Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Politica

Storia della colonna infame

Questione Baxi/Pengo: adesso scoppia anche il caso della risposta del sindaco Elena Pavan a un commento postato nella sua pagina Facebook

Pubblicato il 01-08-2023
Visto 10.002 volte

Pubblicità

Nicola Ignazio Finco

Ma guarda un po’: mi tocca fare come Alessandro Manzoni.
Fatte le debite proporzioni, ovviamente.
Al termine dei Promessi Sposi, il sommo scrittore ha aggiunto un saggio storico e morale in forma di appendice al romanzo, ambientato nello stesso periodo delle vicende di Renzo e Lucia. E anche il vostro umilissimo cronista è costretto ad aggiungere un’appendice ai già tanti articoli (che non sono ancora finiti) dedicati alla tempesta perfetta generata dal voto del consiglio comunale sulla questione Baxi/Pengo.

Foto Alessandro Tich

Quell’appendice ai Promessi Sposi è l’altrettanto celebre Storia della colonna infame.
Il saggio affronta il tema degli abusi dell’amministrazione della giustizia di quei tempi sotto la dominazione spagnola, prendendo spunto da un processo intentato a Milano, durante la tremenda epidemia di peste del 1630, contro due presunti untori, accusati di propagare il contagio pestilenziale tramite misteriose sostanze.
Si intitola così perché sempre quell'anno a Milano era stata eretta una colonna a memoria del processo contro i due untori ricordati nel saggio manzoniano, monumento al marchio d’infamia contro i presunti propagatori del morbo. Che belle cose.
Va da sé che l’aggettivo “infame”, nei confronti di una persona, è quanto di peggio si può esprimere. Dal dizionario Treccani online: “Infame: Di persona che, per aver compiuto azioni particolarmente turpi e spregevoli, si è resa indegna della pubblica stima”.
Perché ne parlo? È presto detto.
Nella sua pagina Facebook il sindaco Elena Pavan ha pubblicato un post esprimendo il suo pensiero su Baxi/Pengo.
Ribadendo, tra le altre cose, alcuni concetti da lei già espressi in consiglio comunale:
“Le persone vengono prima delle cose. Il consiglio comunale avrebbe dovuto votare all’unanimità una battaglia di civiltà e progresso, non politica: è necessario mantenere i posti di lavoro di Baxi, per sventare una sciagura sociale, e trovare il punto di equilibrio per la tutela del suolo con paletti e compensazioni.”
A un certo punto, tra i commenti al post, un utente di Fb chiede, riferendosi a chi ha votato contro l’atto di indirizzo per l’accordo Baxi/Pengo: “E soprattutto fuori i nomi degli infami…”.
Risposta del sindaco: “Sono pubblici. Il consiglio comunale è pubblico e sono usciti anche sulla stampa.”
Ahi ahi ahi signora sindaca, avrebbe detto il grande Mike Bongiorno.
Con le parole, come ben si sa, bisogna fare sempre attenzione. Soprattutto se chi le scrive o le pronuncia è investito di un ruolo istituzionale e ancor di più se riferite a una questione che è un nervo scoperto della vita cittadina, in cui basta un niente per scatenare ulteriori nevralgie.
Replicando in questo modo, Elena Pavan ha di fatto avvalorato l’epiteto affibbiato dall’utente agli oppositori dell’operazione proposta dalle due aziende, vale a dire non soltanto le minoranze in blocco ma anche tre consiglieri di maggioranza più un quarto che, uscendo dalla sala consiliare per non partecipare al voto, ha favorito le condizioni per il grande pareggio che ha bocciato l’atto di indirizzo per la proposta di accordo.
Che il sindaco prenda di mira le opposizioni è una normale conseguenza del gioco delle parti: in questo caso, tuttavia, non rigettando ma anzi avallando l’aggettivo utilizzato è andato ben oltre i limiti della dialettica della contrapposizione politica.
Ma che comprenda nel gruppo degli “indegni della pubblica stima” (vedasi dizionario) anche alcuni componenti della sua maggioranza, è un rischioso precedente per i traballanti equilibri della maggioranza stessa.
In questa delicatissima fase del suo mandato il sindaco Pavan dovrebbe fare di tutto e di più per ricomporre le divergenze scoppiate all’interno della sua coalizione, risucchiata nel Triangolo delle Bermude Baxi-Pengo-San Lazzaro, e non seminare il terreno affinché queste divergenze si tramutino in scelte più drastiche da parte dei dissidenti.
Non vorrei che l’amministrazione Pavan terminasse il suo mandato, alla scadenza naturale dell’anno prossimo oppure anticipatamente, proprio così: senza infami e senza lode.

Pubblicità

Democrazia CristianaRoberto Marin SindacoElena DonazzanRoberto Campagnolo SindacoElena PavanAndrea Zonta

Più visti

1

Elezioni 2024

23-05-2024

Guglielmix

Visto 24.978 volte

2

Elezioni 2024

22-05-2024

Ora et Labora

Visto 18.067 volte

3

Elezioni 2024

22-05-2024

Campi magnetici

Visto 17.793 volte

4

Elezioni 2024

22-05-2024

Movimento 5 Sberle

Visto 17.647 volte

5

Elezioni 2024

23-05-2024

Ursulo von der Finco

Visto 15.672 volte

6

Elezioni 2024

24-05-2024

Donzelli d’Italia

Visto 12.223 volte

7

Attualità

25-05-2024

Cromo 6 spacciato

Visto 10.657 volte

8

Attualità

25-05-2024

El Pirata

Visto 9.518 volte

9

Attualità

24-05-2024

Odi Barbare

Visto 9.150 volte

10

Attualità

25-05-2024

Tadej-Day

Visto 8.741 volte

1

Elezioni 2024

15-05-2024

Che la Forza sia con te

Visto 25.280 volte

2

Elezioni 2024

23-05-2024

Guglielmix

Visto 24.978 volte

3

Elezioni 2024

19-05-2024

Fincantieri

Visto 21.798 volte

4

Elezioni 2024

14-05-2024

Ruggeri-Morandi-Tozzi-Pasinato

Visto 20.963 volte

5

Elezioni 2024

21-05-2024

Società per Azione

Visto 20.825 volte

6

Elezioni 2024

21-05-2024

Conte partirò

Visto 20.690 volte

7

Elezioni 2024

20-05-2024

Sul Conte di Bassano

Visto 20.459 volte

8

Elezioni 2024

15-05-2024

Wolfgang Amadeus Marin

Visto 19.571 volte

9

Elezioni 2024

21-05-2024

Lo strano caso del Dottor Renzi e Mr. Finco

Visto 19.532 volte

10

Elezioni 2024

21-05-2024

La resa dei Conte

Visto 19.524 volte