Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 21-02-2017 18:02
in Attualità | Visto 3.695 volte

L'Isola dei Marosi

Il Comune di Cassola avvia l'iter per la riqualificazione dell'area ex Acquapark destinata a diventare la nuova Isola dello Sport. Affidato allo studio Tixa di Bassano l'incarico per la progettazione preliminare

L'Isola dei Marosi

Un rendering del progetto dell'Isola dello Sport nell'area dell'ex Acquapark

L'Amministrazione comunale di Cassola “passa dalle parole ai fatti”.
Così recita un comunicato stampa trasmesso dal Comune di Cassola in merito al progetto di riqualificazione dell'area ex “Acquapark” a Borgo Isola, destinata a diventare la nuova Isola dello Sport. Dopo le serate informative e i sondaggi dei mesi scorsi, si passa infatti alla fase operativa. Venerdì scorso il Comune ha affidato allo studio Tixa, di Bassano del Grappa, la progettazione preliminare del piano complessivo di recupero e trasformazione della grande incompiuta.
Un incarico da circa 40 mila euro che include anche l'analisi per la vulnerabilità sismica e che dovrà essere espletato nell'arco di due mesi, in maniera tale da consentire poi all'ente di indire entro l'estate la gara per la progettazione definitiva ed esecutiva e di arrivare a dare avvio ai lavori prima di fine anno.
In quel sito, come ben sappiamo, per volontà delle precedenti Amministrazioni sarebbe dovuto sorgere un maxi impianto natatorio: una sorta di Mirabilandia della Pedemontana che non è però mai stata ultimata dopo il crac della Cosbau S.p.A., concessionaria del project financing per la progettazione, costruzione e gestione trentennale del grande complesso ludico-natatorio.
Di qui la necessità di mettere in sicurezza i manufatti già realizzati e di pianificare un intervento meno oneroso e calibrato sulle effettive necessità della cittadinanza.
È stata proprio la popolazione, invitata nei mesi scorsi ad esprimersi su tre diverse proposte di recupero, a scegliere la soluzione (la prima) su cui si dovrà costruire il progetto preliminare.
Un piano che prevede la realizzazione, all'interno dell'area, di una palestra per le scuole e per tutta la comunità, di quattro o cinque campetti sportivi all'aperto, di un parcheggio da 80 posti auto e di un grande parco con giochi per bambini e percorsi vita. Il tutto per un costo complessivo di circa 6 milioni di euro.
“Il primo stralcio dell'Intervento - ribadisce il sindaco Aldo Maroso - riguarderà la realizzazione della palestra, di cui ora la scuola media è sprovvista, e la messa in sicurezza di tutta l'area. Non è però escluso che si possa procedere, di pari passo, anche con la sistemazione del parco.”
Ieri sera i tecnici si sono incontrati con il gruppo di maggioranza, mentre domani alle 18.30 nella sala consiliare del municipio di via Aldo Moro la giunta e i progettisti saranno a disposizione dei rappresentanti delle società sportive per recepire suggerimenti e proposte.

Più visti