Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 21-05-2012 20:12
in Attualità | Visto 2.140 volte
 

Servizio (?) ferroviario

Cosa succede se in un affollato weekend di maggio il treno da Bassano del Grappa a Venezia ha solo tre carrozze? La testimonianza di un nostro lettore

Servizio (?) ferroviario

Sabato 19 maggio: così il treno Bassano-Venezia delle 10.08

Un nostro lettore ci ha inviato una foto e una testimonianza scritta, che pubblichiamo di seguito, sull'ennesimo caso di disagio e disservizio sulla linea ferroviaria Bassano-Venezia:

“Gent.mo Direttore

so che la situazione dei treni regionali da e per Bassano del Grappa è un argomento più volte discusso sulla sua testata ma solo quando si prova con mano ci si rende conto della situazione. Ho frequentato l'Università Ca' Foscari a Venezia nella prima metà degli anni '90 e da allora continuo ad utilizzare i treni regolarmente ma non la rete regionale, così per colmare questo gap sabato 19 maggio scorso con la mia famiglia ed altre famiglie abbiamo preso il treno per Venezia alle 10.08 per visitare un museo/evento didattico a Venezia, certo era il week-end dell'America's Cup ma da una regione come il Veneto ed una città come Bassano che s considerano a vocazione turistica ti aspetteresti un adeguato servizio ferroviario a fronte di determinati eventi....

la risposta è probabilmente ovvia per i più cinici, ma il treno da Bassano del Grappa a Venezia in un week-end di maggio che si sapeva denso di eventi era costituito da 3 carrozze con il risultato che già da Bassano (di cui allego una foto) i vagoni erano impraticabili e da Castelfranco Veneto in poi la situazione è degenerata con litigi tra i passeggeri e chi voleva (giustamente) salire con rischi per tutti, mentre il personale Trenitalia si dichiarava non responsabile a gestire la situazione di carenza di spazi.

Non ho risposte ma mi chiedo di chi siano le responsabilità, di come sia possibile sviluppare il turismo a Bassano con questo servizio ferroviario e come sia anche possibile utilizzare questi treni per lavoro e studio universitario senza poi considerare i tempi di percorrenza che per e da Venezia ormai sorpassano regolarmente l'ora e mezza.....

Distinti saluti
Stefano Bianchi”