Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 01-02-2012 19:33
in Attualità | Visto 3.541 volte

Bye bye, ausiliari del traffico

Multavano a Bassano le auto sui parcheggi a strisce blu. Ma dal 1° gennaio non ci sono più. L'amministratore di Sis Spa Marangoni: “Lo prevedono le nuove normative sull'affidamento dei servizi pubblici alle società partecipate dai Comuni”

Bye bye, ausiliari del traffico

Una multa del Comune di Bassano per "ticket fuori orario" sulle strisce blu. Dal 1° gennaio tale sanzione viene esclusivamente comminata dalla Polizia Locale

Li vedevamo in giro per Bassano tutti i giorni, divisa e berretto blu, occhio vigile, espressione impassibile, blocchetto delle sanzioni in tasca. Ma da alcune settimane - e precisamente dal 1° gennaio scorso - non li vediamo più.
Desaparecidos.
Parliamo degli ausiliari del traffico, inflessibili “tutori incaricati” dei parcheggi a strisce blu - posti alle dipendenze della Sis Spa, società partecipata del Comune di Bassano del Grappa - che percorrevano in lungo e in largo le vie della città, pronti a staccare le multe da lasciare sul parabrezza delle auto parcheggiate senza ticket o, più frequentemente, con l'orario del biglietto già scaduto.
Una “sparizione” non casuale, ma dovuta a nuove e precise direttive di legge a seguito delle quali la Sis non ha più in gestione le aree blu dei parcheggi cittadini, sostituita in toto per le attività di controllo e le mansioni sanzionatorie dagli agenti della Polizia Locale.
“La novità - ci conferma l'amministratore unico di Sis Spa Adriano Marangoni - è giunta a seguito delle recenti normative che vietano l'affidamento dei servizi pubblici locali alle società comunali. La normativa di governo è stata approvata nel luglio del 2011 ed è stata confermata, in misura ancora più restrittiva, dai decreti del governo Monti."
"Dal 1° gennaio di quest'anno - specifica il dirigente - sono quindi vietate alle società partecipate dei Comuni le attività in concessione dei servizi pubblici locali, una categoria di servizi “istituzionali” nella quale rientra anche la gestione dei parcheggi a strisce blu. Per cui gli ausiliari del traffico non sono più in servizio.”
“La Sis - spiega ancora l'amministratore - continua comunque a svolgere diversi servizi. La normativa, infatti, permette l'affidamento alle società comunali di servizi “strumentali”, ovvero funzionali all'immagine del Comune come ad esempio la gestione del verde o di alcune attività per Operaestate Festival. Continuiamo inoltre a gestire il Parcheggio Cadorna, rinominato “Il Ponte”, per diritto di proprietà. Il Cadorna è infatti un immobile della Sis, sul quale la società esercita un diritto specifico di gestione per 87 anni.”
“L'Amministrazione di Bassano - prosegue Marangoni - avrebbe anche potuto affidare le zone blu a soggetti terzi, tramite una gara pubblica di appalto. Il Comune ha fatto la scelta di gestire direttamente il servizio dei parcometri, il cui controllo ora è totalmente demandato alla Polizia Locale.”
La “rivoluzione” decretata dal governo presenta anche dei risvolti occupazionali: dei tre ausiliari del traffico dipendenti della Sis, infatti, due sono stati assunti a tempo indeterminato.
“Dal 31 dicembre 2011 - afferma l'amministratore unico - la Sis, a rigore di legge, non può più avere alle proprie dipendenze queste due persone. Ma questa situazione solleva un problema di coscienza, e stiamo cercando di trovare una possibile soluzione per evitare il licenziamento. Entrambi gli interessati sono stati infatti assunti con la specifica qualifica di “ausiliario del traffico”: uno totalmente, e l'altro anche con la mansione supplementare di supporto alla squadra manifestazioni di Operaestate.”
“Proprio domani - conclude Adriano Marangoni - ho in programma un incontro sindacale nel quale chiederemo ai due dipendenti se siano disponibili a rimanere in Sis, modificando le mansioni. Potremmo arrivare a un accordo transitorio con l'assegnazione di altre attività, ma con una necessaria contrazione degli orari, fino all'auspicabile affidamento di nuovi servizi alla nostra società. E' la strada migliore per garantire il posto di lavoro.”

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti