Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 14-10-2013 17:37
in Politica | Visto 1.989 volte
 

La “renziana” Donazzan

L'assessore regionale del Pdl si dichiara d'accordo con Matteo Renzi: “E' una follia amministrativa e morale risolvere il problema delle carceri super affollate svuotandole con amnistia e indulto”

La “renziana” Donazzan

L'assessore Elena Donazzan (foto: archivio Bassanonet)

“Renzi ha ragione. È una follia risolvere il problema delle carceri super affollate svuotandole con amnistia e indulto. E' una follia amministrativa e morale.”
E' la dichiarazione trasmessa in redazione riguardo alla posizione del sindaco di Firenze e aspirante leader del Pd Matteo Renzi, in contrasto con i ministri del suo stesso partito in merito all'ipotesi di risolvere il problema del sovraffollamento carcerario con provvedimenti di clemenza, come l'amnistia e l'indulto, definiti da Renzi “un gigantesco errore”.
La notizia sta nel fatto che a trovarsi d'accordo con l'esponente di sinistra è l'assessore regionale del Veneto Elena Donazzan, la Iron Lady del centrodestra bassanese che più destra non si può.
“Una follia amministrativa - aggiunge Donazzan - perché é già stato dimostrato che i detenuti “liberati” in questo modo rientrano in carcere dopo nuova delinquenza con percentuali altissime, quindi non risolvendo il problema. Morale, perché che razza di insegnamento diamo ai delinquenti? E che esempio diamo alle persone per bene? Quelle che non delinquono, che rispettano la legge? Aggiungo che in Veneto il rischio di avere 1.500 disperati in giro, senza lavoro, visto che non riusciamo a trovare e dare lavoro alle quasi 169.000 persone oneste, mi pare una cosa da scongiurare assolutamente.”
“La polemica dentro il Pd non mi riguarda - conclude l'assessore regionale -, ma credo che le persone oneste di destra o di sinistra ma in particolare quelle che guardano a destra, non accettino che si risolva il problema affollamento carceri liberando i delinquenti.”