Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 21-10-2010 22:51
in Attualità | Visto 2.835 volte
 

Assalto al casting

Affollata partecipazione, all'Hotel Palladio, alla prima giornata delle selezioni per le comparse di “Cose dell'altro mondo”. Tra giovani modelle, immigrati africani e bassanesi di mezza età

Assalto al casting

Ore 15.30: una parte della fila di candidati al casting dell'Hotel Palladio

Circa 180 quelli registrati dalla produzione di Rodeo Drive. Almeno una settantina quelli che invece, di fronte alla ressa e ai lunghi tempi di attesa, hanno desistito e se ne sono andati via. La prima delle due giornate di casting di “Cose dell'altro mondo” - il chiacchieratissimo film di Francesco Patierno, con Diego Abatantuono e Valerio Mastrandrea, che parla di veneti e di immigrazione - si è conclusa con un autentico “sold out”.
Alle 15.30, ora d'inizio dei provini fotografici per la selezione delle comparse, il corridoio d'ingresso e il salone di attesa dell'Hotel Palladio di Bassano erano già strapieni: cosa che la fotografia da noi scattata nell'occasione rende solo parzialmente.
L'assalto al casting ha provocato una grande mole di lavoro supplementare per la Pro Bassano, col presidente Renzo Stevan, chiamata a collaborare per conto del Comune con la casa di produzione del film. L'affollamento ha causato anche un corto circuito di informazioni per i partecipanti, molti dei quali sono rimasti a lungo senza sapere dove e come rilasciare i documenti per ritirare i formulari di partecipazione.
Dai provinandi del Palladio saranno scelte 125 persone da inserire nelle scene della pellicola: 100 italiani e 25 extracomunitari, con evidenti tratti somatici stranieri.
Nella moltitudine di aspiranti comparse, diverse ragazze e ragazzi - come apprendiamo nei corridoi - sono stati inviati all'appuntamento dalle agenzie di moda. Non mancano gli immigrati: soprattutto giovani africani. Ma sono numerosi pure i candidati, anche di mezza età, del Bassanese.
Un insolito “popolo del casting” richiamato dalle sirene del cinema, ma anche e soprattutto dal compenso annunciato per la partecipazione al film: 80 euro al giorno. Domani si replica, sempre al Palladio. Per una piccola città come la nostra, sono anche queste cose dell'altro mondo.