Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Politica

Tezze x 2

Amministrative a Tezze sul Brenta: sancita l'alleanza tra le due civiche Progetto per Tezze e Obiettivo Comune, con candidato sindaco Maria Rita Innocentin. “Uscire dalla palude culturale e amministrativa che non ha pari in tutta la provincia”

Pubblicato il 24-03-2014
Visto 3.794 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Uniti per far uscire Tezze sul Brenta dall'“isolamento territoriale” in cui il Comune è caduto negli ultimi cinque anni, per abbassare il carico fiscale dei cittadini e per mettere in atto una nuova politica di bilancio e di gestione delle spese dell'ente comunale.
A due settimane dalla presentazione del candidato sindaco della civica Progetto per Tezze Maria Rita Innocentin, si allarga il fronte dell'alternativa all'Amministrazione uscente del sindaco leghista Valerio Lago.
E' notizia ufficiale infatti l'alleanza tra due liste civiche che attualmente siedono all'opposizione in consiglio comunale: Progetto per Tezze e Obiettivo Comune, nell'imminente campagna elettorale, correranno assieme.

Il dr. Gianpaolo Bastianon e il candidato sindaco Maria Rita Innocentin: tra Obiettivo Comune e Progetto per Tezze è alleanza elettorale (foto Alessandro Tich)

L'annuncio viene dato in conferenza stampa dal capogruppo di Obiettivo Comune Gianpaolo Bastianon e dal candidato sindaco Innocentin che per la cronaca, cinque anni fa, si era già candidata come consigliere proprio nella squadra del dr. Bastianon.
Ora lo scenario è diverso: è la 49enne avvocatessa a proporsi alla guida di un progetto amministrativo che oltre a Progetto per Tezze, il gruppo che ha presentato la sua candidatura a primo cittadino, trova anche la totale e ufficiale adesione del gruppo di Obiettivo Comune.
“Non è più accettabile - afferma Gianpaolo Bastianon - che in consiglio comunale siedano persone che già vi sedevano 30 anni fa. C'è voglia di rinnovamento e di un'Amministrazione che non sia influenzata da ideologie di corrente. C'è la necessità di ridurre la pressione fiscale e di eliminare gli sprechi. L'alleanza tra Obiettivo Comune e Progetto per Tezze nasce dal fatto che ci siamo trovati spesso d'accordo sulle risposte da dare e come modo di vedere e amministrare.”
“Il fiore all'occhiello di questa alleanza - prosegue il capogruppo di Obiettivo Comune - è Maria Rita Innocentin, che è il collante dei due gruppi. Il fatto che lei sia un volto nuovo, e non originaria di Tezze, è la sua forza. E' l'occasione per vedere superato il secolare problema del campanilismo che ha bloccato le scelte per il paese.”
“La nostra è una lista civica trasversale e apartitica - aggiunge Bastianon -. Gli obiettivi principali sono tre. Il primo è quello di mandare a casa chi non investe bene le risorse del Comune: diciamo “no” alla pressione fiscale e alle opere incompiute, come la palestra di Stroppari. Poi creare una squadra fatta di facce nuove, scegliendo anche tra le tantissime eccellenze che sono i nostri giovani, risorsa inestimabile per il paese. Il terzo obiettivo è quello di far ripartire Tezze sul Brenta come centro di riferimento del comprensorio bassanese, con una politica di intesa e di collaborazione con i Comuni limitrofi.”
“Questo è l'epilogo di un cammino iniziato cinque anni fa - dichiara da parte sua Maria Rita Innocentin - e che è sfociato nella mia candidatura, che ho accettato con spirito laico, senza alcuna appartenenza politica e ideologica. E con la stessa laicità, in questi cinque anni, ho continuato a seguire i due gruppi.”
“In questi quindici giorni - continua Innocentin - mi sono sentita collocare dagli avversari tra l'estrema sinistra e altre fantasiose definizioni. Mi hanno chiamato “comunista” e “fantoccio”. Per queste cose uso la frase che avevo imparato a scuola: “Raglio d'asino non giunge in ciel”. Non scenderemo nel loro terreno di scontro personale. Parleremo alla gente portando facce nuove. Vogliamo uscire dalla telenovela che da anni presenta sempre le solite facce e dalla palude culturale e amministrativa che non ha pari in tutta la nostra provincia.”
La telenovela altro non sarebbe che quel “Beautiful” già citato dalla Innocentin quale esempio dell'andamento della cosa pubblica a Tezze: “Se guardi una puntata dopo cinque anni, non cambia niente e vedi sempre gli stessi personaggi.”
La “palude culturale e amministrativa” è riferita invece, innanzitutto, a due questioni che all'accoppiata Progetto per Tezze - Obiettivo Comune stanno particolarmente a cuore.
La prima è l'uscita dall'isolamento del paese rispetto al resto del comprensorio: “L'incomunicabilità con i Comuni limitrofi si traduce nei problemi delle zone di confine del nostro territorio comunale. Una delle grosse criticità di questa Amministrazione è quella di essersi isolata, per problemi personali o politici.”
La seconda grande criticità, secondo Innocentin e Bastianon, è l'ingiustificato aumento delle spese correnti, quelle cioè che servono per il solo funzionamento della macchina comunale: “Siamo passati dai 5 milioni di spese correnti di cinque anni fa agli attuali 6,3 milioni. 1 milione e 300mila euro in più per far andare la macchina che andava cinque anni fa.” Da qui “l'impennata dell'aliquota Imu al 9,3x1000, poi ritoccata al 9x1000”.
“Con la riduzione delle spese correnti - sottolinea il candidato sindaco - c'è spazio per fare nuovi investimenti in conto capitale.”
E sui numerosi incarichi affidati dal Comune a professionisti esterni: “Bisogna che vi chiediate perché sono stati dati questi incarichi. Pensateci voi.”
E anche nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'alleanza tra le due civiche Progetto per Tezze e Obiettivo comune, Maria Rita Innocentin torna a rimarcare la differenza tra “fare amministrazione”, ovvero quello che la sua lista si propone di garantire, ed “essere amministrazione”, ovvero l'atteggiamento che la stessa Innocentin imputa al governo comunale uscente.
“Fare amministrazione - conclude il candidato sindaco - vuol dire ascoltare i cittadini anche se non ti hanno votato. Essere amministrazione vuol dire invece trovare un cittadino in un ufficio comunale e dirgli: “stai attento, se vinco io e tu non voti per me te la farò pagare”. E' un fatto molto grave accaduto in questa Amministrazione, e il cittadino a cui è successa questa cosa è qui presente tra noi. Noi non vogliamo “el paron del Comune”, ma persone nuove che vogliono cambiare e fare un salto culturale, alternativo e diverso per il paese. I candidati saranno scelti in base a questi criteri: competenze, rappresentanza territoriale, no conflitti di interessi e non aver recitato in “Beautiful”. Ai cittadini adesso scegliere se vogliono il vecchio o se vogliono il nuovo.”

Più visti

1

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.261 volte

2

Politica

15-04-2024

La sCampagnata

Visto 10.013 volte

3

Attualità

15-04-2024

Tenente Colombo

Visto 9.998 volte

4

Attualità

15-04-2024

A Cortese richiesta

Visto 9.707 volte

5

Politica

16-04-2024

Ex Polo, ex voto

Visto 9.657 volte

6

Il "Tich" nervoso

16-04-2024

Smarrimento Nazionale

Visto 9.601 volte

7

Attualità

14-04-2024

Sul Ponte sventola bandiera bianca

Visto 9.501 volte

8

Attualità

14-04-2024

Genius Guastatori

Visto 9.367 volte

9

Attualità

16-04-2024

Marinweek Senior

Visto 9.094 volte

10

Politica

13-04-2024

Vado al Massimo

Visto 9.026 volte

1

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 14.081 volte

2

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.759 volte

3

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.857 volte

4

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.549 volte

5

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.294 volte

6

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.421 volte

7

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.355 volte

8

Politica

07-04-2024

Gimme Five

Visto 11.334 volte

9

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.261 volte

10

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 10.903 volte