Pubblicato il 05-02-2014 16:27
in Attualità | Visto 2.632 volte

Commital-Sami: calvario infinito

Riceviamo da Massimo Pantano, responsabile FIM-CISL di Bassano del Grappa, e pubblichiamo:

COMUNICATO

Commital-Sami: Calvario Infinito. Ancora in attesa della Cassa integrazione

Non terminano le sofferenze dei lavoratori dipendenti della Commital-Sami di Marostica in fallimento.
Al momento del Fallimento, decretato il 13 maggio 2013, i dipendenti vantavano un arretrato sulle retribuzioni di 5 mesi di stipendio. Posti in cassa integrazione straordinaria non hanno potuto usufruire dell'anticipo della provincia perchè in quel periodo la convenzione con la stessa non prevedeva i casi di fallimento. Solo nel mese di settembre 2013 siamo riusciti, grazie alla disponibilità della banca popolare di Marostica ad anticipare la Cassa integrazione ai più bisognosi. A Dicembre è stata approvata al Cassa Straordinaria dal Ministero del lavoro ma i soldi ancora non arrivano ai dipendenti.
Un incredibile valzer di rinvii tra chi deve produrre i documenti, la curatela fallimentare e l'INPS di Vicenza che non procede con il pagamento.
Risultato; da Aprile ad oggi questa gente ha visto solo qualche mese di Cassa integrazione relativa al periodo precedente il fallimento e l'anticipo della Popolare di Marostica per alcuni di loro che lo hanno chiesto.
Tra l'altro la Banca aveva tentato una convenzione con l'INPS che però l'ha rifiutata.
Possibile che le vicissitudini dei lavoratori non siano mai importanti? Possibile che la burocrazia di questo paese chieda un tributo tanto alto a gente che ha l'unico torto di aver creduto in un imprenditore che ha fatto i suoi interessi lasciando fallire una impresa di 80 dipendenti. Non ci risulta lui sia sul lastrico, anzi.
Possibile che chi ha responsabilità amministrative sottovaluti così clamorosamente la situazione della povera gente?
I dipendenti sono esasperati e nei prossimi giorni si recheranno davanti all'INPS di Vicenza per una protesta che sia anche visivamente forte, per denunciare queste lentezze insostenibili ed indegne di un paese che si dice civile.
La Fim-Cisl ha già più volte denunciato questa assurda situazione. Evidentemente la sola parola non basta più. Noi saremo alla testa della protesta per ottenere quanto spetta ai lavoratori.
Per questo motivo Giovedì 6 Febbraio saremo davanti all'INPS di Vicenza con i lavoratori Commital-Sami.

Massimo Pantano della FIM-CISL di Bassano

P.S. A diffusione del comunicato stampa già avvenuta, è giunta notizia che l'INPS ha cominciato ad erogare i pagamenti. Motivo per cui la manifestazione di giovedì 6 febbraio a Vicenza è stata sospesa (NdR).

LIBERTÀ È PAROLA - “Alla scoperta degli “Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa”.

In questa nuova puntata, incontriamo una realtà di Bassano che da anni si impegna per sostenere e supportare il nostro patrimonio #artistico,...

Più visti