezione di settembre della rassegna CineShakespeare, in programma due tragedie e una commedia: ad essere proiettato il 1 settembre sarà Amleto di Laurence Olivier, che è regista e interprete del film, premiato per entrambi i ruoli con il premio Oscar. Il 2 settembre altri due interpreti memorabili: Al Pacino e Jeremy Irons, si fronteggiano come Antonio e Shylock ne Il mercante di Venezia di Michael Radford; mentre chiude la rassegna il 3 settembre Giulio Cesare di Mankiewicz, con un inarrivabile Marlon Brando nel ruolo di Antonio.
L’Amleto di Olivier (1 settembre) vinse, oltre ai Premi per la Miglior Regia e Miglior attore protagonista, anche altri due Oscar e si guadagnò altre tre nomination, fino al Premio come Miglior Film straniero ai Golden Globes del 1949. Attore shakespeariano per antonomasia, abile sia dietro la cinepresa sia sul palcoscenico, in questa versione della celebre tragedia del dubbio Olivier sceglie di tagliare il ruolo di Fortebraccio/Rosencratz/Guilderstern e di concentrarsi sulla psicologia del protagonista, con espedienti da cinema espressionista.
Applausi anche sul set per Marlon Brando e il suo Antonio, durante le riprese del film Giulio Cesare di Mankiewicz (3 settembre), che con il grande attore in stato di grazia diventa una delle trasposizioni più riuscite e tra le più rappresentative dello stile kolossal della vecchia Hollywood.
E anche il regista Michael Radford punta su grandi attori per il suo Mercante di Venezia (2 settembre), che nella splendida cornice dell’ambientazione veneziana, unisce l’intensità di Jeremy Irons alle grida disperate e rabbiose di Shylock/Al Pacino, che nel celebre monologo dell’ebreo raggiunge il momento più alto del film, fino al momento di alta tensione del finale.
I Film verranno proiettati alle 21.30 nell'oratorio di Villa Ca'Erizzo, ingresso libero con prenotazione al numero 0424 529035