Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 24-05-2012 21:45
in Cronaca | Visto 6.007 volte
 

Imprenditore suicida a Cassola

L'ennesima tragedia della crisi è avvenuta questa mattina a San Giuseppe di Cassola. Un imprenditore del settore autotrasporti si toglie la vita nello stesso luogo dove due mesi fa si era ucciso un suo collaboratore

Imprenditore suicida a Cassola

La stazione dei carabinieri di Romano d'Ezzelino (foto Alessandro Tich)

Si uccide impiccandosi nello stesso stabile dove il 19 marzo scorso si era tolto la vita, nello stesso modo, un suo collaboratore di 39 anni.
L'ennesima tragedia della crisi è avvenuta nella tarda mattinata di oggi in via S. Antonio a San Giuseppe di Cassola, dove un imprenditore del settore autotrasporti, di 54 anni, ha deciso di farla finita a seguito dei problemi economici dell'azienda di cui era socio.
L'uomo, soltanto poche ore prima, aveva informato alcuni conoscenti di aver preso la sofferta decisione di chiudere l'impresa, per i costi e i debiti ormai insormontabili.
Poi, attorno a mezzogiorno, ha compiuto il gesto estremo nel ripostiglio della casa che fungeva da sua abitazione e da sede dell'azienda, lasciando un biglietto in cui ha indicato la motivazione del suicidio, legata ai “troppi problemi economici” che lo opprimevano. Un suo parente e collaboratore, attorno alle 13, ha fatto la macabra scoperta.
Sul posto, per i rilievi del caso, i carabinieri della stazione di Romano d'Ezzelino.
I militari dell'Arma stanno accertando se possa esserci un collegamento tra le motivazioni dei due suicidi avvenuti nello stesso luogo, e nell'ambito della stessa ditta, a due mesi di distanza l'uno dall'altro.
Nel nostro territorio il fenomeno suicidi sta superando la soglia d'allarme: due settimane fa, a Marsan di Marostica, si era tolto la vita un altro imprenditore del settore dei trasporti.