Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 13-01-2016 12:27
in Attualità | Visto 1.281 volte
 

A4 agli spagnoli, “colossale sperpero di denaro pubblico”

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera al direttore, trasmessa in redazione dal senatore del Movimento 5 Stelle Enrico Cappelletti:

“Caro Direttore,

chiedo ospitalità al Suo giornale per denunciare l'ennesimo colossale sperpero di denaro pubblico.
Mi riferisco alla prossima cessione della concessionaria dell'A4 Padova-Brescia ad una società spagnola, per la bellezza di un miliardo e duecento milioni di euro.

E' notorio che la società concessionaria citata non ha mai vinto una gara pubblica e che la concessione é scaduta nel 2013. Lascio a lei immaginare quanto possa mai valere sul mercato, una società concessionaria di una autostrada, con la concessione scaduta.

Certamente il rinnovo vale molto, appunto, almeno un miliardo e duecento milioni.

Mi chiedo perché non si proceda dunque ad indire una gara pubblica. Sarebbe in questo caso lo Stato ad incassare questa somma, e non i privati.

Il rinnovo della concessione dell'A4 Padova-Brescia all'attuale concessionario, viola i principi di concorrenza e causa un ingente danno alla finanza pubblica, con beneficio per lo Stato nullo. Al contrario, i privati che godranno della proroga, faranno profitti miliardari.

Le forze politiche, dalla Lega Nord al PD, si danno un gran da fare perché il rinnovo della concessione vada in porto senza gara. In questo modo fanno esattamente il contrario rispetto a quanto andrebbe fatto nell'interesse pubblico. Queste risorse provengono infatti dai pedaggi che pagano ogni giorno, non senza sacrifici, famiglie, cittadini ed imprese. Evidentemente per lor signori, la tutela dell'interesse pubblico, é solo un dettaglio...

Sen. Enrico Cappelletti - Movimento 5 Stelle”

Editoriali

La tromba del giudizio

La tromba del giudizio

Alessandro Tich | 16 giorni fa

Il "Tich" nervoso Dalla vicenda Monegato, e in prospettiva elezioni amministrative a Bassano, considerazioni a ruota libera sull'uso politico dei social