Pubblicato il 09-09-2016 07:19
in Mostre | Visto 2.656 volte

Nel segno del Jazz

Sabato 10 settembre, alla Chiesetta dell'Angelo, l'inaugurazione della mostra “Jazz context. Dipinti di Walter Marin”

Nel segno del Jazz

Walter Marin

La nuova stagione espositiva della Chiesetta dell’Angelo riprenderà sabato 10 settembre, nel segno della pittura… a tempo di jazz, con la mostra “Jazz context. Dipinti di Walter Marin”.
L’appuntamento con l’inaugurazione è fissato alle ore 18, per questa esposizione dedicata all’artista trevigiano appassionato di arti figurative e di musica. L’incontro, a ingresso libero, vedrà la partecipazione di Mauro Baldassarre, autorevole esponente e animatore del “Bocciodromo Jazz Club” di Vicenza, che si esibirà al sax alto.
Walter Marin pone particolare l’attenzione alla valenza del suono, e realizza una felice contaminazione tra suono e pittura, tra suono “dipinto” e vibranti ritratti di strumenti musicali e di musicisti. Le sue opere “sonore” sono interpretate con tonalità a volte violente, a volte smorzate, in questa selezione, il pennello che modula il tratto sul ritmo del grande jazz del secolo scorso. Gli strumenti prediletti del jazz, la tromba, il sax, il clarinetto, il pianoforte, divengono qui soggetti animati dal suono suggerito dalla memoria, o dagli ascolti dei grandi protagonisti della musica jazz (Benny Goodmann, Miles Davis, Bill Evans, Chet Baker, Ornette Coleman, Sonny Rollins).
Quella di Marin, è una galleria di strumenti e di personaggi esaltante e al contempo struggente, resa con una pittura a volte aggressiva, nello stile dell’espressionismo astratto americano, a volte più sfumata e nostalgica, e inserita sempre su sfondi e ambientazioni che rendono vivi il senso dell’esaltazione, della fatica, delle dure difficoltà che connotano il background in cui questo genere di musica si è formato e affermato.
La mostra “Jazz context”, curata da Flavia Casagranda, rimarrà aperta nella sede espositiva dell’Assessorato alla Cultura dal 10 al 25 settembre, dal venerdì alla domenica, con orario 16 – 20. L’ingresso è libero.

Più visti