Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 24-06-2011 14:38
in Attualità | Visto 2.301 volte

Ecco in anteprima la nuova Biblioteca

Oggi alle 18 l'inaugurazione che conclude un progetto lungo 35 anni. E via Museo, con via Roma, diventerà un' “isola pedonale della cultura”

Ecco in anteprima la nuova Biblioteca

La sala di lettura principale al piano interrato della nuova Biblioteca Civica (foto Alessandro Tich)

Al piano interrato una sala principale di lettura, un seconda sala di lettura, una sala per la narrativa, i periodici e internet, un locale per microfilm e multimediali, una sala per i manoscritti e l'archivio. Al piano terra due sale per la biblioteca bambini e ragazzi e l'emeroteca. Al piano "-2", invece, sono collocati i depositi.
Servizio wi fi gratuito e orario di apertura dal martedì al sabato dalle 9 alle 18.30 (in luglio e agosto il sabato dalle 9 alle 13) e il lunedì dalle 14.30 alle 18.30.
La nuova Biblioteca Civica di Bassano del Grappa - ubicata nella nuova ala del complesso del Museo Biblioteca Archivio - è cosa fatta, e questo pomeriggio alle 18 si è svolta la cerimonia inaugurale che conclude il lunghissimo iter del progetto che ha attraversato 35 anni di storia della città.
“E' con orgoglio - ha affermato alla vernice per la stampa il vicesindaco e assessore alla Cultura Carlo Ferraro - che portiamo oggi a compimento una vicenda che si trascinava da moltissimo tempo. E' capitato a noi, e ringrazio l'assessore ai Lavori Pubblici Dario Bernardi e l'Ufficio Tecnico del Comune che hanno concluso in tempi ragionevoli una storia lunga quasi 35 anni.”
“Era il caso di dare questa risposta alla città - ha continuato Ferraro -. Con questa operazione, accanto a un Museo prestigioso come il nostro, abbiamo ora una Biblioteca che può fornire un servizio in grado di mettere l'utente al centro, in termini educativi e culturali che sono propri della funzione pubblica. E' una giornata che deve rimanere nella storia di Bassano e della cultura bassanese.”
“Oggi - ha aggiunto l'assessore ai Lavori Pubblici Dario Bernardi - restituiamo alla città una grande intuizione di chi ci ha preceduto, e in particolare delle Amministrazioni degli anni '70 con i sindaci Fabris e Martinelli che avevano fatto una scelta chiara. E' stato un progetto lungo, complesso e per gli assessori che mi hanno preceduto anche difficile. Con l'intuizione dell'ampliamento, sul progetto degli architetto Carlo e Annabianca Compostella, è stato creato un nuovo baricentro nell'ex piazzetta Ragazzi del '99, con un indovinato ri-studio dei flussi in centro storico.”
“C'è la possibilità concreta - ha annunciato Bernardi - di creare una nuova animazione culturale in due vie, via Museo e Via Roma, che sono state ripavimentate proprio a questo scopo. Speriamo che, il prima possibile, le due vie possano costituire un anello pedonale che diventi la nuova piazza della cultura cittadina.”
“Il costo complessivo dell'opera - ha informato ancora l'assessore ai Lavori Pubblici - è di 5 milioni e 824mila euro, un impegno che per l'80% è ricaduto nelle casse dell'Amministrazione e che per la restante parte ha beneficiato di un contributo della Fondazione Cariverona. La notizia dell'ultima ora è che la Regione Veneto ha finanziato il progetto per la sistemazione dell'ala del museo-biblioteca, con Sala Chilesotti compresa, rimasta vuota dopo il trasloco nei nuovi locali. L'intervento, del costo di 1 milione e mezzo, riceverà un contributo regionale di 900mila euro che ci darà la possibilità di fare subito i lavori.”
“Come amministratore, ma anche come ex studente che ha utilizzato i locali della vecchia biblioteca - ha dichiarato l'assessore al Turismo e Attività Produttive Alessandro Fabris - sono sicuro che la nuova struttura attirerà molti più studenti, che porteranno movimento e più persone in centro a Bassano. E' un'opera che ridisegna il volto di Bassano ed è un tassello fondamentale per proseguire nel nostro progetto città.”
“La Biblioteca - ha sottolineato infine la direttrice del Museo Biblioteca Archivio Giuliana Ericani - non sarà solo un luogo di conservazione, ma anche un polo culturale della nostra regione. La Biblioteca di Bassano è stata la prima realtà aperta nel Veneto, con un patrimonio di storia e di dotazioni che ora può essere conservato e consultato secondo le più moderne tecnologie.”
Oggi è dunque il grande giorno della consegna ufficiale dell'opera alla comunità bassanese. Ma il vero “opening”, al di là delle cerimonie odierne, sarà domani mattina alle 9 quando le porte della biblioteca saranno aperte al pubblico.
Intanto, nella nostra photogallery, potete vedere in anteprima assoluta tutte le sale della nuova struttura che la città attendeva da più di tre decenni.

    Pubblicità

    Opera EstateMostra

    Ultimora

    Più visti