Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 09-11-2016 16:22
in Politica | Visto 922 volte
 

Migranti. Finco (Lega Nord): “Bassano, il Comune ha favorito il business dell'accoglienza”

“Apprendiamo con preoccupazione che il numero di migranti ospitati sul territorio comunale di Bassano è salito in maniera consistente. Siamo a quota novantatre e con l’arrivo di altre venti unità, tra gennaio e febbraio dell’anno prossimo, sfonderemo quota cento. L’Amministrazione, che aveva sempre  parlato di situazione sotto controllo, ha di fatto smentito se stessa parlando di numeri in aumento.”
Così Nicola Finco (Capogruppo della Lega Nord al Consiglio Regionale del Veneto) commenta i dati sull’accoglienza a Bassano.
“Così come successo in altri Comuni - continua l'esponente leghista - le cooperative e la Prefettura hanno di fatto estromesso l’Amministrazione dalla gestione dei migranti. Di quelli presenti sul nostro territorio non si conosce la nazionalità, le condizioni di salute e soprattutto non si ha la minima idea di quanti abbiano i requisiti per ottenere lo status di rifugiato.”
“Non mi meraviglierei - conclude Finco - se allo stop del sindaco, arrivato comunque troppo tardi, seguiranno altri arrivi. Il Comune ha favorito il business dell’accoglienza.”
Pubblicato da charlie il 12 nov 2016 14:28 | Segnala abuso
+++ VENETO, TERRA OSPITALE, INVESTE 5,5 MLN PER INTEGRARE STRANIERI E RIFUGIATI – STOP A INUTILI STRUMENTALIZZAZIONI +++ “Il Veneto da sempre è terra ospitale nei confronti degli immigrati e lo conferma anche con il piano di interventi programmati d’intesa con la consulta delle associazioni degli immigrati, e confermato dal voto unanime del Consiglio regionale. La Regione impegna quest’anno 5,5 milioni di euro (tra risorse ministeriali e risorse regionali) per aiutare l’integrazione dei 497.921 stranieri che risiedono in Veneto e facilitare l’inserimento di quei rifugiati rifugiati che, una volta ottenuto lo status di profugo, escono dal circuito della protezione internazionale e rischiano di diventare dei residenti ‘invisibili’. Con i nostri fondi diamo continuità e copertura a quel percorso di accoglienza e integrazione che il sistema Sprar, così come è attualmente strutturato, interrompe non appena arriva il riconoscimento del diritto di asilo o di rifugio” . Così Manuela Lanzarin, assessore al Sociale e ai flussi migratori della Regione Veneto, sottolinea la valenza del piano triennale per immigrazione 2016-2018 formulato dalla Giunta e convalidato dal voto unanime del Consiglio regionale. Il piano, elaborato insieme alla Consulta per l’immigrazione, finanzia corsi di lingua e di educazione civica, orientamento professionale, sostegno scolastico e programmi di integrazione per minori, supporto alle donne per l’inserimento sociale e la...

Più visti