Pubblicità

Bassanonet.it

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Teatro

La febbre di Amore

Domenica 17 luglio, al Castello degli Ezzelini, Operaestate Festival inaugura la sua sezione dedicata al teatro con il nuovo spettacolo di Roberto Latini e un omaggio a Canova

Pubblicato il 16-07-2022
Visto 4.007 volte

Pubblicità

Bassanonet.it

Domenica 17 luglio, al Teatro “Tito Gobbi” del Castello degli Ezzelini, Operaestate Festival inaugura la sua sezione dedicata al teatro con Venere e Adone: siamo della stessa mancanza di cui son fatti i sogni, il nuovo spettacolo di Roberto Latini.
L'appuntamento è inserito nel ricco cartellone del festival etico promosso dalla Città di Bassano del Grappa, le Città Palcoscenico e la Regione Veneto e sostenuto dal Ministero della Cultura, dall’Unione Europea e da aziende e Fondazioni “Amici del Festival”.
Roberto Latini, apprezzato attore, autore e regista che ha ricevuto molti premi prestigiosi (tra questi il Premio Sipario 2011, il Premio Ubu nel 2014 come Miglior Attore e il Premio della Critica nel 2015; nel 2017 gli è stato assegnato il Premio Ubu 2017 come Miglior Attore/Performer per lo spettacolo Cantico dei Cantici, approdato anche al Teatro Remondini) in questo momento di ripresa dell’attività teatrale nell’Era della pandemia sceglie di rivolgersi allo stesso argomento che scelse William Shakespeare quando Londra, infestata dalla peste, dovette chiudere i suoi teatri per evitare il diffondersi dell’epidemia: il mito di Venere e Adone.

Adone e Venere (particolare), di Antonio Canova

Afferma Latini: «Lo si potrebbe percepire come un “mito della primavera”, il mito della rinascita. Venere e Adone è la storia di ferite mortali, di baci sconfitti che non sanno, non riescono a farsi corazza, difesa. Anche Amore non può nulla. Anche Amore è incapace; è sfinito, è logoro, è vecchio. Sconfitto. Eppure, cadendo, fa un volo infinito». Un volo infinito che si traduce nella drammaturgia che prevede cinque variazioni in una carrellata di riferimenti ispirati al decimo libro del poema Metamorfosi, di Ovidio, che approdano in scena: da Shakespeare ad Antonio Canova, da Rubens a Tiziano al trio dei Carracci, attraversando il mito nell’arte della parola intrecciato a quello dell’immagine, accompagnati dalla sapiente arte teatrale del fondatore della compagnia Fortebraccio Teatro.
In caso di pioggia, lo spettacolo il cui inizio è fissato per le ore 21.20 si terrà al Teatro Remondini.
Per informazioni dettagliate: biglietteria Operaestate Festival, 35 tel. 0424524214: www.operaestate.it

Più visti

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.523 volte

2

Politica

19-02-2024

Gianni D’Artagnan

Visto 10.370 volte

3

Politica

19-02-2024

Zen O'Clock

Visto 10.177 volte

4

Politica

21-02-2024

Il vigile urbano

Visto 9.998 volte

5

Politica

19-02-2024

Liberté, Lega...lité

Visto 9.717 volte

6

Attualità

20-02-2024

Zontel & Gretel

Visto 9.704 volte

7

Politica

20-02-2024

Campagna Verde

Visto 9.683 volte

8

Cronaca

22-02-2024

Il guerriero del fine vita

Visto 9.023 volte

9

Politica

21-02-2024

C’è Possa per te

Visto 9.016 volte

10

Attualità

23-02-2024

Facciamo sul Serio

Visto 8.712 volte

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.523 volte

2

Politica

10-02-2024

Il grande momento

Visto 13.447 volte

3

Attualità

03-02-2024

Da Bassano con Furore

Visto 12.763 volte

4

Attualità

06-02-2024

Piani Baxi

Visto 11.565 volte

5

Politica

03-02-2024

Campagnolo elettorale

Visto 11.413 volte

6

Politica

04-02-2024

Giunta comunale

Visto 11.300 volte

7

Attualità

07-02-2024

Sarò lapidario

Visto 11.229 volte

8

Attualità

04-02-2024

Vota Antonio, Vota Antonio bis

Visto 11.018 volte

9

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.797 volte

10

Attualità

02-02-2024

Il sig. Francesco

Visto 10.738 volte