Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 14-10-2017 14:35
in Politica | Visto 3.984 volte
 

La resa dei conti

Comunicato di replica al fulmicotone dell'amministrazione di Romano d'Ezzelino alle critiche del direttivo della Lega Nord ezzelina in merito alle variazioni del bilancio comunale

La resa dei conti

Foto Alessandro Tich

In relazione al nostro articolo “Filiale di Cassola”, nel quale abbiamo riportato il comunicato stampa del Direttivo della Sezione della Lega Nord di Romano D’Ezzelino in merito alle variazioni di bilancio approvate dall'amministrazione Bontorin, riceviamo e pubblichiamo di seguito un comunicato stampa di replica dell'amministrazione comunale ezzelina, trasmesso in redazione dall'assessore Mauro Salvemini:

COMUNICATO

Cari Concittadini,

ci sembra nostro dovere replicare ad un comunicato stampa che riteniamo inaccettabile nei contenuti e nei toni. Un dovere che riporta a valori quali trasparenza, sincerità e buon senso. Le variazioni di Bilancio in oggetto hanno interessato circa 200 capitoli di Bilancio, per un totale, in valore assoluto, pari a ben 1.260.000 Euro. Siamo al primo concreto atto Politico e Amministrativo di questa Amministrazione, per Romano, per i Cittadini, secondo quanto ci eravamo impegnati a realizzare; una forte connotazione di indirizzo, identificativa delle nostre idee, delle nostre scelte e della nostra visione rispetto al futuro di Romano.
I primi numeri di un Comune che ha inteso voltare pagina, secondo la Volontà Popolare dell’11 Giugno scorso, e indice rappresentativo dell’impegno di questa Amministrazione, che dopo soli quattro mesi manda un forte e incontrovertibile messaggio rispetto alla ferrea volontà di voltare pagina.
Qui, oggi, le minoranze, queste minoranze, ci contestano, pur goffamente, pur mentendo, la “bellezza” dell’11% del nostro lavoro, di quel 1.260.000 Euro; insomma, senza volerlo, ci hanno consegnato una solida “certificazione” del nostro buon operato. Le stesse minoranze che con massima lucidità e coerenza, hanno tuonato “tagli al Sociale” per poi complimentarsi in Consiglio Comunale con l’Assessore al Sociale e scrivere “ … va segnalato l’assessore Zen Lorenzo, l’unico a concretizzare qualcosa, al di là delle chiacchiere …”.
Ora, lasciando stare gli attacchi in triste stile “avanspettacolo politico”, nel merito degli atti Amministrativi, ci contestano con queste “profonde & sincere” argomentazioni:

“AZZERATI I FONDI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE:”
Falso… le minoranze riportano quello che fa più comodo, come sempre; guardano ad un importo e fanno finta di non vedere altrove. E’ stato azzerato il capitolo di spesa per 3.000 Euro (che importo !!!), ma è stato potenziato lo stanziamento ed il servizio di Vigilanza Privata in orari notturni, in luoghi prima ignorati dalla precedente Amministrazione (Centro Eccellenza in primis). Non abbiamo ancora le risorse (numero di uomini) per poter garantire una vigilanza notturna per tramite della Polizia Locale; il Consigliere Ronchi, tanto esperto di sicurezza, dovrebbe sapere che 3.000 Euro all’anno non bastano per sconfiggere i “cattivi”, e che vandali e malintenzionati, di solito, si muovono di notte, non in orari d’ufficio.

“AZZERATI I FONDI PER LA PROGETTAZIONE DELLA ROTATORIA tra via MOLINETTO e via DE GASPERI: 15.000 Euro risultato di un accordo tra l’amministrazione Olivo e la Provincia di Vicenza per risolvere un (vero) punto nero della viabilità locale e provinciale” …. Speriamo sia una battuta. In questi ultimi 13 anni (senza rotatoria) dov’erano questi Consiglieri? 15.000 Euro di stanziamento per una rotatoria; vogliono farci ridere? Ci contestano tagliare un capitolo di spesa così esiguo, per la realizzazione di una rotatoria (che minimo costerebbe 500.000 Euro), e che attenzione, nemmeno loro avevano inserito nel programma delle Opere Pubbliche 2017-2019. Comunque del problema viabilistico siamo ben cosci, ed abbiamo già interloquito con la Provincia. Inseriremo NOI l’opera nei programmi triennali, non appena avremo le risorse disponibili.

“AZZERATI I FONDI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELL’ASILO NIDO COMUNALE CON LA NORMATIVA ANTI INCENDIO: 37.000 euro cancellati a pregiudizio della sicurezza di tutti i bambini ospiti e utenti di una struttura che è e resta, una delle migliori del Veneto come servizi e progettualità. Confermiamo: la sicurezza non è una priorità di Bontorin” Complimenti per la (in) coerenza e per il giro di parole, ci viene da dire. Il CPI (Certificato Prevenzione Incendi) è dal lontano 2011 (DPR 151/2011 Art 67). Gridano ora allo scandalo … perché nessun CPI in 6 anni, allora? Ora chiariamo la nostra scelta: l’Asilo ha bisogno di un intervento “importante” di rimodernamento e riqualificazione degli impianti (cosa che “loro” ben sapevano, ci risulta). Spendere ora 37.000 Euro per l’adeguamento necessario ad ottenere il certificato, e far finta di non vedere che impianti e struttura necessitano di interventi incisivi, non è nel nostro stile. Loro hanno voluto nascondere la polvere sotto al tappeto, NOI NO. Per questo, come già anticipato in Consiglio Comunale, a fine anno stanzieremo circa 160.000 Euro nel previsionale 2018 per i lavori necessari.

“AZZERATI I FONDI PER IL PROGETTO SPAZIO COMPITI: 5.000 euro in meno per cancellare un servizio diretto ad aiutare tutti quei ragazzi in difficoltà familiare o altro che permetteva loro di avere un luogo sicuro e sorvegliato con operatori professionali dove poter fare, seguiti, i compiti”. Chi ha scritto queste parole, di Scuola sa ben poco. I percorsi di assistenza allo studio servono per colmare lacune, e quasi esclusivamente nel periodo in cui i ragazzi devono “recuperare” rispetto a programmi didattici già in stato di avanzamento; quindi, negli ultimi mesi dell’anno scolastico. Saremo ripetitivi, ma dov’erano questi Consiglieri fino all’11 Giugno, giorno quasi coincidente con la fine dell’anno scolastico? Dal primo Gennaio a quella data, di quei 5.000 Euro non ne è stato speso un cent, nessun Spazio Compiti, nulla di nulla. Pensavano dovessimo farlo noi, con il loro metodo, nel periodo prossimo a Natale? No, grazie. I servizi di assistenza allo studio, strutturati ed organici, partiranno dal 2018 nella maniera più consona e qualificata, e non certo con stanziamenti “spot” da 5.000 Euro/anno.

“AZZERATI I FONDI PER I SERVIZI CULTURALI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE: 6500 euro eliminati in modo da cancellare le iniziative culturali che la nostra amministrazione aveva stanziato a favore dei cittadini di Romano per uscite all’arena di Verona per spettacoli lirici, per visitare le Ville Venete, per visitare mostre e musei. La cultura come la sicurezza: via tutto!” Smemorati. In primis le gite Culturali fuori porta, negli ultimi “tentativi”, sono risultate un “flop”; neanche il minimo di iscritti per poter partire. Tanto che nemmeno questi Consiglieri, prima Amministratori, hanno pensato di spendere questi 6.500 Euro per organizzare qualche bel viaggio da Gennaio a Giugno … forse troppo impegnati in campagna elettorale? Il coraggio di decidere, comunque, sta anche in questo. Scegliere se sia meglio destinare denari in iniziative di questo tipo, o piuttosto pensare di portare la Cultura a Romano. Troppo facile fare i Tour Operator, cari ex-amministratori!

“AZZERATI I FONDI PER LE USCITE DIDATTICHE delle scuole di Romano, fondi che la nostra amministrazione aveva sempre investito per arricchire l’offerta culturale delle scuole diretta ai ragazzi” Prima di scrivere bisognerebbe avere l'“onestà intellettuale” di conoscere quanto si afferma. Le uscite didattiche, come gli stanziamenti straordinari per Progetti didattici mirati, rientrano nel nuovo sistema di contribuzione alle Scuole che abbiamo già “messo in moto”. Ricordiamolo: contributo all’Istituto comprensivo, anticipato per metà già in queste settimane, e maggiore contributo pari al 15% (30% a regime dal 2018) già stanziato, per le Scuole Materne. Più risorse, insomma, meglio distribuite.

“AZZERATA LA REALIZZAZIONE DELLA PISTA CICLABILE DEDICATA AI BAMBINI E ALLA SICUREZZA STRADALE PROGETTATA DALLA NOSTRA AMMINISTRAZIONE nel parco di via XXV APRILE a San Giacomo. Un servizio unico nei comuni al di qua del Brenta, ma che evidentemente non interessa a Bontorin (magari lo farà Cassola di cui siamo diventati una triste nonché secondaria filiale) quindi via 80.000 euro e via definitivamente anche questa opera pubblica” Appunto: servizio unico … e un motivo ci sarà per cui nessun altro Comune abbia mai deciso di asfaltare un’area verde per costruirci una micro-pista ciclabile per bambini. Quegli
80.000 Euro saranno destinati in parte alla realizzazione degli Orti Sociali, ed in parte proprio dalla riqualificazione del parco in oggetto e della zona attorno. Compresa la soluzione al problema dei pini marittimi. Lavori che partiranno a breve appena terminata la fase progettuale.

“Come ciò non bastasse si tolgono fondi ai disabili, agli interventi per gli anziani, alla pulizia delle strade, ai progetti a sostegno delle famiglie italiane” Ecco i “fuochi d’artificio” finali, le frasi ad effetto, senza fondamento, completamente false, per colpire alla “pancia” i Cittadini e convincerli che noi siamo i “cattivi” … di tutto questo, chi scrive, dovrebbe vergognarsi, e dovrebbe presentarsi davanti ai Cittadini, con nome e faccia, giustificando quanto afferma. Perché a raccontare “balle” sono capaci tutti! Non abbiamo tolto nulla ai Disabili, abbiamo rafforzato i servizi agli Anziani e abbiamo già stanziato i primi 20.000 Euro per la Social Card che nascerà a breve. Rafforzeremo il Bonus Bebè, stanziando 13.000 Euro in più, concedendolo anche per i primi Figli, e non solo dal secondo in poi, come faceva la precedente Amministrazione. Abbiamo “liberato” quasi 65.000 Euro di maggiori stanziamenti per Sociale, Famiglie, Scuole e Lavoro; quasi 60.000 Euro in più per manutenzioni sul territorio, per strade ed aree verdi; 200.000 Euro per lavori pubblici – qui, un nuovo progetto per Euro 260.000 circa per la riqualificazione di Fellette Centro. Per garantirci poi maggiore flessibilità rispetto alle scelte di spesa, abbiamo potenziato il FONDO DI RISERVA portandolo da 18.000 Euro a circa 60.000 Euro.

Noi, piuttosto, avremo molto da dire su tutto quello che abbiamo “ereditato” dalla precedente Amministrazione; lo faremo, nelle assemblee pubbliche. Parleremo noi, con i dati, con le foto, con i documenti, di tutto quello che è “tornato a galla”. E i Cittadini, tutti, capiranno molte cose. Perché come diceva Baltasar Gracián (Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647), “Se si mente con la parola, si può mentire anche con le azioni; e questa sorta di inganno è ancor più pericolosa perché tocca direttamente i fatti”.

Cordiali saluti

L’Amministrazione di Romano d’Ezzelino