Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 08-11-2011 20:59
in Attualità | Visto 9.559 volte
 

McDonald's, è il tempo delle ruspe

Partono i lavori di costruzione del McDrive di via Capitelvecchio a fianco del “Grifone”. Nel cantiere fanno la comparsa le prime macchine operatrici

McDonald's, è il tempo delle ruspe

Lavori in corso per il progetto del McDonald's-McDrive a Bassano (foto Alessandro Tich)

La proposta di accordo pubblico-privato era stata approvata in consiglio comunale proprio un anno fa, con la benedizione dell'assessore all'Urbanistica Rosanna Filippin. Ora, sempre da parte del Comune, è stato concesso il permesso a costruire.
Per il progetto di realizzazione del McDonald's-McDrive di via Capitelvecchio a Bassano del Grappa, nell'area confinante con il centro commerciale “Il Grifone”, è arrivato il tempo delle ruspe. All'ingresso del cantiere è stato affisso il cartello indicatore dei lavori, affidati alla società Mu.Bre Costruzioni Srl, e all'interno dell'area sono comparse le prime macchine operatrici.
Il fatiscente complesso agricolo ubicato lungo la statale sta per essere dunque abbattuto per fare spazio, come previsto dal relativo piano urbanistico, a un “edificio commerciale per la ristorazione”.
Il progetto del futuro McDrive, come noto, è stato proposto dalle due società private I.C.P. S.p.A. e Bassano Iniziative Srl, entrambe appartenenti al Gruppo Paterno-Eurobrico che detiene anche la proprietà del “Grifone”. La I.C.P., in particolare, è proprietaria dell'area esterna di 1925 metri quadri interessata dall'intervento mentre Bassano Iniziative è proprietaria della vecchia casa colonica, attualmente abbandonata, che sarà oggetto della ristrutturazione.
L'area di Via Capitelvecchio dove sorgerà il nuovo punto vendita della multinazionale del fast food ha una superficie totale di 3300 metri quadri e il vigente piano regolatore la classifica tra le “Zone per insediamenti commerciali e annonari. Zone di ristrutturazione”.
Secondo l'accordo siglato tra i privati e l'Amministrazione comunale, a compensazione della costruzione dell'insediamento commerciale la proprietà dell'area realizzerà, cedendola al Comune a titolo gratuito, un'opera pubblica: nella fattispecie, il prolungamento in direzione Bassano dei percorsi ciclo-pedonali lungo la statale fino all'incrocio con via Frassati, dove è anche prevista la realizzazione di un'area verde attrezzata “mediante la demolizione degli edifici esistenti”.
Il progetto edilizio del McDrive prevede una superficie lorda dell'immobile di 895 metri quadri, un'altezza massima di 10 metri e mezzo con due piani fuori terra e uno sviluppo volumetrico di 4400 metri cubi.
Sul progetto del McDonald's a Bassano - che Bassanonet, l'anno scorso, ha rivelato per primo - si erano levate le proteste di alcuni residenti e della sezione cittadina dell'Associazione “Italia Nostra” che in due distinte osservazioni trasmesse al sindaco Cimatti aveva definito l'operazione-McDrive “una decisione urbanistica controversa e di grande impatto per la città” per vari motivi legati da una parte alla viabilità e, dall'altra, alla tutela degli edifici all'incrocio con via Frassati destinati alla demolizione: tutte case coloniche appartenute alle pertinenze di Villa Ca' Rezzonico e classificate dal PAT (Piano di Assetto del Territorio) come “edifici di valore storico-monumentale”.
La clausola del “prevalente interesse pubblico” dell'opera, inserita nell'accordo pubblico-privato, ha però tagliato la testa al toro e nel prossimo futuro a Bassano, oltre ai sparasi e ovi, si potrà assaggiare un colorito Happy Meal..