Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 15-01-2010 05:11
in Attualità | Visto 9.810 volte
 

Gli strani “cerchi nel deserto”

Giovane bassanese fotografa dall'aereo dei grandi cerchi in pieno deserto del Sahara. Tracce misteriose o semplici “cerchi di irrigazione”?

Gli strani “cerchi nel deserto”

I "cerchi nel deserto" fotografati dall'aereo da un turista bassanese

L'immagine è stata scattata nell'agosto del 2007 dal finestrino dell'aereo sul volo di ritorno in Italia dal Madagascar.
Una serie di grandi cerchi di vario colore, sei dei quali perfettamente in linea, nel pieno deserto del Sahara.
A scattare la foto, un giovane bassanese al rientro da una vacanza che casualmente, osservando dall'aereo il “mare di sabbia” sottostante ha notato all'improvviso le insolite e misteriose formazioni geometriche.
Ha preso la macchina fotografica che aveva in borsa e ha immortalato quello che stava vedendo.
Cosa siano quei cerchi e perché si trovino in mezzo al più grande deserto del mondo non è dato sapere. A due anni e mezzo di distanza, bassanonet è venuto in possesso della foto e la divulghiamo ai nostri lettori.
Analogamente ai “cerchi nel grano”, anche i “cerchi nel deserto” alimentano una ridda di ipotesi, tutte suggestive, che trovano spazio soprattutto sul web.
Basta cliccare su Google le voci “cerchi nel deserto” o “desert circles” e compaiono diversi siti e blog che documentano la presenza di altri cerchi in questo e altri deserti del pianeta.
Le interpretazioni spaziano dall'Ufologia (altri strani cerchi sono stati rinvenuti nel deserto del Nevada, negli Stati Uniti), all'Egittologia (con la scoperta di grandi cerchi sulla sabbia in prossimità delle Piramidi di Giza) fino alla congettura che le superfici circolari siano le aree, oppure i resti, di basi militari utilizzate in passato.
Un'ipotesi molto più razionale, sostenuta da varie fonti, parla invece di “cerchi o campi di irrigazione” ovvero “irrigation circles” realizzati dall'uomo per incentivare forme di agricoltura in talune zone del deserto.
Ma la zona sorvolata in quel momento, come ricorda l'autore della foto, non presentava tracce di oasi o di coltivazioni a perdita d'occhio.
Vi proponiamo la foto-documento a titolo di curiosità e senza azzardare, da parte nostra, alcuna spiegazione sull'origine di questi grandi elementi circolari sperduti in mezzo alle dune nell'immenso spazio del Sahara.