Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Interviste

A tu per tu con Marco Missiroli

Marco Missiroli per "La parola agli autori"

Pubblicato il 20-06-2010
Visto 3.455 volte

Canova

Nel presente in cui viviamo, dove possiamo disporre di nuove tecnologie, di sterminate banche dati, dove è in corso una sfida all’immaginazione e alla nostra capacità di gestione, qual è secondo te il ruolo della narrazione?

Corre un vantaggio e un rischio: il vantaggio è quello della facilità della documentazione e della possibilità di scrivere cose che “non si conoscono” con più comodità, vista la facile reperibilità delle informazioni. Il rischio è nel vantaggio: la documentazione è spesso più superficiale e si scrive di qualcosa che non si conosce veramente. Non so più se è una bella o una brutta cosa.

Marco Missiroli foto di Mattia Farronato


La vita quotidiana spesso corre sui binari di un locale: ferma in stazioni banali, avanza anestetizzata dagli scossoni, obbedisce a fischi/squilli che imperano di ripartire. L’atto consapevole dello scrivere è il partire per un viaggio, un nastro trasportatore o una scalata per altre dimensioni?

Non so se è evasione, conoscenza, denuncia, perlustrazione o semplicemente autoanalisi narcisistica. Uno scrive spesso senza sapere il perché o senza conoscere se la fonte è il proprio egoismo o una funzione sociale. Bene così, si scrive per... i tre puntini di sospensione sono necessari per una non risposta costruttiva.

Al festival è in programma un dibattito sul tema del male: interessarsi del male, anche attraverso lo strumento di decifrazione della scrittura, può fare... bene?

Sicuramente sì. La conoscenza del male è umana perché il male è l’umano. Quindi non è altro che un viaggio nell’uomo. Che cos’è la letteratura se non un viaggio nell’umanità?

L’anno prossimo ci sarà un anniversario importante, i 150 anni dell'Unità d’Italia: come leggi e come scrivi il futuro del tuo Paese?

Se la classe dirigente è la sua opposizione rimangono tali non so quali saranno i punti di arrivo. Si sposta sempre la soglia, francamente non so rispondere e questa mancata risposta mi preoccupa moltissimo.

Qual è l’idea, o l’intenzione, da cui è nato il libro che hai presentato al Piccolo Festival?

La possibilità del riscatto e della redenzione in una vita che non la prevedeva.

Riscrivi tu la quarta di copertina del tuo libro, uscendo, se vuoi, dalla logica di un discorso promozionale

A tutti è data una seconda possibilità? Non credo. In questo libro c’è questa seconda possibilità, che potrebbe essere quella di tutti noi.


Più visti

1

Attualità

01-12-2022

Le due verità

Visto 6.878 volte

2

Attualità

01-12-2022

L’Isola dei Dubbiosi

Visto 6.476 volte

3

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 6.350 volte

4

Magazine

01-12-2022

Una Madonna, un artista e Tre Briganti

Visto 3.904 volte

5

Musica

03-12-2022

Three Men Apart al Remondini

Visto 3.445 volte

6

Manifestazioni

01-12-2022

Xmas time

Visto 2.208 volte

7

Calcio

04-12-2022

Bassano bum bum

Visto 2.078 volte

8

Magazine

07-12-2022

Bassano che legge

Visto 1.272 volte

9

Attualità

08-12-2022

Sturmtrippen

Visto 339 volte

10

Calcio

08-12-2022

Vittoria fondamentale

Visto 168 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.362 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 9.176 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 8.247 volte

4

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.188 volte

5

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.111 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.633 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.587 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.486 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.437 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.387 volte