Pubblicato il 01-12-2009 22:29
in Mostre | Visto 3.431 volte

L'ultima cena di Andy Warhol

Mostra fotografica presso la storica Enoteca Alle Ore ad Asolo

L'ultima cena di Andy Warhol

Sotto l’ombra dell’antico porticato in pietra che conduce alla romantica piazza di Asolo c’è un’enoteca ricca di fascino e storia. E’ aperta da oltre 100 anni e conserva ancora gli originali pavimenti in cotto dalla originalissima disposizione in pendenza e il soffitto con travi a vista. La chiamano Enoteca Alle Ore.

Vi segnaliamo la mostra fotografica "L'ULTIMA CENA DI ANDY WARHOL" che si terrà appunto ad Asolo (TV) presso la storica Enoteca Alle Ore con opere di Fabrizio Garghetti dal 5 dicembre.

Le opere provengono dall'ARCHIVIO GARGHETTI di Milano, uno dei più importanti archivi fotografici che documentano gli avvenimenti, i personaggi e l'atmosfera delle più importanti avanguardie artistiche del XX secolo: dal NEW DADA alla POP ART, da FLUXUS all'AZIONISMO VIENNESE, passando per le BIENNALI DI VENEZIA e le grandi esibizioni teatrali e danzanti,tra gli altri, di PINA BAUSCH e MERCE.

"La serie dell'ultima Cena testimonia il desiderio più o meno confessato di recuperare un grande messaggio spirituale. Coscientemente o no, Warhol mi è sembrato essere sopraggiunto quale conservatore di un capolavoro della cultura cristiana e di una tradizione che era la sua. La folla si accalcava per vedere Warhol e non la sua interpretazione della Cena. Ma a dispetto dell'indifferenza del pubblico, le opere ai muri per me conservano la loro aura, un pò come se Warhol avesse voluto pervenire, tramite loro, un messaggio che andasse al di là del ready made visivo. E avevo la convinzione che ci fosse riuscito. La sua filosofia del banale era il suo modo di essere umano a pieno titolo. Less is more.
Fabrizio Garghetti si trovava anche lui a Milano quel 22 gennaio 1987. Le sue fotografie costituiscono il quadro visuale più sincronico dello sviluppo del mio pensiero. La dipartita di Andy Warhol ha lasciato un grande vuoto nel cuore di Fabrizio, come nel mio."
Pierre Restany

Più visti