Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 22-01-2013 18:06
in Concorsi | Visto 2.556 volte
 

E Monti diventa un “cuco”

Il “cuco” dell'artista bassanese Luigi Scuro, dedicato alla figura del premier, vince il Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta di Rutigliano (Bari). Titolo dell'opera: “Al voto con quel che resta”

E Monti diventa un “cuco”

Il Monti "fischietto" di Luigi Scuro, vincitore del Concorso Nazionale "Città di Rutigliano" (particolare)

A Mario Monti, premier e candidato premier, saranno sicuramente fischiate le orecchie. Perché è di fischietti che stiamo parlando, e in terracotta: ceramiche a fiato che sin dai tempi degli “arcicucchi” di Nove - ispirati ai soldati di Napoleone - hanno preso in giro, col loro “fischio del popolo”, governanti e potenti di ogni sorta.
Ora quel fischio è rivolto alla stretta attualità politica, grazie alla 25° edizione del Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta “Città di Rutigliano”, in provincia di Bari.
Il tema di quest'anno della competizione artistica è stato infatti “Fischietti traMONTI elettorali”: a contendersi il primo premio della manifestazione - un premio acquisto di 1.300 euro e l'ambito “Fisolo d'Oro” - una trentina di artisti italiani della terracotta provenienti da ogni angolo dello Stivale, che hanno dato sfogo alla loro creatività interpretando in forma di “cuchi” la fine del governo Monti e l'inizio della campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento.
Una rassegna che quest'anno parla bassanese: vincitore assoluto della manifestazione è stato infatti Luigi Scuro, rinomato artista cucaro di Bassano del Grappa, che ha conquistato il titolo di “Fischietto del 2013” con il suo Mario Monti in versione ceramica fischiante. Titolo - molto esplicito - dell'opera vincitrice: “Al voto con quel che resta”.
“L'opera, fortemente satirica - recita la motivazione della giuria tecnica del concorso -, intreccia il tema in maniera originale e con dettagli non da poco. Elementi simbolici resi con alta qualità tecnica e il gioco cromatico degli smalti ceramici in perfetto equilibrio, conferiscono al manufatto una particolarità insolita.”
In quel di Rutigliano i ceramisti cucari di casa nostra hanno fatto davvero bella figura: Luigi Scuro si è infatti aggiudicato anche il premio speciale per il “Fischietto più innovativo”, mentre a Luigi Bertolin di Marostica è stato assegnato il “Premio Satira 2013”.
Leggiamo i titoli degli altri fischietti in terracotta premiati al concorso: “Si salvi chi può” (secondo premio), “L'ideologia non lasciamo che tramonti” (terzo premio), “IMU...tacci tua” (premio del voto popolare). Non so voi, ma in quanto ad inventiva e a fantasia io clicco “mi piace”.
Chissà se Mario Monti, se mai sia stato raggiunto dalla notizia del concorso in suo nome, ne parlerà su Twitter. Comunque sia, è una cosa che fa rumore: perché ora il Professore, oltre a cinguettare, fischia pure.