Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 08-10-2014 14:24
in Attualità | Visto 2.427 volte

Fiab Mirafiori

Meno auto, più bici: la Fiab, pro mobilità sostenibile, ripropone domenica la pedalata per tutti “Piano...per Bassano”. “La sfida è concepire la bicicletta in maniera diversa: non più un problema da risolvere ma la soluzione del problema”

Fiab Mirafiori

Una delle passate edizioni di "Piano...per Bassano". Foto: archivio Bassanonet

E' caldamente consigliato l'uso del caschetto e del gilet ad alta visibilità e si chiede di rispettare il Codice della strada. Per il resto, c'è solo da divertirsi e da socializzare.
Torna domenica prossima, 12 ottobre, “Piano...per Bassano”: la pedalata slow cittadina giunta alla terza edizione e promossa dalla sezione di Bassano della Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) per valorizzare la passione delle due ruote ma anche, e soprattutto, per confermare il desiderio “di abitare una città con un'impronta ecologica più leggera, in cui tutti coloro che si spostano possono godere degli stessi diritti e della stessa sicurezza”.
Altro che Fiat Mirafiori: l'era dei motori e delle quattro ruote, per i promotori dell'iniziativa, deve lasciare spazio a una sempre maggiore consapevolezza sulla mobilità sostenibile come sistema urbano da incoraggiare e da incentivare per la nostra salute e le nostre tasche.
“Lo scopo della pedalata - afferma il referente di Fiab Bassano Egidio Zilio - è sensibilizzare la cittadinanza all'uso della bicicletta, coinvolgendo anche negli anni sempre più realtà del territorio. L'obiettivo è quello di far diventare la città più sostenibile, più vivibile, più inclusiva ma anche più ricca. Qualcuno si è accorto che il fenomeno Ciclabile del Brenta può portare la ricaduta positiva del cicloturismo sul tessuto cittadino. L'anno scorso con la passata Amministrazione è stato approvato il Biciplan e noi abbiamo contribuito fattivamente alla costruzione del piano. Più cittadini spingono in questa direzione e l'Amministrazione deve muoversi per rendere la città come i cittadini la chiedono.”
Il percorso della manifestazione - come spiega il consigliere comunale delegato alla Mobilità pedonale e ciclabile Renzo Masolo - è stato ideato “per mettere in luce alcune criticità” dell'attuale mobilità cittadina, rese in sicurezza per il passaggio della carovana a due ruote, e per far capire “come sarebbero le strade se bici e pedoni avessero la precedenza”. Un'anteprima di “Io vado a scuola da solo”: il primo progetto, in fase di elaborazione, del Laboratorio per la mobilità ciclabile istituito dall'attuale Amministrazione.
Il ritrovo di “Piano...per Bassano” 2014 è fissato alle 9 di domenica in Parco Ragazzi del '99. Partenza alle 10 e quindi via per il Ponte Nuovo andata e ritorno, via Colomba, strada SS. Fortunato e Lazzaro, strada Melagrani, Viale Aldo Moro, via Cartigliana, Centro Studi, Ospedale, vie Ca' Dolfin e Cereria, viale XI Febbraio, via Parolini, via Brocchi e centro storico con ingresso in via Verci. L'arrivo, dopo 12,8 km. pedalati senza fretta alcuna, sarà in piazza Libertà nel cuore della manifestazione Frequenze Sostenibili e con il coro Trinity Rainbow, in versione “bike”, a eseguire un concerto di accoglienza.
Significativo, quest'anno, il passaggio davanti al San Bassiano: la pedalata gode infatti, oltre a quello del Comune di Bassano, anche del patrocinio dell'Ulss n.3. “L'Azienda Sanitaria - rimarca Zilio - patrocina la manifestazione perché incentivando l'uso della bicicletta promuove una delle soluzioni a costo zero per la salute dei cittadini.”
Ce ne sarà per tutti i gusti: non saranno solo le biciclette a formare il gruppone in spostamento “dolce” per Bassano ma anche mezzi ecologici non convenzionali - almeno alle nostre latitudini, non di certo nei Paesi del Nord Europa - come carrellini per bambini, risciò, bici-cargo, tricicli, tandem e quant'altro. In dotazione agli organizzatori anche ciclo-mezzi attrezzati per le famiglie con bambini con disabilità, messi a disposizione da Pianeta Mobilità.
Accanto alla Fiab, l'edizione 2014 dell'evento vede anche la partecipazione di numerose altre realtà del volontariato locale: le associazioni Nutrire Significa Educare, Lo Spirito di Stella, La Casa sull'Albero, Legambiente sezione di Bassano, Cicloazione, L'Abbraccio, Buen Vivir, DontCrossMe e Bassano del Grappa Bike, oltre a soci locali di Banca Etica.
“L'appello - incalza Masolo - è quello alla partecipazione, non solo domenica ma soprattutto dopo domenica. Il Comune sta dando una possibilità di partecipazione inedita, che è quella del Laboratorio per la mobilità ciclabile dove raccogliere le idee e le proposte dei cittadini. La sfida è quella di concepire la bicicletta in maniera diversa: non più un problema da risolvere, mettendo qua e là una pista ciclabile, ma la soluzione del problema. E' questa la tendenza europea, sia per ciclisti urbani che per i cicloturisti, e anche in Italia sarà così.”
E la città di Bassano, che di questa Italia fa parte?
“Ho visto il programma della fiera “Smart City” che si terrà a fine mese a Bologna e ho letto alcuni dati che fanno riflettere - dichiara il vicesindaco e assessore alla Mobilità sostenibile Roberto Campagnolo -. Il 70% degli spostamenti in città viene fatto in auto e il 70% del tempo utile delle auto usate per gli spostamenti per lavoro trascorre in un parcheggio. Il più delle volte l'auto viaggia vuota e utilizza una fonte energetica con un'efficienza che non supera un terzo del suo costo. Bisogna ripensare a un modello di città in cui i nuovi sistemi di mobilità siano il valore aggiunto per una città moderna.”
“Le combinazioni autobus+bici o treno+bici per noi sono un evento quasi eccezionale, mentre a qualche centinaio di chilometri a nord sono sistemi normali - aggiunge l'assessore -. Questa è la strada. Lo è anche dal punto di vista economico-turistico, per un certo target di turismo evoluto, proveniente soprattutto dal Nord Europa, che è la vocazione naturale di Bassano. E' un disegno complessivo che iniziative di questo genere contribuiscono a evidenziare e quindi a portare avanti, tramite il Laboratorio sulla mobilità sostenibile.”
Appuntamento dunque a domenica: in Parco Ragazzi del '99, trasformato per un giorno in area di ritrovo e di partenza mezzi della Fiab Mirafiori.

Più visti