Pubblicato il 03-11-2013 21:13
in Volley | Visto 1.346 volte

Brunopremi.com subisce un’altra sconfitta casalinga, Udine vince 3-1

Le giallorosse giocano benissimo il 1° set per poi crollare nei restanti tre di fronte alla maggiore esperienza delle friulane che dominano l’incontro portando a casa 3 punti meritati. Domenica prossima difficile trasferta in casa del Coveme San L

Brunopremi.com subisce un’altra sconfitta casalinga, Udine vince 3-1

Foto Chiara Vaccari

Brunopremi.com Bassano – Atomat Udine 1-3 (25-22, 11-25, 14-25, 18-25)
Brunopremi.com Bassano: Bresolin ne, Malinov 7, Pamio 1, Scapati 3, Comunello 4, Zanon 5, Guerra 12, Compostella 7, Sgarbossa 1, Botezat 2, Bridi, Scanavacca (L), Zanon C. (L). 1° All. Malinov, 2° All. Arsenov
Note. Bassano: battute errate 14, battute vincenti 2, muri 8

Niente da fare al PalaBruel per il Brunopremi.com che dopo tre partite di campionato conta due pesanti sconfitte sul campo amico e una vittoria in trasferta a Cerea, dove sabato scorso si è vista decisamente un’altra squadra rispetto a quella dei due turni casalinghi. Se 15 giorni fa a passeggiare sul campo bassanese era stato il Trentino Rosa, stasera è toccato all’Atomat Udine tornare dal PalaBruel con i 3 punti e lasciare con un certo amaro in bocca mister Malinov e le sue ragazze. Anche se non è contro una squadra come quella friulana che le leonesse devono fare punti salvezza, resta il fatto che per lo staff tecnico giallorosso c’è ancora molto da lavorare in certi fondamentali, in particolare in ricezione e battuta che questa sera non hanno funzionato, influenzando di conseguenza anche attacco, muro e difesa per delle percentuali totali a fine match davvero basse in tutti i settori. Per certi versi quella di stasera è stata dunque la fotocopia della partita col Trentino Rosa, ma di positivo c’è senza dubbio quel 1° set giocato davvero in maniera sontuosa e ancora una volta il positivo apporto a partita in corso delle ragazze più giovani come Botezat, Bridi Comunello, rispettivamente classe ’98, ‘98 e ’97, mentre un’altra ’98, Alice Pamio è partita ancora una volta, la terza consecutiva., nel sestetto titolare.

Ottima partenza del Brunopremi.com che sembra davvero essere in serata: alla prima sosta tecnica il Bassano si porta avanti 8-4 grazie ad un buon gioco corale in cui spiccano i 3 punti di Guerra e i 2 di capitan Malinov. Al ritorno in campo Udine reagisce impattando 8 pari e togliendo ogni illusione al pubblico di casa che si tratti di una partita abbordabile. La partita si fa decisamente equilibrata ma le leonesse non si fanno intimorire dal ritorno delle ospiti e con due punti di Zanon ristabiliscono le distanze portandosi sul 14-10 e poi sul 16-13 con un gran muro di Compostella. Stavolta il ritorno in campo dopo la seconda sosta tecnica è decisamente più positivo perché la squadra di Malinov non solo non si fa recuperare ma allunga ulteriormente portandosi sul 23-16 con un muro di Scapati che costringe il tecnico friulano al time out. Sul 23-19 e poi di nuovo sul 24-22 è invece il tecnico bulgaro a dover richiamare le sue ragazze all’ordine nel tentativo di interrompere la rincorsa friulana: il Brunopremi.com prende una bella paura, ma alla fine riesce a tagliare il traguardo del set condotto con merito sin dall’inizio chiudendo 25-22 con un pallonetto di Scapati. Con l’inizio del 2° parziale inizia un’altra partita: Udine parte subito fortissimo mandando in tilt il cambio palla bassanese con una battuta incisiva e con un muro che comincia a far male. Alla prima sosta tecnica il tabellone recita 2-8, alla seconda addirittura 4-16 mentre mister Malinov getta nella mischia Sgarbossa e Comunuello per Zanon e Pamio nel tentativo di invertire la rotta. Ma l’Atomat continua a far male con il muro e con il servizio e per le leonesse non c’è scampo: il set si chiude con un impietoso 11-25 in favore delle bianconere.

Nel 3° set dopo un buon inizio (3-1) è ancora l’Udine a riprendere in mano le redini dell’incontro soprattutto grazie alla battuta. Alla prima sosta tecnica siamo 3-8, alla seconda addirittura 7-16, mentre la ricezione e l’attacco della squadra di Malinov non danno segni di miglioramento e così il parziale si chiude sul 14-25 in favore delle friulane. Nel 4° set il tecnico bulgaro prova a mischiare le carte inserendo dall’inizio Comunello al posto di Zanon e Botezat al centro al posto di Scapati col conseguente spostamento di Pamio nel ruolo naturale di opposto. Il 2-1 viene festeggiato da tutti perché è il primo punto in serie B1 di Alexandra Botezat, classe ’98 e 196 cm di altezza. La giovane centrale giallorossa si ripete poco dopo per il 3-2 interno, che però non mette paura al sestetto udinese subito pronto rimettere le mani su un parziale già ipotecato sul 4-8 alla prima sosta tecnica. Dall’altra parte della rete Comunello ci crede gli attacchi del 5-10 e del 7-11, prima dell’ingresso Bridi in cabina di regia al posto di Pamio con Malinov a fare l’opposto per avere l’attacco a tre. La mossa non dà i frutti sperati e alla seconda sosta tecnica l’Atomat è avanti 10-16. Il Bassano gioca meglio rispetto ai due set precedenti ma ormai il match è saldamente in mani friulane: Udine infatti chiude 18-25 portando a casa una vittoria netta e meritata, mentre in casa Brunopremi.com non resta che accettare il verdetto del campo, guardare avanti con serenità e pensare alla prossima partita in casa del Coveme San Lazzaro.

    Libertà è Parola

    Libertà è Parola - Intervista ad Angelica Bizzotto

    Stasera raccontiamo la storia di questa giovane bassanese con un’enorme passione per il cinema che l’ha portata a studiare alla University of...

    Più visti