Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 24-07-2013 17:23
in Attualità | Visto 1.634 volte
 

Zaia: “Cancellieri, una di noi”

Taglio tribunali. Il ministro della Giustizia risponde a un'interrogazione: “Due anni per monitorare gli effetti della riforma, pronti a correttivi”. Il governatore: "Chiudere Bassano è un'assurdità che credo anche il Guardasigilli comprenda"

Zaia: “Cancellieri, una di noi”

Il Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri

“Il governo monitorerà per un biennio gli effetti della riorganizzazione delle sedi giudiziarie, pronto ad adottare eventuali correttivi in caso di necessità.”
E' quanto ha affermato oggi, durante il question time alla Camera, il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri in risposta ad un'interrogazione del capogruppo di Sel Gennaro Migliore e di altri deputati.
Poche, ma sentire parole che aprono nuovi scenari nell'infinita telenovela dei destini delle sedi giudiziarie tagliate dal governo. Sull'“apertura” del Guardasigilli è intanto giunto in redazione l'immediato commento del governatore del Veneto Luca Zaia.
“Accolgo con piacere - dichiara Zaia - la disponibilità del Ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, a prendere in considerazione una correzione al progetto di chiusura dei piccoli tribunali.”
“Nel periodo che ha trascorso nei nostri territori come prefetto ho imparato ad apprezzare la concretezza e la pragmaticità, direi tutte venete, di Anna Maria Cancellieri. La considero una di noi e quindi sono certo che anche nel settore della giustizia saprà operare con lungimiranza e saggezza” - ha aggiunto il presidente della Regione che auspica come le correzioni che il Ministro apporterà alla legge 148 e ai decreti 155/56 del governo Monti riguardino in particolare il Tribunale e la Procura di Bassano del Grappa.
“La manifestazione che si è svolta lunedì sul Ponte di Bassano, con la partecipazione di centinaia di cittadini, categorie, operatori del diritto, forze politiche e sociali, è la testimonianza più efficace di quanto un interro territorio dica no a quella che è davvero una assurdità - riprende il governatore -. Il Tribunale di Bassano risale ai tempi della Serenissima e, lungi dall’essere un residuato storico, presta un servizio fondamentale a una delle zone economicamente più vivaci del Nord. E questo lo si deve anche al lavoro dei magistrati, che hanno saputo portare i tempi di soluzione di una causa civile dai 7,5 anni medi del Veneto a 2,5 anni.”
“L’assurdità di aver costruito un Tribunale nuovo a Bassano - conclude testualmente Zaia - spendendo 15 milioni per risparmiarne 17 a livello nazionale è di quelle che fa gridare vendetta alla gente. E che la allontana dalla politica e dalla fiducia nello Stato.”