Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 02-10-2012 22:29
in Attualità | Visto 3.660 volte

Striscia la Giustizia

Blitz dell'inviato di “Striscia” Moreno Morello alla Cittadella della Giustizia di Bassano per raccontare lo spreco di denaro a seguito della soppressione del Tribunale. Tra le gag a favore di telecamera, il “taglio del nastro" del sindaco

Striscia la Giustizia

Foto di gruppo, in una pausa delle riprese, con Moreno Morello

L'incontro, riservato a pochi intimi, si è concretizzato nel primo pomeriggio.
Il sindaco Cimatti, con un paio di telefonate, ha convocato d'urgenza e in gran segreto i due compagni di avventura prescelti per l'occasione: il consigliere comunale Antonio Mauro, avvocato di professione, e l'onnipresente presidente di Confcommercio Bassano - e ideatore del celebre “bidone tricolore” pubblicato a tutta pagina sul Corriere della Sera - Luca Maria Chenet.
Che lo hanno raggiunto, seduta stante, per partecipare al “blitz” televisivo che racconterà a tutta Italia l'amena storia della Cittadella della Giustizia di Bassano del Grappa, costata ai contribuenti 12 milioni di euro e soppressa dall'inflessibile decreto del ministro Severino.
Moreno Morello, popolare inviato di “Striscia la Notizia”, è “comparso” infatti oggi in città per presentare, secondo il suo stile, l'assurda vicenda del grande scatolone destinato a restare vuoto sulla quale i difensori del mantenimento del Tribunale di Bassano stanno battendo il chiodo da mesi.
Poco dopo le 15, la troupe del seguitissimo programma di Canale 5 ha compiuto un'incursione nel cantiere della “Cittadella”, ormai prossimo alla conclusione, con il sindaco e gli altri due compagni di riprese al seguito del brillante personaggio tv tutto di bianco vestito.
“Una decina di giorni fa, parlando con i giornalisti in conferenza stampa - spiega Cimatti in un comunicato stampa trasmesso alle redazioni a registrazione televisiva conclusa -, avevo annunciato possibili novità in merito alla questione del Tribunale di Bassano del Grappa, che oggi pomeriggio hanno trovato compimento. Moreno Morello, inviato di “Striscia la Notizia”, ha visitato la nuova Cittadella della Giustizia verificando di persona gli sprechi di denaro che l’abolizione della struttura giudiziaria comporterà e il danno subìto non solo da Bassano del Grappa, ma da tutto il territorio.”
“Da qualche settimana - continua il primo cittadino - tenevo i contatti con il noto conduttore, che avevo avuto modo di incontrare personalmente, chiedendogli di portare alla ribalta nazionale l’incredibile situazione venutasi a creare in città.
Moreno Morello e la sua troupe sono rimasti particolarmente colpiti dalla enorme spesa sostenuta finora e dallo stato di compimento dell’edificio, che saremmo già in grado di inaugurare.”
Il merito del “colpaccio”, dunque, va attribuito al sindaco. Anche se, a onor del vero, la paternità del contatto con “Striscia” va ascritta a Marco Tumelero: l'attivissimo “tabaccaio del tribunale” di via Marinali che per primo, alcune settimane fa, aveva segnalato alla redazione del programma l'increscioso caso della "Cittadella" bassanese.
Secondo le prime indiscrezioni raccolte, Morello - che ha coinvolto nella sua “scorribanda” anche il direttore dei lavori - ha animato il servizio televisivo con alcune scenette che hanno visto per protagonisti gli stessi esponenti istituzionali intervenuti.
Lo ha anticipato stesso Chenet, intervenendo al volo, ancora fresco di riprese e visibilmente elettrizzato, all'incontro sul Tribunale di Bassano organizzato nel tardo pomeriggio dal Comitato spontaneo pro-Tribunale in Sala Martinovich.
“Abbiamo partecipato ad alcune gag assieme a Morello e alla “spalla” che lo accompagna nei servizi - ha raccontato il presidente di Confcommercio -. Il sindaco Cimatti si è prestato anche a fare anche il taglio del nastro della Cittadella della Giustizia, che però è stato interrotto all'improvviso dalla “spalla” di Morello...”
Non anticipiamo ai nostri lettori la conclusione del siparietto, per non bruciare l'effetto-sorpresa del servizio.
Un servizio del quale - come ha spiegato Morello agli astanti - non è garantita la messa in onda: sarà la redazione di “Striscia” a decidere se e quando sarà trasmesso.
“Non sappiamo ancora quando il servizio andrà in onda - conferma dal canto suo il sindaco Cimatti -, ma sarà mia cura diffondere la notizia in modo che tutti possano seguire il programma.”
Riusciranno i nostri eroi ad attapirare la Severino?

Più visti