B.

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

“Ammassati sul treno Bassano-Padova”

Ennesima odissea per i pendolari della linea ferroviaria, assiepati in un solo vagone. La testimonianza di un nostro lettore

Pubblicato il 03-11-2010
Visto 3.770 volte

B.

Non è una novità, ma ogni volta è una ferita che continua a riaprirsi.
I disagi a cui sono sottoposti i viaggiatori sulle linee ferroviarie che partono da o per Bassano del Grappa sono purtroppo ancora e sempre all'ordine del giorno. Un nostro lettore, l'ing. Giacomo Lazzarotto, ci ha trasmesso al riguardo una testimonianza, che pubblichiamo integralmente:

“Continuano i disagi sulla linea Bassano-Padova. Siamo alle solite, verrebbe da dire, non fosse che ormai non se ne può davvero più.
A colpire stavolta, per mano di FS, è la mazzata del treno delle 8.09, che ogni mattina effettua la tratta in maniera “veloce”, ovvero saltando la maggior parte delle fermate (10 totali) e sostando solo a Cittadella e Camposampiero. Un treno ad alta, se non altissima frequentazione, che arriva da Trento: parecchi lavoratori pendolari e moltissimi studenti, tutti attirati dalla rapidità, teorica, del treno, che dovrebbe compiere il proprio percorso in “soli” 45 minuti circa, ogni giorno lo scelgono per compiere il tragitto verso Padova, lungo 45 chilometri.
Peccato che da più di un mese a questa parte FS non faccia il proprio dovere: il treno è spesso in ritardo (la tanto ambita rapidità viene quindi sciupata a causa di ignoti “problemi tecnici al materiale rotabile”), Ma, cosa ancora peggiore perché denota menefreghismo verso i propri clienti, il treno è composto da un solo vagone. L’ammassamento in pieno stile carro bestiame è servito.
Le presenze, solo alla stazione di Bassano, sono quasi un centinaio, pertanto già in partenza diverse decine di persone sono in piedi; a Cittadella si fatica ad entrare; a Camposampiero bisogna spingere o conviene prendere il treno successivo. Senza parlare della sicurezza in viaggio…
Il tutto per non si sa qual motivo, anche perché costerebbe cosi poco lavoro e denaro aggiungere un vagone: si puo’ rinunciarvi ad agosto dove l’università è chiusa e molti hanno le ferie, ma mesi di fuoco come ottobre, dove iniziano i corsi e riprende il completo tran-tran lavorativo, sono mesi in cui non è ammissibile veder arrivare dalla Valsugana un misero vagoncino.
E comunque, nel resto dell’anno, a quell’ora le presenze son sempre molto alte proprio a causa del tempo di percorrenza ridotto promesso, ma non sempre mantenuto.
Qualche minuto di ritardo è concesso, ma farsi prendere in giro da chi è pagato per un servizio e trovarsi schiacciati e in piedi per l’intero viaggio davvero è troppo.”

Più visti

1

Politica

13-05-2022

Area qua

Visto 12.376 volte

2

Attualità

10-05-2022

Maria che Biosfera

Visto 11.773 volte

3

Cronaca

11-05-2022

Il fumo fa male

Visto 11.626 volte

4

Attualità

11-05-2022

Salute!

Visto 11.394 volte

5

Attualità

11-05-2022

Tanta Rob

Visto 10.600 volte

6

Attualità

12-05-2022

Caesars Palace

Visto 10.518 volte

7

Attualità

12-05-2022

Cosa dolce Cosa

Visto 10.382 volte

8

Attualità

13-05-2022

Mark Spritz

Visto 10.356 volte

9

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 5.858 volte

10

Incontri

12-05-2022

Le passate stagioni raccontate da Siviero

Visto 5.840 volte

1

Politica

13-05-2022

Area qua

Visto 12.376 volte

2

Attualità

10-05-2022

Maria che Biosfera

Visto 11.773 volte

3

Cronaca

11-05-2022

Il fumo fa male

Visto 11.626 volte

4

Attualità

11-05-2022

Salute!

Visto 11.394 volte

5

Attualità

11-05-2022

Tanta Rob

Visto 10.600 volte

6

Attualità

12-05-2022

Caesars Palace

Visto 10.518 volte

7

Attualità

09-05-2022

La Cosa

Visto 10.469 volte

8

Attualità

12-05-2022

Cosa dolce Cosa

Visto 10.382 volte

9

Attualità

13-05-2022

Mark Spritz

Visto 10.356 volte

10

Attualità

04-05-2022

Terno al lotto

Visto 8.865 volte