Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 18-03-2017 21:21
in Attualità | Visto 2.622 volte

La collana di perle

Quando Facebook non critica e non urla. È nato oggi il nuovo gruppo Fb bassanese “Tutti siamo perle del Brenta”. Con un obiettivo quasi incredibile: “Raccontare i lati migliori del nostro territorio”

La collana di perle

L'immagine di copertina della nuova pagina Fb "Tutti siamo perle del Brenta"

Ormai lo abbiamo scritto più volte e sta diventando quasi una nostra “fissa”: a Bassano del Grappa il Partito dei Mai Contenti conta sempre numerosi iscritti, costituendo una sotterranea, ma ben presente, maggioranza silenziosa. Salvo poi ritrovare la voce e farla sentire sui social network. Non c'è nulla, in città, che non divida gli animi: da questioni fondamentali come l'albero di Natale tecnologico in piazza fino ai più recenti disagi conseguenti alle asfaltature in centro e all'imminente (finalmente) restauro del Ponte degli Alpini, il campionario di questioni portatrici di lamentele è quanto mai ampio e variegato.
È come se la vita pubblica di Bassano fosse un grande Muppet Show, con tanti Statler e Waldorf (ve li ricordate? i due simpatici vecchietti criticoni seduti nel loro palco, sempre pronti a stroncare lo spettacolo a prescindere) costantemente in agguato per sentenziare sul fatto del giorno o cogliere in fallo l'amministratore di turno. Dobbiamo anche riconoscere che gli avvenimenti bassanesi e del territorio e le vicissitudini della pubblica Amministrazione fanno già molto, di loro, per incentivare i giudizi negativi dei leoni da tastiera.
Ma tant'è: per anni lo sfogatoio degli incontentabili di casa nostra è stato lo spazio dei commenti di Bassanonet, ora i dibattiti, le polemiche e i vari ping-pong si sono spostati soprattutto nell'arena di Facebook. Su Fb sono sorti gruppi “ad hoc” - aperti o chiusi e peraltro anche molto seguiti - dove il piatto forte delle cose che non piacciono, che non convincono o che non funzionano viene quotidianamente servito.
Si tratta comunque di un utile sprone - rivolto soprattutto ai gestori della cosa pubblica - per integrare le informazioni che i media locali non danno, lanciare segnalazioni, affrontare i problemi, cercare di migliorare la vita della città. Anche se il rischio di debordare dalla critica oggettiva e costruttiva alla diatriba online fine a se stessa è sempre dietro l'angolo.
È per questo motivo che, con non poca sorpresa, assistiamo alla nascita di un nuovo gruppo Facebook bassanese che con questo tipo di utilizzo dei social non ha nulla a che fare.
Il gruppo si chiama “Tutti siamo perle del Brenta”, come immagine di copertina presenta una perla, simil-bolla di sapone, che veleggia sopra il fiume dall'ideale punto di vista del Ponte e si è affacciato alla finestra della Rete proprio oggi. E la sua missione - udite udite - è quella di presentare e valorizzare le cose belle e i valori edificanti del nostro territorio.
Niente parcheggi selvaggi, scoasse per strada, cantieri aperti, appalti discussi, toto-assessori, argomenti politici. Per quelli c'è già modo e spazio per postare, altrove, freddure e stroncature.
Qui si parte da presupposti completamente diversi.
“Questa pagina - si legge nel post di presentazione di “Tutti siamo perle del Brenta” - vuole raccontare i lati migliori del nostro territorio. Vuole dare l'opportunità a tutti coloro che operano, abitano o hanno vissuto nel nostro territorio, di mettere in luce gli aspetti migliori.”
“Per delimitare la zona - spiegano ancora gli amministratori della pagina Fb -, ci siamo serviti di un libro: "La Perla del Brenta", ma non per questo non estendiamo i nostri confini virtuali al Trentino e al Friuli Venezia Giulia.”
“Ogni persona - conclude la presentazione - ha una storia da raccontare, che sia del passato o del presente non importa, resta sempre una storia da tramandare a chi verrà dopo. Se vuoi far parte di questa community positiva, invita i tuoi amici a seguire la nostra, vostra pagina!”
Sembra una citazione dal libro “Cuore”, ma a quanto pare funziona: nel solo primo giorno di pubblicazione della pagina, e al momento in cui pubblichiamo questo articolo, i “mi piace” hanno già raggiunto esattamente quota 200. Già una bella soddisfazione per chi questa pagina l'ha concepita: un gruppo di amici e di persone raccoltesi attorno alla figura di Loris Giuriatti, dirigente scolastico, scrittore e divulgatore storico bassanese.
“L'idea - ci spiega Giuriatti - è quella di promuovere il territorio positivo. Un invito a chiunque a contribuire alla conoscenza degli aspetti più belli del luogo in cui viviamo e a dire: “Anch'io sono una perla del Brenta”.”
L'iniziativa sta già facendo proseliti e prossimamente - come anticipa il promotore, senza fornire ulteriori dettagli - potrebbero aderire al gruppo anche alcuni importanti nomi dello sport. Allargando una community che intende approcciarsi al racconto della realtà, non solo quotidiana, da una visuale del tutto inedita.
Da oggi in avanti, dunque, la pagina - come pure si legge nella presentazione della medesima - accoglierà “iniziative, attività, racconti di coloro che portano valore aggiunto al nostro territorio”. Ciascuno impegnato nel suo piccolo a costruire una collana di perle.
E chissà che a Bassano non nasca un nuovo partito: quello dei Finalmente Positivi.

Più visti