Pubblicato il 04-06-2014 18:50
in Incontri | Visto 1.676 volte

I versi senza voce di una zingara

Venerdì 6 giugno, nell’ex chiesetta di San Marco a Marostica, Paola Bloom porterà la voce in poesia del popolo nomade

I versi senza voce di una zingara
Venerdì 6 giugno, nell’ex chiesetta di San Marco a Marostica, ci sarà una "Serata di poesia con i versi senza voce di una zingara". Protagonista dell’evento, patrocinato dalla Città di Marostica e organizzato dal comitato “Vivere e creare per la pace” con il gruppo “Insieme per leggere” e la Consulta delle associazioni culturali della Biblioteca civica in collaborazione con l’associazione "Sette Amici comuni" di Asiago, sarà invece la voce appassionata di Paula Bloom. L’autrice sarà presente e dialogherà con il pubblico dopo la lettura delle sue poesie e l’ascolto di alcuni brani musicali.
Paula Bloom è una sinta altoatesina nata in una piccola carovana alla periferia di Bolzano. Rimasta orfana molto giovane è stata prima affidata alla nonna, donna di grande levatura umana e spirituale sopravvissuta alla tragedia della reclusione in un campo di concentramento e figura centrale nella formazione della bambina, in seguito è stata ricoverata in un collegio a Verona per interessamento dell’Opera Nomadi, un’associazione all’epoca molto attiva a Bolzano. Lì e poi altrove si è sentita accolta e amata “con la sua famiglia e tutti i Sinti dell’Alto Adige” grazie a persone generose che hanno aiutato la comunità economicamente e nei problemi di ogni giorno, preoccupandosi che soprattutto ai piccoli non mancassero il pane e l’istruzione. Tornata tra la sua gente si è sposata e ha avuto sette figli. Nel 1997 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie e nel 2007 ha vinto un prestigioso premio internazionale di poesia dedicato a poeti e scrittori sinti e rom, il concorso artistico “Amico rom” di Lanciano (Chieti), nell'ambito del quale ha conseguito nel 2011, prima tra i Sinti, il premio alla carriera. Nella raccolta Voci nel vento/Draußen am Rand, AlphaBeta Edizioni, che sarà presentata nella Chiesetta di San Marco,
oltre alle poesie in italiano, tradotte in tedesco dal poeta e scrittore Sepp Mall, sono contenute anche alcune poesie che l'autrice ha scritto nella sua madrelingua, il romanes parlato dai Rom e dai Sinti. La sua recente produzione in versi è raccolta anche nella pubblicazione La speranza, libro dove Paula Bloom parla del suo sogno, che è quello di far conoscere al mondo la parte bella del popolo nomade, i suoi valori, i suoi ideali e la fiducia che sia possibile l'integrazione dei suoi figli senza venir meno a questi riferimenti legati alla cultura e alla tradizione.
L’appuntamento avrà inizio alle ore 20.45 ed è a ingresso libero.

Bassanonet TV

CULT tv

"Non è invisibile"

Un virus invisibile ma allo stesso tempo presente nella realtà di tutti i giorni. Marco Chiurato è artista poliedrico, spazia tra performances,...

Più visti