Pubblicato il 11-06-2014 13:45
in Ambiente | Visto 2.036 volte

L'acqua, il Monte e il rispetto dell'ambiente

Etra e gli operatori turistici e commerciali del Massiccio siglano il “Patto per il Grappa”: Etra rifornirà l'acqua a costi equiparati a quelli di pianura e gli operatori vigileranno sulle buone pratiche ambientali dei frequentatori del Monte

L'acqua, il Monte e il rispetto dell'ambiente

L'incontro nella sede di Etra a Bassano per la firma del "Patto per il Grappa" (foto Bassanonet)

Si sono trovati nuovamente attorno al tavolo, nella sede Etra di largo Parolini a Bassano, per siglare ancora una volta il “Patto per il Grappa”: l'accordo tra Etra Spa e gli operatori economici del Grappa che sotto l'egida della Regione Veneto impegna le parti, ciascuna in funzione delle proprie competenze e possibilità, alla “conservazione del patrimonio collettivo” del Massiccio.
A seguito dell'accordo, Etra - la multiutility che gestisce il servizio idrico e la raccolta dei rifiuti - si impegna a riservare agli operatori turistici e commerciali condizioni economiche migliorative per quanto riguarda il rifornimento e l'erogazione di acqua, facendosi carico, ad esempio, dei costi di trasporto con autobotti, fino a una certa soglia. Tale scelta mira ad equiparare il trattamento degli utenti di montagna a quello in vigore per gli utenti di pianura.
Sul fronte dei servizi ambientali, invece, Etra prevede di intensificare l'attività di pulizia del territorio, potenziare la raccolta differenziata e fornire gli strumenti per la promozione di stili di vita sostenibili mirata ai frequentatori turistici del nostro Monte.
Gli operatori turistici e commerciali del Massiccio - in particolare ristoratori, albergatori e malgari - già svolgono un'importante azione di presidio del territorio che, come molte aree montane, è oggetto di spopolamento e abbandono.
Con il “Patto per il Grappa” si impegnano a rafforzare questa loro funzione di sentinelle - segnalando prontamente a Etra eventuali incurie ambientali - e a svolgere azioni di sensibilizzazione nei confronti dei frequentatori della montagna, promuovendo comportamenti rispettosi della natura. Si faranno quindi tramite di “educazione ambientale” verso i loro clienti, a cui forniranno gratuitamente l'acqua di acquedotto.
Alla firma del “Patto per il Grappa” sono intervenuti il presidente del Consiglio di sorveglianza di Etra Manuela Lanzarin, il presidente del Consiglio di gestione di Etra Stefano Svegliado, l'assessore regionale Elena Donazzan e una rappresentanza degli operatori commerciali del Grappa.
“Da queste azioni congiunte e dalla reciproca collaborazione - commentano i promotori dell'iniziativa - ci si attende il miglioramento della vivibilità e il potenziamento del grado di accoglienza dei flussi turistici, sia stanziali che del weekend.” La prospettiva “è quella di presentarsi preparati alla scadenza del 2018, quando ricorrerà il centenario della Prima Guerra Mondiale che avrà ovviamente il suo perno sul Massiccio del Grappa”.

LIBERTÀ E' PAROLA - #civediamoasettembre

#LIBERIDIRACCONTARCI non è solo un titolo, ma una presa di posizione che come Libertà è Parola abbiamo voluto portare avanti, anche durante mesi...

Più visti