Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 24-11-2011 17:43
in Attualità | Visto 2.054 volte

Piazza SemiLibertà

Lunedì 28 scatta la ZTL in Piazza Libertà. Off-limits per i veicoli a motore il lato nord e metà del lato ovest della piazza. Una barriera fisica segnalerà la novità all'altezza del bar “Le Colonne”

Piazza SemiLibertà

Il sindaco illustra le prime novità della ZTL in centro storico. Da lunedì divieto di transito e sosta nella "elle" di Piazza Libertà

Limite invalicabile. Come le Colonne d'Ercole di antica memoria.
Da lunedì prossimo, 28 novembre, il lato nord di Piazza Libertà - dal punto all'altezza della farmacia e del bar “Le Colonne” (quando si dice il nome...) fino all'angolo con Piazzotto Montevecchio - e metà del lato ovest, fino alla confluenza con via Portici Lunghi, saranno vietati al transito dei veicoli motorizzati: eccezione fatta per quelli autorizzati e per i mezzi di soccorso.
Dopo gli annunci, e dopo la fase di confronto sulle osservazioni dei cittadini pervenute in municipio, scatta ufficialmente la prima fase dell'ampliamento della ZTL in centro storico a Bassano del Grappa.
Un ampliamento che avrà la forma di una “elle” e che cambierà radicalmente le abitudini degli aficionados del passaggio e soprattutto del parcheggio volante, peraltro già vietato, accanto ai portici della piazza.
La conferma dell'avvio della ZTL nel cuore assoluto del centro cittadino è stata data oggi in conferenza stampa dal sindaco Cimatti e dell'assessore alla mobilità Andrea Zonta.
Da lunedì mattina, il divieto di transito e di parcheggio sarà segnalato da un cartello e da una barriera fisica che impedirà, di fatto, l'accesso alle auto e alle moto all'interno della “elle”.
“Sarà installata una fioriera - ha spiegato il sindaco -. Ma sarà una fioriera di dimensioni ridotte. Non possiamo infatti impedire l'accesso nell'area ai mezzi di soccorso e ai veicoli delle persone disabili. Una barriera che chiuda totalmente la strada non sarebbe inoltre compatibile con le postazioni delle bancarelle del mercato settimanale.”
Nei primi giorni, accanto alla fioriera, sarà comunque collocata anche una transenna. Sempre nel periodo iniziale, gli agenti della polizia locale in servizio sul posto faranno da deterrente, informando della novità gli automobilisti e invitandoli a proseguire per via Matteotti. Dopo i primi giorni, la transenna verrà tolta e - per chi accederà nella “elle” senza permesso - la multa sarà sempre in agguato.
Per le esigenze di carico e scarico dei negozi della piazza (tempo consentito 15 minuti), saranno disponibili due nuovi posti a parcheggio temporaneo davanti al negozio Ovs e alla chiesa di San Giovanni. Un altro parcheggio carico-scarico sarà ricavato davanti all'edicola, e ulteriori posti per la consegna e il ritiro della merce
saranno disponibili in via Matteotti, fino all'altezza di piazzetta Guadagnin.
“Potevamo procedere subito anche alla fase 2 della ZTL, e cioè alla chiusura di via San Bassiano, che collega le due piazze - ha aggiunto il sindaco -. Ma non volevamo mettere troppa carne al fuoco e preferiamo che i cittadini si abituino prima alla chiusura parziale di Piazza Libertà.”
“Chi entra in auto in Piazza Libertà arrivando da Via Vittorelli - ha proseguito Cimatti - non potrà fare altro che risalire per via Matteotti, facendo quindi un giro inutile. Prevediamo che con la chiusura della “elle” il passaggio delle auto in via Vittorelli, proprio per questo motivo, si ridurrà sensibilmente. Via San Bassiano diventerà così un ramo secco, e la sua chiusura al traffico nella seconda fase sarà una conseguenza naturale.”
Sono ancora in alto mare, invece, le indicazioni dell'Amministrazione sulle fasi 3 e 4 dell'ampliamento della ZTL in centro storico.
Il sindaco conferma che presenterà in giunta la proposta sperimentale - anticipata da Bassanonet - di concentrare la ZTL allargata nella sola seconda metà della settimana, e cioè dal giovedì al sabato.
“Sarà un test - ha ribadito Cimatti in conferenza stampa - per vedere e sperimentare che cosa succede con la ZTL in centro in un giorno feriale, e cioè il venerdì, prima di allargare o meno l'intervento ad altre problematiche.”

Più visti