Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 10-11-2016 19:03
in Il "Tich" nervoso | Visto 2445 volte
 

Little Bassano

A proposito dell'incipit di un articolo pubblicato sul sito del Gambero Rosso

Little Bassano

Bassano, scorcio in centro storico. Foto Alessandro Tich

“Bassano del Grappa, piccolo comune della provincia di Vicenza.”
Così inizia un articolo - firmato da Michela Becchi e pubblicato lunedì scorso 7 novembre sul sito enogastronomico del Gambero Rosso (gamberorosso.it) - dedicato a un laboratorio di torrefazione della nostra città.
Caspita: “piccolo comune?”. Certamente per chi vive a Roma o a Milano, dove l'estensione della città del Grappa non corrisponde nemmeno alla superficie di un quartiere, possiamo apparire come dei simpatici lillipuziani.
Anche perché, in questo come in altri casi - anche se molti maschi non sono d'accordo - le dimensioni contano.
Ma vaglielo tu a spiegare che Bassano ha più abitanti di un capoluogo di provincia come Belluno, che è l'ottava città del Veneto per numero di popolazione residente, che il suo territorio raggiunge le alture di Rubbio e si sviluppa per 47 chilometri quadrati, che la sua area urbana assieme ai Comuni della cintura raggiunge i 70.000 abitanti, che fino a tre anni fa era la sede dell'ottavo Tribunale del Veneto, che ha più volte tentato in passato di diventare capoluogo e conquistare l'autonomia da quella “provincia di Vicenza” a cui si trova ancora oggi incollata, eccetera eccetera eccetera.
Sarebbe fiato sprecato.
Ovviamente la collega articolista avrà scritto quella frase in buona fede.
E non ho motivo di metterlo in dubbio.
E proprio qui sta il punto: la percezione che si ha in Italia della città del Ponte, molto probabilmente, è proprio quella di un “piccolo comune”.
E non solo per colpa dei nostri connazionali ignoranti (participio presente del verbo “ignorare” = “non conoscere”) ma anche, e anzi in gran parte, per responsabilità nostra: di noi bassanesi che evidentemente non siamo stati in grado fino ad oggi di “raccontare la città” e di “raccontarci” al resto del Paese.
Riguardo all'ignoranza, ovvero scarsa o persino mancante conoscenza circa l'effettivo rango e la stessa consistenza demografica e ubicazione di Bassano del Grappa ci sono dei precedenti anche clamorosi.
Resterà negli annali il macroscopico abbaglio preso nientemeno dalla Corte Costituzionale, che tre anni fa, nel respingere un ricorso contro la chiusura del Tribunale di Bassano, aveva collocato la nostra città in provincia di Belluno.
Ma non possiamo pretendere che i giudici della Consulta, esperti dei meandri della legge, siano anche degli studiosi di geografia. E non possiamo pretendere che lo sia anche un'autrice che scrive su un importante sito di recensioni enogastronomiche.
Ecco perché l'incipit del suo articolo mi ha particolarmente colpito.
Perché mi ha portato alla realtà delle cose. Da anni sento parlare del Ponte di Bassano, ma anche di altre “icone” come gli asparagi o la grappa, come delle eccellenze per le quali la nostra città “è famosa nel mondo”.
Ma siamo sicuri che sia proprio così? Siamo sicuri, cioè, che il “mondo” si sia fatto una precisa idea di quello che siamo? Oppure c'è ancora da lavorare - come predicano i promotori del Tavolo di Marketing Territoriale - per capire noi stessi che cosa siamo come territorio, per poi “raccontarlo” (per l'appunto) e promuoverlo anche turisticamente ai quattro venti?
E facendo capire agli altri che Bassano non è un “piccolo comune”, ma una cittadina di medie dimensioni al centro di un comprensorio altrettanto importante e interessante?
Se questa è la strada da battere, ci sarà molto da lavorare. Ma qualcosa bisogna pur fare, perché Bassano e la tanto decantata “bassanesità” hanno dormito fin troppo sugli allori e questo è il risultato.
Ringrazio quindi Michela Becchi di gamberorosso.it: non solo la sua presentazione iniziale di Bassano del Grappa - involontario atto di “lesa maestà” - mi ha fatto riflettere, ma alla fine mi trova perfettamente d'accordo.
E lo dico proprio in questo momento, in cui il vecchio progetto politico della “Grande Bassano” si sta evolvendo nel sogno metropolitano della “Smart City diffusa” della Pedemontana. Pensiamo in grande, ma nella realtà siamo ancora piccoli. E tutto fila in proporzione: per una Little Italy, come è oggi percepito il nostro Paese nel contesto internazionale, è giusto che ci sia anche una Little Bassano.
Pubblicato da ml69 il 11 nov 2016 11:08 | Segnala abuso
Bastava dare una sbirciatina su Wikipedia anche se voglio pensare che sia un modo affettuoso per descriverci il che fa piacere . Certo non serviva il gambero rosso per evidenziare le nostre lacune , sono anni che si predicano le stesse cose . purtroppo siamo lo specchio dell italia , tanti tavoli , tanti comitati , tante associazioni , tante idee e pochi fatti , non siamo concreti , forse all'estero ci vedono così. E forse hanno ragione.
OPERA ESTATE FESTIVALVIART

Agenda

< Agosto 2017 >
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Editoriali

E sottolineo self

E sottolineo self

Alessandro Tich | 62 giorni fa

Il "Tich" nervoso Loggetta del Municipio e Camminamento del Castello: “Ve li presento io”. L'assessore bassanese alla Cultura e alla Promozione del territorio Giovanni Cunico inaugura l'era dei video-selfie

Più visti

1

Rossella 2000

Politica | Visto 3435 volte

2

Apparentamenti

Politica | Visto 1978 volte

3

Uno per Tutti

Politica | Visto 1268 volte

1

Insistisci

Attualità | Visto 3964 volte

2

Rossella 2000

Politica | Visto 3435 volte

5

Apparentamenti

Politica | Visto 1978 volte