Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Attualità

L’ultima parola

“Resistere all’assalto del cemento”: A.RI.A. bassanese diffonde il testo dell’intervento per il convegno al Remondini del 14 dicembre dell’ing. Alberto Baccega, scomparso martedì

Pubblicato il 23-02-2023
Visto 7.335 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

L’ultima parola.
Anche se le parole sono molte di più, espresse in due pagine piene di osservazioni e considerazioni.
Si tratta delle “note sostitutive” dell’intervento che l’ing. Alberto Baccega avrebbe dovuto fare al convegno dello scorso 14 dicembre “Resistere all’assalto del cemento. Da San Lazzaro lungo la Pedemontana curare frammenti di paesaggio per salvare il Mondo”, ospitato al Teatro Remondini di Bassano e organizzato da A.RI.A bassanese, Associazione bassanese per il RIspetto ambientale.

L'ing. Alberto Baccega, scomparso all'età di 67 anni

A quell’incontro pubblico Baccega non partecipò, già provato dalla malattia.
Ma aveva comunque inviato un suo testo scritto per contribuire al dibattito della serata.
Martedì scorso 21 febbraio l’ing. Alberto Baccega è venuto a mancare, all’età di 67 anni. Risiedeva a Mussolente e con lui scompare un nome importante nel campo della viabilità e dei trasporti nel nostro territorio e in generale in provincia di Vicenza degli ultimi trent’anni.
Non solo nel suo ruolo professionale di progettista che, fra le tante altre cose, lo portò a concepire il sistema di attraversamento viario della città di Bassano che utilizziamo ancora oggi. Ma anche come coscienza critica sui grandi temi della mobilità di questa parte di Veneto: variante alla Statale Valsugana, Superstrada Pedemontana, trasporto ferroviario.
Nell’esprimere vicinanza al dolore della famiglia e ricordandolo “con stima e gratitudine”, A.RI.A bassanese ha trasmesso in redazione il testo di quel suo ultimo contributo per il 14 dicembre, allegandolo “per conoscenza e come una delle sue ultime testimonianze, senza nessuna strumentalizzazione”.
Ho letto il testo e, per le questioni da esso poste, lo reputo altamente meritorio di pubblicazione integrale.

Resistere all’assalto del cemento

Note sostitutive dell’intervento dell’ing. Alberto Baccega

Innanzitutto desidero salutare l’organizzazione del convegno; i pregiati relatori e lo stimato pubblico.
Porgo le mie scuse per non essere intervenuto, impedito come sono da alcuni problemi di salute che si sono manifestati recentemente.
Desidero, tuttavia menzionare solo per concetti sintetici, dei quali offrirò solo brevi giustificazioni, alcuni limiti di una pianificazione trasportistico-territoriale e di una politica sulle modalità finanziarie dei possibili interventi che ritengo meritevoli di considerazione per invertire la tendenza in corso nel tentativo di raggiungere lo scopo rappresentato dal titolo del convegno.
Il sistema delle vie e delle strutture puntuali dedicate al trasporto si articola per ranghi funzionali.
Se si vuole si può paragonarlo al sistema vascolare.
Il paragone soffre di alcuni limiti, poiché in nessun sistema di trasporto tutte le correnti di traffico conducono o originano da un solo centro: il cuore.
Togliamo allora solo questa prerogativa alla nostra immagine mentale.
Lasciamo in vita tutte le altre: in particolare la distinzione tra vasi principali quelli di rango intermedio e sistemi capillari.
In tutta la storia del Veneto (e non solo) post epoca esclusivamente ferroviaria (dopo prima e la seconda guerra mondiale) si è avuto attenzione solo a due tipi di insediamento:
1 - quello a diretto contatto col tessuto stradale di ogni rango e
2 - quello che richiese pochi capillari aggiuntivi per esservi ricondotto.
Esito_ 1: vantaggio per l’insediante che non ha avuto bisogno di somministrare risorse significative per sostenere le conseguenze territoriali della propria azione;
Esito_ 2: distruzione sistematica della gerarchia del sistema stradale che è diventato in breve ostacolo per gli insediamenti abitativi storici attraversati;
Esito_ 3: ciclica necessità di provvedere localmente ad aggiramenti di problemi, nel limite nel quale questi interventi tamponassero il caso in esame senza attenzione alcuna al quadro di rete generale.
Si può sottoporre ciclicamente un territorio ad una terapia del genere e si vedrà che: tra inadeguatezza della prassi, affarismo e/o corruzione e ignoranza pianificatoria delle sedi competenti e persino cinica applicazione di norme e regolamenti, la crescita del cemento e soprattutto del “Disordine” (inteso come funzione di stato della fisica statistica di Ludwig Boltzmann) è l’unico esito altamente probabile.
Si è sempre sostenuto che una nuova strada possa diventare fattore di sviluppo e crescita.
Se, tuttavia si tiene presente la prospettiva appena descritta si può nutrire una sana schiera di dubbi al riguardo.
Gli episodi legati alla comparsa delle primissime autostrade devono essere riguardati sotto due profili:
L’obiettiva asfissia del sistema stradale relativo agli assi dei grandi movimenti e, per contro, il declino della funzionalità del sistema ferroviario: cosa questa frutto di scelta miope o errata.
Per un verso un sistema autostradale genera potenti e disordinati meccanismi di rendita che potrebbero essere facilmente posti sotto controllo se si avesse in mente di non sottoporre a cicli continui di rendita parassitaria le vecchie localizzazioni industriali che subiscano dislocamento in cerca di marginali vantaggi ricavate da nuove collocazioni prossime a svincoli o dalla semplice perdita di valore di fasce di rispetto.
In definitiva, il metodo insediativo, talvolta valorizzato anche con appellativi propagandistici come il cosiddetto Modello veneto è tutto meno che un modello raccomandabile poiché sfocia in uno dei più costosi metodi insediativi esistenti.
La descrizione appena offerta, si è violentemente aggravata con l’introduzione inconsulta e spericolata della finanza di progetto.
Si vuol far credere, in poche parole che: privato sia inevitabilmente più efficiente e finanziariamente conveniente.
Il secondo assunto è palesemente una pia illusione e spesso anche il primo.
Non starò qui a descrivere minuziosamente il caso della Superstrada Pedemontana veneta dove la Regione Veneto fu avvertita persino dal Consiglio di Stato circa l’assoluta inadeguatezza del Bando di gara a definire i canoni di una proposta economicamente vantaggiosa. Passo oltre per carità di patria e per stanchezza.
Non posso invece tralasciare il caso ferroviario.
Purtroppo, due guerre hanno richiesto due ricostruzioni di ciò che c’era, dov’era.
L’acquisizione d’impianti di sicurezza per l’esercizio, la razionalizzazione dei nodi e la cura del funzionamento dei vari ranghi di trasporto passeggeri e merci non sono intervenuti, se non a tempo scaduto, accompagnati da dolorose mutilazioni della rete e di tratte capaci di futuro. Spesso si trattò di mantenere un livello di sopravvivenza suscettibile di essere finanziato.
Il livello della rete secondaria è rimasto arretrato.
La mutilazione maggiore è però intervenuta con l’abbandono del trasporto a carro singolo che invece è caparbiamente mantenuto con risorse e normative di gestione versate anche al contenimento dei costi, sia in Austria che in Svizzera oltre che in paesi geograficamente estesi come gli Stati Uniti. (ove il costo medio del trasporto merci ferroviario è meno della metà di quello europeo: ci sarà ben qualcosa da apprendere!).
Si può concludere con un interrogativo retorico al riguardo:
Se un sistema ferroviario non riesce ad essere percepito come un sistema di trasporto al quale possa essere condotto un nuovo insediamento industriale sarà ben difficile invocarne la presenza con un qualche significato.
È pur vero tuttavia che strategie d’intervento sono ipotizzabili in questo senso.
Esse si fondano sulla capacità, il ridotto spazio e la diffusibilità di sistemi Hub & Spoke (si può tradurre: Pignone e Raggi) e sullo sfruttamento geografico razionale di ferrovie esistenti, garantendone la capacità e la coerenza presso le stazioni nelle quali le deviazioni del traffico merci devono avvenire verso lo Hub.
Dallo hub (ove nessun accesso stradale diretto deve essere ammesso) una decina di piccoli raccordi merci e opportuni terminali meccanizzati, accessibili dalla rete esistente, dovrebbero collocarsi in tutta la regione, anche in zona montana a scarso traffico, allo scopo di renderli accessibili al massimo in 25÷30 minuti con un viaggio per l’ultimo miglio da qualunque punto del territorio regionale.
Nel prossimo futuro il prezzo per l’emissione di anidride carbonica è destinato a crescere con una rapidità ora inimmaginabile. Verranno buone, allora, le vecchie e care ferrovie senza le quali il nostro modello usa e getta non avrà futuro e sarà sommerso dai guasti che produce e dai costi che occorre sostenere per tenerlo in vita.
Mi scuso ancora per la schematica rappresentazione ma la stanchezza m’impedisce di proseguire.
Saluto nuovamente e vi ringrazio.

Ing. Alberto Baccega, 08/12/22

Più visti

1

Politica

09-04-2024

Carraro in carriera

Visto 10.758 volte

2

Politica

09-04-2024

Centro(destra) giovanile

Visto 10.363 volte

3

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 10.110 volte

4

Attualità

10-04-2024

Calci di rigore

Visto 9.886 volte

5

Politica

11-04-2024

Old Wild Finco

Visto 9.691 volte

6

Attualità

11-04-2024

Pavan for President

Visto 9.684 volte

7

Attualità

09-04-2024

Reportich

Visto 9.391 volte

8

Politica

12-04-2024

Silvia e i suoi Fratelli

Visto 9.185 volte

9

Attualità

11-04-2024

W le Women

Visto 9.128 volte

10

Politica

12-04-2024

Vivi e vota Vivere

Visto 8.795 volte

1

Politica

18-03-2024

Coalizione da Tiffany

Visto 19.918 volte

2

Attualità

19-03-2024

L’Asparagruppo

Visto 15.155 volte

3

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 13.759 volte

4

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.648 volte

5

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.717 volte

6

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.447 volte

7

Cronaca

20-03-2024

I Pfas di casa nostra

Visto 12.197 volte

8

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.126 volte

9

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.315 volte

10

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.255 volte