Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Pubblicato il 11-10-2017 17:13
in Mostre | Visto 894 volte

Penso... ad arte

Sabato 14 ottobre, nel chiostro del Museo civico, ci sarà la presentazione al pubblico della nuova opera d'arte contemporanea che sarà ospitata nel chiostro di San Francesco

Penso... ad arte

Michelangelo Penso

Sabato 14 ottobre, in occasione della 13^ Giornata del Contemporaneo indetta da Amaci, al Museo civico sarà presentata al pubblico l’opera “Optogenetics”, installazione site-specific di Michelangelo Penso che accoglierà i visitatori nel chiostro del museo e che si inserisce all’interno del progetto che vede l’alternarsi di opere d’arte contemporanea nel chiostro di San Francesco.
L’iniziativa, a cura della direttrice dei Musei bassanesi Chiara Casarin, ha preso avvio nel settembre 2016 e conta a oggi la partecipazione di Antonio Riello, Enrico Benetta e Giovanni Casellato, artisti contemporanei invitati a misurarsi con le collezioni permanenti e l’architettura del chiostro del museo.
Il titolo dell’installazione è preso in prestito da una prassi scientifica che ha lo scopo di sondare il funzionamento dei circuiti neuronali all’interno del cervello umano e che descrive un insieme di tecniche che consentono di rendere una qualsiasi cellula nervosa responsiva agli stimoli luminosi: l’optogenetica.
Nel panorama artistico contemporaneo, la pratica dell’artista indaga il rapporto tra arte e scienza, analizzandone la grande forza immaginativa – e allo stesso tempo razionale – che appartiene a entrambe le discipline e l’importanza della sperimentazione nel mondo scientifico e in quello dell’arte.
Le opere dell’artista veneziano sono un rimando plastico e formale alla genetica; traendo ispirazione dalle sue strutture per ottenere creazioni artistiche, Penso mette in scena la contaminazione tra questi due mondi e ci permette di osservare la sua interpretazione delle forme scientifiche.
L’inaugurazione è fissata per le ore 17.
L’ingresso è libero.

Più visti