Canova
Canova

Sponsorizzata Sponsorizzata
Bassanonet.it

Attualità

Parco RAASM, il lavoro nel verde

Il valore economico, oltre che ambientale, dell’Oasi-Parco RAASM spiegato ai dipendenti dell’azienda e agli ospiti del territorio

Pubblicato il 07-11-2022
Visto 6.552 volte

Canova

Immaginatevi due ristoranti. In entrambi i locali si mangia bene e si pagano gli stessi prezzi.
Ma il primo ristorante si presenta accogliente, è dotato di un comodo parcheggio e dispone anche di un ampio giardino.
Il secondo invece ha un aspetto anonimo, è scarso di parcheggio e non ha nessun albero. In quale dei due scegliereste di andare?

Il titolare della RAASM Giovanni Menon, in piedi, presenta le caratteristiche dell’Oasi-Parco

È l’esempio scelto da Giovanni Menon, titolare della RAASM di San Zeno di Cassola, per spiegare il valore aggiunto della grande Oasi-Parco che circonda l’azienda.
Non è la prima volta che l’imprenditore presenta l’oasi naturalistica che è il frutto di 34 anni di interventi e di investimenti mirati e che costituisce un esempio unico nel suo genere di regno della biodiversità in contesto urbano e produttivo.
Ma questa volta lo fa davanti a un pubblico speciale: i propri dipendenti. Assieme a un uditorio di ospiti del territorio, invitati in azienda per scoprire i segreti di questa speciale combinazione tra ecologia e tecnologia.
“Bisogna capire la reale importanza di questo parco, a cui va data la giusta lettura - afferma Menon -. Il parco è nato e si è sviluppato per una mia precisa visione industriale cioè un mio modo di fare azienda.”
Il titolare della RAASM, oggi marchio leader a livello internazionale nella produzione di attrezzature per il trasferimento di fluidi nei più svariati settori, ricorda le origini della sua impresa, fondata nel 1975 e collocata ai suoi inizi all’interno di una stalla di 90 mq.
Già allora all’esterno del locale aveva messo a dimora i primi pioppi cipressini, per un contatto con la natura che avrebbe caratterizzato l’intera storia dello sviluppo aziendale. Nel 1985 veniva costruito il primo capannone di 850 mq, più 280 mq di soppalco, seguito nel 1987/88 dall’acquisto di un terreno verde di 23mila mq.
Era il primo passo della realizzazione di quella che oggi è un’oasi ambientale di 125mila mq.
“Ritengo che anche la cultura del verde debba cominciare a far parte della cultura industriale - rimarca il titolare -. L’Oasi-Parco ha un valore sociale ed ecologico indefinito, ma grandissimo. Il verde paga, si capitalizza, è vita, è futuro.”
“Questo parco non è solo un ornamentale polmone verde e non è solo un fine e qualitatissimo strumento aziendale e promozionale - è uno dei passaggi chiave dell’intervento -. È sorgente di vita e di cultura per tutti e in particolare per i nostri figli.”
Non è un modo di dire ma un obiettivo concreto. È infatti intenzione del fondatore della RAASM organizzare nel prossimo futuro una festa coi dipendenti allargata alle loro famiglie e in particolare ai loro figli. Il nome di ciascun bambino e bambina sarà abbinato a un nuovo giovane albero che verrà piantato nel parco aziendale.
“Potranno tornarci a vedere come il loro albero sta crescendo e quando saranno adulti potranno portare i loro figli a vedere come il loro albero è diventato grande.”
Anche in questa occasione Giovanni Menon illustra le caratteristiche che fanno dell’Oasi-Parco RAASM un ecosistema unico in ambito produttivo: dalla rete dell’acqua che lo rende un bacino idrografico a sé stante al “pianeta microfauna” e dalle nicchie ecologiche che favoriscono l’insediamento di migliaia di esemplari dell’avifauna al patrimonio arboreo rappresentativo di tutte le famiglie botaniche del mondo che possono vivere alle nostre latitudini, fino all’annuncio del nuovo geoparco in via di formazione.
Sottolinea il titolare, rivolgendosi ai dipendenti: “Dobbiamo guardare alla natura come fonte di ispirazione. Le piante collaborano fra di loro, in quanto si connettono con le radici, che sono anche il loro cervello collettivo, intercambiandosi così più informazioni ed esperienze, come un grande team.”
L’incontro alla RAASM si conclude all’esterno, quando sull’Oasi-Parco sta calando la sera, con una piacevole e informale castagnata. Un omaggio alla stagione autunnale regalata da Madre Natura, socia onoraria dell’azienda.

Più visti

1

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.032 volte

2

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 7.995 volte

3

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 6.956 volte

4

Attualità

29-11-2022

L’industriale e il contadino

Visto 6.724 volte

5

Attualità

01-12-2022

Le due verità

Visto 6.709 volte

6

Attualità

01-12-2022

L’Isola dei Dubbiosi

Visto 6.330 volte

7

Attualità

29-11-2022

L’erba del vicino

Visto 6.265 volte

8

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 4.778 volte

9

Magazine

01-12-2022

Una Madonna, un artista e Tre Briganti

Visto 3.784 volte

10

Teatro

29-11-2022

LA stagione teatrale bassanese apre con Servo di scena

Visto 3.270 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.312 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.429 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.168 volte

4

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.032 volte

5

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 7.995 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.608 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.565 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.468 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.401 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.359 volte