Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 31-10-2010 18:17
in S.O.S. città | Visto 3.021 volte

Sballoween

Imbarazzanti scene di degrado urbano e ubriachezza giovanile ieri sera a Bassano. La segnalazione di un nostro lettore

Sballoween
La festa di Halloween, ricorrenza importata di recente dal mondo anglosassone, è notoriamente sinonimo di trasgressione. La data esatta è quella di oggi, vigilia di Ognissanti, ma già nella serata di ieri - sabato 30 ottobre - diversi locali del territorio, tra zucche illuminate e cappelli di strega, hanno attirato la “movida” del sabato sera.
Sarà forse una coincidenza, ma proprio ieri sera, in pieno centro a Bassano, si è respirata un'aria di sballo un po' troppo eccessiva.
E' quanto emerge dalla segnalazione di un nostro lettore, che ha trasmesso un'email alla nostra redazione, che pubblichiamo:

“Carissima redazione di BassanoNet,
dopo aver letto l'ìnteressante, ma deprimente, articolo sulla spazzatura selvaggia in centro storico, vorrei approfittare di qualche minuto del vostro tempo per raccontarvi quello che è avvenuto durante la notte tra il 30 e 31 ottobre.
Passeggiando in via Bricito, direzione Piazza Terraglio, potevamo, io e la mia famiglia, notare uno scenario disgustoso: piante divelte e vasi frantumati a terra, addirittura una porta probabilmente scassinata, incuria generale da parte di gruppi di giovani ubriachi e così via.
Giunti in Terraglio, attraverso vicolo Gamba, ci siamo imbattuti in due scenette davvero singolari:
sulla destra un ragazzo che "consolava" la sua amica che stava con notevole forza d'animo rigettando tutto quello che aveva bevuto e mangiato durante la serata.
Sulla sinistra un'altra ragazza che, incurante di molta gente a passeggio o che chiacchierava tra le auto in sosta, “mingeva” sul marciapiede, natiche al vento, tra la spazzatura ed altri rimasugli urbani.
Dall'imbarazzo non siamo riusciti a proferir parola se non degli sdegnatissimi "vergognati".
Casi del genere, magari più "normali nell'anormalità", ormai si verificano ogni fine settimana: danni, vetri rotti, giovani ubriachi, vicoli usati come vespasiani, senza contare la sosta selvaggia delle auto.
Le scrivo queste poche righe perché, purtroppo per tantissimi motivi, le autorità latitano e chiedo di lasciarci un angoletto per questo piccolo sfogo.

Distinti saluti e buon lavoro,
Alessandro Milani.”

Più visti