Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

“Un'ordinanza corretta. Ma l'educazione parte da casa”

Baristi d'accordo sulle nuove regole per il consumo di alcolici imposte dal Comune. Il presidente Ferronato: “Saremo sempre più vigili”

Pubblicato il 31-05-2010
Visto 4.671 volte

Canova

L'ordinanza del Comune sui limiti di distanza e di assembramento per il consumo di bevande alcoliche mette i baristi d'accordo. La conferma arriva dalla diretta voce di tre esponenti della categoria, tutti esercenti del centro storico.
“La nostra categoria - afferma Tiziano Ferronato, presidente mandamentale dei gestori dei pubblici esercizi e titolare del locale “Sotto la Torre” - ha recepito il messaggio, giusto e corretto, per una buona educazione. Il maleducato è un problema anche per le nostre attività. E' un problema che riguarda soprattutto i fine settimana, ma non tutti i ragazzi sono dei maleducati. Se ci sono mille ragazzi in piazza e 20 di loro si comportano male, disturbano gli altri 980. Per noi è anche un bene dal punto di vista educativo. Siamo favorevoli al provvedimento e noi saremo sempre più vigili. Resta il problema dei servizi pubblici, che in città mancano. Anche all'ora di chiusura se qualcuno ci chiede di usare il bagno noi non gli diciamo mai di no, ma per garantire il decoro servono più servizi igienici.”
“Sono felice per strada intrapresa con il Comune - commenta a Bassanonet Edoardo Miotti, gestore del “Leon Bar” - per fare in modo che i pochi maleducati intraprendano un percorso positivo. E' un peccato vedere scene disgustose ma è anche importante non dequalificare la clientela bassanese e far capire la scelta che è stata fatta. Già tanto è stato fatto dai gestori dei bar, ma è un problema che non è risolvibile una pacca sulla spalla. L'educazione parte da casa.”

Edoardo Miotti, Alessandro Villari e Tiziano Ferronato

“La prima mossa - ci dice Alessandro Villari, gestore dei “Why Not?” - deve essere fatta dalla gente, che deve recepire questo messaggio diretto a loro. Noi gestori dei pubblici esercizi abbiamo tutto il nostro interesse che questa cosa venga messa in pratica, con le dovute maniere. Basta una buona parola, se l'intervento è troppo fiscale la gente reagisce all'opposto.”

Più visti

1

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.404 volte

2

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.388 volte

3

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.370 volte

4

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 3.049 volte

5

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 1.492 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.171 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.396 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.129 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.567 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.535 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.432 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.364 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.291 volte

9

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.241 volte

10

Attualità

10-11-2022

Sei personaggi in cerca di attori

Visto 6.911 volte