Pubblicato il 18-12-2013 13:27
in Cinema | Visto 1.994 volte

Videodance 2013

Questa sera al Garage Nardini Nardini una nuova edizione di Moving Virtual Bodies, rassegna di cortometraggi dove cinema e arte coreutica si fondono per creare una nuova forma espressiva, la Videodanza. Ingresso libero

Videodance 2013

In fotogramma di "Choros" uno dei video che verranno proiettati al Garage Nardini

Arriva a Bassano l’ottava edizione di Moving Virtual Bodies, intenso programma dedicato alla videodanza che prevede sia un corso di formazione sia una serata aperta al pubblico. Quest’ultima, ad ingresso libero mercoledì 18 dicembre alle ore 21.00, al Garage Nardini.
Il progetto, ideato dalla curatrice Gitta Wigro e promosso dal CSC Casa della Danza del Comune di Bassano, collaborazione con la Rete Anticorpi XL, si propone l’obiettivo di promuovere la video arte nella danza contemporanea coinvolgendo artisti, curatori ed esperti del settore in una ricerca intensiva sulle applicazioni della videodanza.
Lo scorso anno, la rassegna ha anche proiettato un film realizzato da artisti (Giulia Fontanini e Francesca Foscarini) che avevano già partecipato ai precedenti laboratori di Video Dance: una straordinario esempio dello sviluppo di dance film in Italia.
Quest’anno Dal 15 al 20 dicembre Gitta wigro e Lucy Cash conducono un workshop gratuito per filmaker e coreografi, mentre il pubblico potrà assistere ad una vera e propria rassegna, con la presentazione di 5 opere originali che uniscono l’espressione della video arte con quella della coreografia d’autore.
In che modo ci relazioniamo con la quotidianità, con gli oggetti che ci circondano e con le altre persone? E nel momento in cui ci stacchiamo da questi legami, ci sentiamo cambiati?
In programma Set in Motion di Willi Dorner e Michael Palm (austria) Una spiritosa e grottesca reazione a catena cinematica che tenta di coreografare le svariate relazioni che si instaurano tra i mobili e il corpo umano.
Choros di Michael Langan e Terah Maher (USA), un omaggio all’innovativo regista Norman McLaren, meglio noto per il suo film “Neighbours”, vincitore di un premio Oscar. “Choros” sfrutta la computer grafica, insieme ad un uso innovativo della luce, in modo tale da elaborare una risposta moderna al film di McLaren.
Sight Reading di Lucy Cash (UK) un collage di tre diversi tipi di movimento. L’opera immagina la possibilità di un dialogo tra una rimessa in atto degli esperimenti della prima metà del XX secolo attraverso la cosiddetta ‘visione senza occhi’ (che afferma che la vista può coinvolgere diverse parti del corpo), la coreografata analisi di un eclissi (il movimento dei pianeti) e lo studio del ritmo degli scherzi.
Moths di Sophie Hyde e Paul Zivkovich ( Australia) Due uomini si scontrano in un mondo di oscurità, alla continua ricerca di nuovi modi per relazionarsi. Opera della britannica Lucy Cash, la quale darà anche delle lezioni nei laboratori a venire che sono parte integrante del progetto Video Dance di Anticorpi XL.
Jeu de Società di Stéphanie Aubin e Arnaud Baumann ( Francia) Realizzato dalla coreografa Stéphanie Aubin, dal fotografo Arnaud Baumann e da un centinaio di cittadini della comunità locale. Ad ogni persona è stato chiesto di entrare nel luogo di quella precedente e di immaginare quale avrebbe potuto essere il loro movimento, in modo da portare avanti la danza passo dopo passo. Ricorda quasi una di quelle sequenze animate tipiche delle primissime scene cinematografiche, mentre la colonna sonora, Hernando’s Hideaway, contribuisce ad aggiungere ritmo e un sottile umorismo all’intero esperimento.
Il pubblico potrà così assistere ad una vera e propria rassegna cinematografica. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 0424 519804

    LIBERTÀ È PAROLA - “Alla scoperta degli “Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa”.

    In questa nuova puntata, incontriamo una realtà di Bassano che da anni si impegna per sostenere e supportare il nostro patrimonio #artistico,...

    Più visti