Roberta Zarpellon
bassanonet.it
Pubblicato il 27-04-2017 18:37
in Sociale | Visto 1.586 volte
 

Spesa sospesa

Ispirata ad una tradizione antica, la solidarietà si fa social

Spesa sospesa
Si ispira all’antica tradizione del caffè sospeso l’iniziativa dell’Associazione Pianeta Solidarietà che gestisce la bottega di commercio equo e solidale in via Vendramini a Bassano. L’idea è venuta a Rosanna, una delle socie, e nasce dal desiderio di garantire una spesa a chi non se la può permettere. Il meccanismo è semplice. Chi entra in Bottega può donare 1 euro, un segno di umanità, come viene sottolineato nell'informazione creata per l’occasione, per costruire un fondo che viene trasformato in spesa sospesa da 20 euro o più in prodotti equo-solidali e consegnati alle famiglie individuate da Caritas parrocchiale che opera in rete con i Servizi Sociali del Comune. L’iniziativa, lanciata da gennaio, ha, fino ad oggi, permesso di realizzare e consegnare 23 ceste. Un traguardo che, ci dicono, è in costante aumento e chissà che, anche grazie ai nostri lettori, a breve non raddoppi. Certo è che la proposta piace anche ai turisti. “Una ragazza veronese, in visita a Bassano, – ci dice una volontaria - è entrata in bottega dopo aver visto il nostro messaggio in vetrina e ha voluto darci 1 euro dicendo che era certa di poter contribuire ad un’azione utile”. A differenza di tutti gli altri sostegni presenti in città, questa spesa sospesa, frutto di una condivisione tra molti anonimi donatori, ha anche un’altra peculiarità che ci viene spiegata proprio dalla sua ispiratrice: “Nelle nostre spese, oltre a caffè, zucchero, pasta, mettiamo sempre anche piccoli dolci o prodotti che sappiamo essere apprezzati dai bambini. E’ un segno di attenzione, perché i più piccoli meritano, qualunque sia la condizione della loro famiglia, di avere dei momenti di serenità”.

    Editoriali

    La tromba del giudizio

    La tromba del giudizio

    Alessandro Tich | 16 giorni fa

    Il "Tich" nervoso Dalla vicenda Monegato, e in prospettiva elezioni amministrative a Bassano, considerazioni a ruota libera sull'uso politico dei social