Pubblicità

Opera Estate Festival

Pubblicità

Opera Estate Festival

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Politica

Partita in Casa

Attacco del Partito Democratico (Luisetto e Tasca) sulla situazione della Casa di Riposo di Bassano: “Isacc nel caos, troppe domande senza risposta”

Pubblicato il 07-11-2023
Visto 11.778 volte

Pubblicità

Opera Estate Festival

Isacc: è l’acronimo dell’Istituto Servizi Assistenziali Cima Colbacchini, che amministra e gestisce la Casa di Riposo di Bassano del Grappa. Così, tanto per ricordarlo.
Servizi assistenziali che, a giudicare dal comunicato stampa del Circolo di Bassano del Grappa trasmesso oggi in redazione, stanno soffrendo di una situazione “di incertezza e di apprensione”.
Nel mirino della consigliera regionale del PD Chiara Luisetto e del segretario cittadino dem Luigi Tasca, le mancate risposte dell’amministrazione regionale e dell’amministrazione comunale sulla “crescente preoccupazione” circa il futuro dell’istituto, la qualità dell’attuale servizio agli ospiti e la situazione del personale.

Foto Alessandro Tich - archivio Bassanonet

Come dal testo che segue:

COMUNICATO

Case di riposo: Luisetto e Tasca PD “Isacc nel caos, troppe domande senza risposta.”

La situazione dell’Isacc di Bassano sta generando crescente preoccupazione, sia per il piano di sviluppo intrapreso dal CdA sia per le mancate risposte dell’amministrazione comunale e regionale.

“Dopo la notizia dei mesi scorsi della perdita di posti letto e della parallela realizzazione di una struttura privata da parte di Numeria, nel quadro del piano Mar, siamo ancora in attesa di una risposta da parte dell’assessore Lanzarin - interviene Chiara Luisetto, consigliera regionale del Partito Democratico, che prosegue - A giugno ho presentato un’interrogazione in consiglio regionale e ancora non ho avuto risposta. Tutto questo appesantisce il clima di incertezza e apprensione derivante anche dalle indagini in corso da parte della guardia di finanza.”

“È tempo che l’amministrazione comunale e il CdA facciano chiarezza sulle prospettive dell’Isacc dando risposte concrete ai bassanesi, agli ospiti e alle loro famiglie. Ci dicano che idee hanno per il futuro, sulla qualità del servizio agli ospiti nel presente e sulla situazione del personale.
Perché di fronte alla riduzione ad un terzo del numero di ospiti, in una struttura che fino a qualche anno fa aveva liste d’attesa, è doveroso porsi delle domande tanto quanto pretendere delle risposte.” prosegue Luisetto.

Abbiamo ricevuto anche noi diverse segnalazioni di familiari che si sono visti costretti a spostare i propri cari altrove davanti a carenze di personale e disservizi. Da qui partono le nostre domande.

“Come è possibile essere arrivati a questo stato di cose e cosa intendono fare amministrazione e CdA per risolvere questi problemi?
Se è grave il silenzio è ancor più grave la soluzione che vedrebbe il privato sostituirsi al pubblico, per l’ennesima volta, con meno posti letto e solo per chi potrà permetterselo.
Un servizio cosi importante per Bassano e l’area vasta non puó essere impoverito e progressivamente depotenziato alla chetichella. La città e le fragilità qui ospitate meritano molto di più dello scenario precario al quale assistiamo ora” conclude Luisetto.

Quello che ci conforta è che quest’amministrazione comunale è giunta oramai al termine dei 5 anni di mandato amministrativo e lo fa con il CdA delle case di riposo dimezzato.
Tutto questo per l’incapacità di trovare delle persone disponibili a sbrogliare le matasse in cui si sono attorcigliati.

“La cosa più grave è che nella matassa sono attorcigliati ospiti, parenti e dipendenti delle case di riposo bassanesi - interviene Luigi Tasca, consigliere comunale e segretario dem bassanese, che insiste - Vediamo da anni una sanità pubblica impoverita da politiche di privatizzazione, dove alcuni servizi sono garantiti solamente a chi può permettersi di pagare le visite specialistiche: il nostro timore è che anche la giusta cura ed il meritato riposo dei nostri anziani perdano il loro carattere di universalità, diventando, come le visite specialistiche, un privilegio per pochi.
Ritengo che il comune di Bassano non debba assecondare questo spostamento dal pubblico al privato.
Bassano deve ritrovare la leadership del territorio anche attraverso azioni politiche concrete che rafforzino la cura e l’assistenza degli anziani, deve tornare ad essere un punto di riferimento per i comuni contermini perché una sanità ed un sociale pubblico che funzionino non possono essere rinchiusi nel recinto di un comune ma devono essere patrimonio di tutto il territorio.”

Press Edition New

Bassanonet.it Press Edition

Più visti

1

Politica

11-07-2024

Vitamina P

Visto 10.939 volte

2

Politica

09-07-2024

Via col Momento

Visto 10.553 volte

3

Attualità

12-07-2024

Quattro x Seven

Visto 9.952 volte

4

Attualità

12-07-2024

Tesso e volentieri

Visto 9.808 volte

5

Attualità

11-07-2024

Penne Montegrappa

Visto 9.034 volte

6

Manifestazioni

09-07-2024

La grande notte di Mahmood a Marostica

Visto 5.500 volte

8

Interviste

11-07-2024

Un funeral party, l'oggi dell'Occidente

Visto 3.654 volte

9
10

Teatro

11-07-2024

Vita da Strighe

Visto 3.352 volte

1

Elezioni 2024

19-06-2024

Ultime lettere di Elena Pavan

Visto 29.152 volte

2

Elezioni 2024

21-06-2024

Facoltà di voto

Visto 28.666 volte

3

Elezioni 2024

19-06-2024

Impegno per Roberto

Visto 27.879 volte

4

Elezioni 2024

17-06-2024

Tribuno del popolo

Visto 25.025 volte

5

Elezioni 2024

18-06-2024

Press conference

Visto 24.280 volte

6

Elezioni 2024

24-06-2024

Gratta e Finco

Visto 22.614 volte

7

Elezioni 2024

20-06-2024

Big Bang

Visto 22.465 volte

8

Elezioni 2024

17-06-2024

La confederAzione

Visto 22.096 volte

9

Elezioni 2024

17-06-2024

Il ritorno dello Jedi

Visto 21.848 volte

10

Elezioni 2024

25-06-2024

John Fincgerald Kennedy

Visto 21.590 volte