Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Pubblicato il 12-10-2012 21:01
in Tennis | Visto 1.780 volte

Serie A1, su il sipario per la St Bassano

Esordio domenica 14 ottobre in trasferta contro il Rovereto

Serie A1, su il sipario per la St Bassano

La formazione del 2011 (foto Bosca)

Parte da Rovereto il campionato di serie A1 a squadre per la Società tennis Bassano che domenica 14 ottobre scenderà in campo con tutti i buoni propositi dell’esordio. Anche per quest’anno il traguardo dei play off è quanto meno auspicabile per la formazione capitanata dai maestri Marco Moretto e Marco Fioravanzo, anche se le insidie sono dietro l’angolo. I giallorossi, inseriti nel girone 2 (forse il più complicato), schierano due dei primi tre giocatori d’Italia, con Andreas Seppi che quest’anno ha “spopolato” in vari Atp 250 e 500 e con Paolo Lorenzi che non è mai domo e mai stanco di sorprendere. A questi si aggiungono l’estroso Marco Crugnola (che però è reduce da un infortunio al ginocchio), il diligente Francesco Aldi e il numero otto Atp di doppio Marc Lopez, che con Rafa Nadal ha spesso messo sotto le migliori coppie del circuito mondiale. La StB poi da quest’anno ha a disposizione anche Alessio Di Mauro, un veterano del tennis la cui esperienza servirà di sicuro al team giallorosso per tamponare le situazioni più difficili. Infine le forze giovani del vivaio di casa: Gabrieli, Zitarosa, Salviato e Cerin, sapranno sicuramente farsi trovare pronti all’occorrenza. Insomma un giusto mix che dovrebbe permettere ai capitani Moretto e Fioravanzo di avere la possibilità di schierare sempre una squadra equilibrata e allo stesso tempo competitiva. Si parte dunque con la trasferta di Rovereto contro Speronello, Ager, Holzer e Scala, giocatori che già sulla carta mettono qualche pressione, e ancor di più sul loro campo, dove sicuramente si troveranno a loro agio.
“Avere giocatori importanti come Seppi, Lorenzi e Lopez non è sinonimo di tranquillità – ha commentato il responsabile della squadra Roberto Rossi – perché spesso sono impegnati in tornei individuali, se non addirittura al Master di Londra, e ciò significa che non potranno sempre far parte del gruppo. Ci auguriamo che la stagione ci regali le stesse emozioni dei passati campionati, dove spesso siamo riusciti a inserirci tra le migliori. Non sarà facile, ma ci proveremo”.

    Pubblicità

    Celebrazioni PonteOpera EstateMostra

    Più visti