Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Posta prioritaria

Variante San Lazzaro e consumo di suolo: nuova lettera aperta di A.RI.A. bassanese, indirizzata a Luca Zaia. “Mostruoso tentativo di stravolgere irrimediabilmente la porzione ancora integra del territorio bassanese”

Pubblicato il 25-06-2022
Visto 7.359 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

L’A.RI.A. bassanese alza l’asticella. Dopo la lettera aperta all’amministrazione comunale,
l’Associazione bassanese per il RIspetto Ambientale, che ha promosso la raccolta firme che chiede al Comune di Bassano di esprimere “un netto parere negativo” nei confronti delle richieste di urbanizzazione a carattere produttivo dell’area agricola ex Campagnolo Commercio a San Lazzaro, gira adesso le antenne in direzione di Venezia.
E lo fa questa volta con una lettera aperta inviata direttamente al presidente della Regione Veneto Luca Zaia e inoltrata per conoscenza a tutto il consiglio regionale.

Proteste a San Lazzaro (foto Alessandro Tich)

Il testo indirizzato al governatore è assai più succinto della lunga e dettagliata lettera aperta destinata all’amministrazione bassanese, che viene comunque allegata alla comunicazione trasmessa all’ufficio più alto di Palazzo Balbi.
L’associazione si rivolge a Zaia come “la personalità politica che può e deve arrestare questo mostruoso tentativo di stravolgere irrimediabilmente la porzione ancora integra del territorio bassanese”. E per avvalorare la propria tesi in materia di stop al consumo di suolo, A.RI.A. sottolinea nella lettera che “nel nostro territorio, in particolare, in cui il suolo consumato è quasi il doppio rispetto alla media nazionale, il passaggio della Superstrada Pedemontana Veneta è già stato terribilmente impattante (…) e ha tolto terreni all’agricoltura e paesaggi insostituibili che non avremo mai più”.
Peccato che per spiegare il problema al governatore l’Associazione tocchi la SPV, l’intoccabile fiore all’occhiello degli interventi di Zaia sullo sviluppo viabilistico del Veneto.
Non è certamente il modo migliore per convincere il presidente del Veneto ad abbracciare la causa: ma mai dire mai.

Lettera aperta al Presidente della Regione Luca Zaia

Illustre Presidente Zaia,

La conosciamo come un uomo pragmatico, legato alle origini contadine del Veneto e non abbiamo dimenticato che nel 2012 ha chiaramente parlato di “stop al mattone” in questo territorio.

Abbiamo sotto gli occhi anche quello che Lei, allora Presidente della Provincia di Treviso, aveva dichiarato nel 2003 a Gian Antonio Stella, autore di un servizio importante e documentatissimo apparso sulla prima pagina del Corriere della Sera nel quale l’autorevole, illustre giornalista e scrittore denunciava il “selvaggio impulso costruttivo” che dal 1961 al 1982 nel Veneto “aveva cambiato destinazione d’uso a più aree agricole di quanto non fosse mai accaduto nella storia dei millenni precedenti”.

Nel nostro territorio, in particolare, in cui il suolo consumato è quasi il doppio rispetto alla media nazionale, il passaggio della Superstrada Pedemontana Veneta è già stato terribilmente impattante (aumento del traffico, viabilità già estremamente congestionata e pericolosa per pedoni e ciclisti, cesura di un corridoio ecologico importante, illuminazione perenne e invasiva in contrasto con la Legge Regionale n°17 del 2009) e ha tolto terreni all’agricoltura e paesaggi insostituibili che non avremo mai più.

Alleghiamo alla presente la “lettera aperta” inviata dalla nostra Associazione all’Amministrazione Comunale di Bassano del Grappa che ha suscitato generale condivisione nella popolazione.

Ora tutti guardano a Lei come alla personalità politica che può e deve arrestare questo mostruoso tentativo di stravolgere irrimediabilmente la porzione ancora integra del territorio bassanese.

Noi continueremo ad informare il più capillarmente possibile l’opinione pubblica locale, regionale e nazionale.

Un saluto cordiale.

Bassano del Grappa, 24 giugno 2022

Associazione bassanese per il RIspetto Ambientale

Più visti

1

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.061 volte

2

Politica

09-04-2024

Carraro in carriera

Visto 10.705 volte

3

Politica

09-04-2024

Centro(destra) giovanile

Visto 10.293 volte

4

Attualità

10-04-2024

Calci di rigore

Visto 9.843 volte

5

Attualità

11-04-2024

Pavan for President

Visto 9.606 volte

6

Politica

11-04-2024

Old Wild Finco

Visto 9.605 volte

7

Politica

08-04-2024

Di tutto, di più

Visto 9.441 volte

8

Attualità

09-04-2024

Reportich

Visto 9.346 volte

9

Attualità

11-04-2024

W le Women

Visto 9.052 volte

10

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 8.166 volte

1

Politica

18-03-2024

Coalizione da Tiffany

Visto 19.887 volte

2

Attualità

19-03-2024

L’Asparagruppo

Visto 15.129 volte

3

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 13.633 volte

4

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.619 volte

5

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.665 volte

6

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.419 volte

7

Cronaca

20-03-2024

I Pfas di casa nostra

Visto 12.161 volte

8

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.061 volte

9

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.286 volte

10

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.217 volte