Opera Estate
Opera Estate

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Politica

Fort Apache

Spiegatemi una cosa. Il “declino della sanità bassanese” di cui tanto si parla, tanto si scrive e tanto si firma: che cosa ci sta a fare la Conferenza dei Sindaci?

Pubblicato il 03-06-2022
Visto 6.939 volte

Opera Estate

Spiegatemi una cosa. Stiamo parlando e scrivendo da giorni dei problemi che riguardano l’Ulss 7 Pedemontana, di gazebo e di raccolte firme, di “fughe in avanti” e di mozioni consiliari, di appelli alla Regione affinché prenda in carico nella propria agenda istituzionale le richieste e le lamentele del territorio.
È come se l’Azienda Socio Sanitaria, e con essa i suoi vertici aziendali, fosse un’entità separata e a sé stante rispetto al territorio stesso, una specie di Fort Apache circondato dalle frecce delle critiche politiche, degli attacchi mediatici e delle petizioni popolari.
E allora, se davvero la situazione è così preoccupante come viene presentata, mi sono chiesto che cosa ci stia a fare la Conferenza dei Sindaci dell’Ulss n. 7.

Foto: Dario V.

Sono andato così a riguardarmi in che cosa consiste il suo ruolo.
La Conferenza dei Sindaci delle Ulss - rappresentata sul piano operativo da un comitato esecutivo ristretto di primi cittadini - è l’organismo rappresentativo delle autonomie locali, con funzioni di indirizzo e di controllo sull’attività socio-sanitaria e di partecipazione alla programmazione della medesima.
Le mansioni della Conferenza dei Sindaci sono numerose. Tra queste: la definizione delle linee di indirizzo per l’impostazione programmatica dell’attività dell’Azienda Socio Sanitaria, nell’ambito della programmazione socio-sanitaria regionale.
Ma anche le linee di indirizzo per l’elaborazione del piano attuativo socio sanitario locale e il parere sull’attuazione del medesimo.
Inoltre la rappresentanza dei sindaci, tra le altre cose, “verifica l’andamento generale delle attività”, “contribuisce alla definizione dei piani programmatici trasmettendo le proprie valutazioni e proposte al direttore generale e alla Regione”, “esprime il proprio parere circa le verifiche effettuate dalla Regione nei confronti dell’operato del direttore generale relativamente ai risultati aziendali conseguiti e al raggiungimento degli obiettivi assegnati”.
La Conferenza dei Sindaci ha persino il potere di “richiedere alla Regione, nel caso di manifesta inattuazione nella realizzazione del Piano attuativo locale, di revocare il direttore generale”. Nientepopodimeno.

E allora lascio stare la signora Maria che ormai soffre di sovraesposizione mediatica, ma faccio il ragionamento del signor Alessandro, cittadino e utente dell’Ulss 7 Pedemontana.
E mi domando: in quella che deve o dovrebbe essere una programmazione compartecipata tra Azienda ed enti locali, per il mantenimento e il miglioramento dei servizi socio sanitari sul territorio, qual è il corto circuito che ha portato all’improvvisa crociata di queste settimane, mirata esclusivamente alla componente aziendale del problema?
Liste di attesa, privatizzazione della sanità locale, prestazioni sanitarie in strutture distanti, carenza di medici di base. Prima ancora, le quotidiane bolge dantesche al centro tamponi del San Bassiano. Se davvero la sanità bassanese soffre di queste patologie, perché fino ad oggi la Conferenza dei Sindaci ha giocato a nascondino? Sulle criticità evidenziate dalla piazza e dai gazebo, chi li ha mai visti e chi li ha mai sentiti?
Il consigliere Vernillo, nella sua lettera al direttore di Bassanonet, contesta “l’assordante silenzio dell’assessore regionale Lanzarin”, ma anche l’organismo rappresentativo delle municipalità locali non ha di certo brillato per loquacità.
Il sindaco di Bassano Elena Pavan, che riveste il doppio ruolo di presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss n. 7 e di presidente del Comitato dei Sindaci del Distretto 1 del Bassanese, dovrebbe mangiare pane e Ulss tutti i giorni oppure quasi.
Eppure ci è voluta una mozione della sua stessa maggioranza, all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, per chiederle di farsi carico della questione per “contingentare la situazione e le prospettive dell’Ulss 7” e di “chiedere delucidazioni alla Regione da riferire ai cittadini”.
È come se i quattro gruppi di maggioranza, con un documento consiliare senza precedenti, chiedessero al presidente della Conferenza dei Sindaci, che è il leader della loro stessa scuderia politica, di svolgere finalmente e compiutamente il proprio ruolo.
Nessuno dei firmatari della mozione avallerà questa tesi neanche sotto tortura, ma l’aspetto politico che emerge è quello del fuoco amico, per quanto a fuoco lento.

E sì che la Conferenza dei Sindaci (di cui fanno comunque parte, è meglio ricordarlo, anche i sindaci dell’Alto Vicentino) non è una bella statuina messa ad adornare l’arredamento dell’Ulss.
E proprio il fatto che uno dei suoi principali compiti è quello di stabilire le linee di indirizzo per l’elaborazione del piano attuativo locale ne conferma il fondamentale ruolo di co-fautore e di arbitro della programmazione socio sanitaria territoriale.
Il piano attuativo locale, a sua volta, è il documento strategico per la programmazione socio sanitaria di medio periodo che, come dicono le sacre scritture, “pone l’accento sull’offerta di servizi messi a disposizione dei cittadini, cercando di trovare le soluzioni organizzative che rispondano nel modo migliore ai bisogni di sicurezza, efficacia ed efficienza”.
Evidentemente i problemi evidenziati nei servizi dell’Ulss 7 Pedemontana sono figli anche del fatto che questo piano attuativo o non viene attuato oppure non è stato sufficientemente adeguato alle vere esigenze della popolazione.
Non è solo una questione di vertici aziendali, ma anche e soprattutto di un vuoto di indirizzo, di programmazione e di controllo da parte della politica.
Oggi la grande partita non si gioca primariamente sull’Ospedale San Bassiano, su cui troppo spesso si concentrano i riflettori della protesta e di chi la cavalca, ma sulla medicina territoriale, la vera grande assente - e non da oggi - nel ventaglio delle risposte date e non date alla cittadinanza.
La popolazione invecchia sempre di più e da qui a dieci-quindici anni, salvo improbabili controtendenze demografiche, i cittadini over 60, 70 e 80 saranno predominanti anche nel nostro comprensorio. Sono loro, già oggi, la “fascia di utenza” a cui la politica socio sanitaria deve principalmente pensare.
Una realtà anagrafica che non ha bisogno di sentire come esigenza prioritaria un Ospedale che c’è già e che dovrebbe servire al trattamento esclusivo delle acuzie, delle urgenze e delle emergenze mediche. La nostra popolazione sempre più mediamente anziana ha bisogno d’altro: prevenzione, cure primarie, diagnostica, terapie di recupero, follow up.

Non serve dunque un Ospedale San Bassiano stracarico di servizi e per questo intasato, ma servono tanti servizi decentrati sul territorio. Punti sanità distrettuali, medicine di gruppo, centri diagnostici pubblici, ospedali di comunità e quant’altro: vale a dire le strutture sanitarie intermedie, collocate nel comprensorio, che eviterebbero il regolare ricorso alla sanità privata e le scomode visite di controllo in trasferta ad Asiago o a Santorso.
Fermo restando che, nel caso di situazioni gravi o acute che richiedano assistenza, la struttura di riferimento deve essere sempre l’Ospedale, fornito del maggior numero possibile di servizi specialistici a chilometro zero.
Dello sviluppo definitivo della medicina territoriale pubblica se ne sente parlare da anni, anche per voce dei vertici regionali, ed è da anni che resta un pio desiderio.
E fa specie che la medicina di territorio non riesca a decollare proprio nel territorio dell’Ulss 7, il cui status di Azienda “diversa” rispetto alle altre Ulss del Veneto su base provinciale le fa godere un’autonomia gestionale tanto significativa quanto non adeguatamente sfruttata.
Gli oltre 800 milioni di euro amministrati all’anno dal bilancio dell’Ulss 7 Pedemontana dovrebbero consentire un maggiore confronto sul fronte istituzionale e soprattutto una visione circa le scelte strategiche sulle quali investire.
Per cui, in conclusione, torno alla domanda iniziale: che ci sta fare, in questo lamentato vuoto di risposte alla cittadinanza, la Conferenza dei Sindaci?
Non sarà una raccolta firme a spingere più di tanto verso una soluzione per il bene dei cittadini, ma la presa di coscienza di chi dai cittadini è stato votato e siede sullo stesso tavolo dell’Ulss per indirizzarne e controllarne l’attività.

Più visti

1

Attualità

11-08-2022

Il quadro del Caravaggio

Visto 7.056 volte

2

Attualità

11-08-2022

C’era una volta Maria Meccanica

Visto 6.826 volte

3

Politica

12-08-2022

Cantando sotto la pioggia

Visto 6.731 volte

4

Attualità

16-08-2022

Tiramisù

Visto 5.151 volte

5

Imprese

11-08-2022

Latte millesimato

Visto 4.820 volte

6

Attualità

17-08-2022

Bastion Contrario

Visto 3.569 volte

7

Teatro

11-08-2022

Su fazzoletti di terra

Visto 3.510 volte

8

Danza

16-08-2022

B.Motion emoziona in danza

Visto 2.426 volte

9

Politica

18-08-2022

Bassanese per finta

Visto 1.215 volte

1

Attualità

26-07-2022

Il Genius della lampada

Visto 8.590 volte

2

Industria

27-07-2022

Le “Radici Future” crescono con la seconda edizione

Visto 8.537 volte

3

Attualità

10-08-2022

Tu mi turbi

Visto 8.310 volte

4

Politica

28-07-2022

Circus Pavan

Visto 7.682 volte

5

Politica

28-07-2022

La Novenovela

Visto 7.350 volte

6

Attualità

19-07-2022

Colpo di Genius

Visto 7.316 volte

7

Attualità

28-07-2022

Parco RAASM, la grande Oasi del territorio

Visto 7.175 volte

8

Cronaca

19-07-2022

Signore delle cime

Visto 7.169 volte

9

Politica

22-07-2022

Lucy in the Sky with Diamonds

Visto 7.066 volte

10

Attualità

11-08-2022

Il quadro del Caravaggio

Visto 7.056 volte