Pubblicato il 08-04-2015 21:19
in Attualità | Visto 1.322 volte

Premio Marostica Città di Fiabe, boom di iscrizioni

Boom di iscrizioni per il Premio Marostica Città di Fiabe, il concorso di letteratura per l’infanzia e la preadolescenza, promosso e fortemente rinnovato dall’Assessorato alla Cultura del Comune.A venti giorni dalla scadenza del bando per la presentazione delle opere (23 aprile), si contano più di un centinaio di partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia e suddivisi nelle tre categorie: poesie e filastrocche; fiabe, favole e racconti fantastici; racconti realistici.
Il Premio si conferma quindi uno dei concorsi letterari più prestigiosi della scena italiana, trampolino di lancio per promettenti scrittori e interessante laboratorio in tema di letteratura per l’infanzia.
Dedicato alla poetessa e scrittrice marosticense Arpalice Cuman Pertile (1876-1958), il concorso vanta 27 anni di storia. Una giuria di esperti, costituita da nomi importanti del mondo letterario, affiancherà la giuria del territorio, chiamata a valutare le opere: le docenti universitarie di Letteratura per l’infanzia Donatella Lombello, (presidente) e Marnie Campagnaro (vicepresidente), la scrittrice Beatrice Masini, l’editore Ermanno Detti, la poetessa Maria Giuseppina Quarenghi. Presidente onorario sarà Alessandro Quasimodo, figlio dell’illustre Premio Nobel. Inoltre, una speciale “giuria dei bambini”, composta dagli alunni delle scuole primarie di primo e secondo grado, sarà chiamata a decretare il proprio vincitore.
Il concorso, a tema libero, è per testi inediti in lingua italiana, rivolti a bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni. Per i vincitori di ogni sezione è previsto un premio di 1.000 euro e la pubblicazione dell’opera nella speciale raccolta dedicata al concorso. Per partecipare c’è tempo appunto fino al 23 aprile. Informazioni, bando e iscrizioni  su www.marosticacittadifiabe.it .

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti