Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 26-06-2012 13:33
in Attualità | Visto 4.240 volte
 

Bassano Pride

Sabato 30 giugno il primo Gay & Lesbian Pride a Bassano del Grappa. Il corteo attraverserà il centro storico, passando anche sul Ponte degli Alpini. L'evento, promosso dal Circolo Tondelli GLBT, sarà dedicato al politico gay americano Harvey Milk

Bassano Pride
Il programma è ormai definito in tutti i dettagli: alle 17 assembramento nel piazzale della stazione ferroviaria, e alle 17.30 la partenza del corteo. I partecipanti sfileranno lungo viale delle Fosse, viale dei Martiri, via Vittorelli, piazza Libertà, via Matteotti, via Gamba, Ponte degli Alpini e via Angarano, per concludere il percorso all'incrocio con via Scalabrini.
Sabato prossimo, 30 giugno, sarà la giornata del “Bassano Pride”: il primo Gay & Lesbian Pride cittadino e il secondo nel Veneto, dopo il Padova Pride Village, autentico evento del settore.
La manifestazione è promossa e organizzata dal Circolo Tondelli LGBT di Bassano del Grappa, “in occasione della ricorrenza della fine del 10° anno di attività”.
Dopo il corteo, alle 21.30, il programma dell'appuntamento proseguirà con il “Bassano Pride Party”: festa al “Moc” di Monte Crocetta, a ingresso libero.
Nel frattempo - giovedì 28 giugno 2012 dalle ore 09.00 alle ore 12.30, in concomitanza col mercato settimanale di Bassano -, gli organizzatori saranno in piazza Libertà con un loro gazebo “per distribuire la locandina del Bassano Pride 2012, incontrare e dialogare con i cittadini e dare informazioni sul corteo e sulla festa di sabato 30 giugno”.
Per saperne di più, e per adesioni e contatti, c'è anche un sito internet dedicato: bassanopride.info/.
“Abbiamo voluto dedicare questa nostra iniziativa - spiega in un comunicato stampa il coordinatore del Circolo Tondelli LGBT Giuseppe Sartori - ad Harvey Milk, politico statunitense e storico militante del movimento LGBT, con gratitudine e affetto per il coraggio e la forza con la quale ha portato il movimento a compiere dei passi in avanti nella conquista di diritti e nel rivendicare un ruolo nel società civile.”
“Il titolo della manifestazione - prosegue la nota - sarà “Be free. Liberatevi”, sottotitolo “Liberi di amare”. Si è ritenuto opportuno, in un momento così difficile per molti aspetti, segnato da una situazione di evidente immobilismo per i diritti civili, di dare un segnale forte contro il sentimento della paura che ancora domina gli animi di molti di noi. Sia il Pride un’autentica occasione di affermazione e di liberazione per molte istanze. Possa, per molte diversità, rappresentare un momento di riscatto, di sano orgoglio inteso non come becera manifestazione d’impudenza, ma come il non vergognarsi di quello che si è, di avere la dignità della propria vita e dei propri affetti.”
“Sia il Pride un momento di coraggio - affermano ancora gli organizzatori -. Sì, di coraggio ne abbiamo bisogno; per superare i timori ed i tentennamenti verso il pregiudizio, l’omofobia e la discriminazione che ancora pesantemente segnano la nostra realtà. Possa, è un sincero auspicio, lo sfilare assieme, uniti, darci la forza di porre fine alla pratica della mancata denuncia delle violenze, anche fisiche, subite in nome di una cultura omofoba e violenta che ancora si percuote su di noi. Solo con il coraggio della denuncia potremo efficacemente combattere questo odioso e incivile fenomeno. Voglia, infine, il Pride essere un momento di festa, di condivisione e di dialogo per tutta la città e il territorio, per tutte le diversità e per tutte le coscienze democratiche che sono impegnate nella costruzione di una società civile più inclusiva, solidale e plurale.”
“Per queste ragioni - conclude Sartori - l’invito a partecipare è aperto a tutti, è il nostro 10° anniversario ma il Pride sarà la festa di tutti e per tutti. Invitiamo i cittadini tutti, le associazioni e i movimenti, le forze politiche e sociali, i politici, gli amministratori ad aderire e a sostenere la nostra iniziativa, a parteciparvi fattivamente per dare un segno visibile di condivisione. Ci vediamo tutti al BASSANO PRIDE 2012. Una festa di e per tutti. Il 30 giugno 2012 sentitevi tutti più liberi.”
Il Circolo Tondelli cita nell'occasione una frase pronunciata da Harvey Milk nel 1978, pochi mesi prima di venire assassinato: “So che non si può vivere solo di speranza, ma senza speranza la vita non ha valore (...). E tu, tu, tu, date loro speranza”.
Un auspicio, come sottolineano i promotori, per “la speranza di poter camminare a testa alta e reclamare i nostri diritti senza timore”.