Pubblicato il 23-03-2011 06:55
in Teatro | Visto 1.948 volte

Legami

Da venerdì 25 marzo il via della rassegna teatrale Centorizzonti 2011. Il progetto “lega” stretti quest’anno i Comuni di Asolo e di Altivole

Legami

foto L. Vicenzi

Centorizzonti 2011 si rinnova, alla nona edizione il progetto di Asolo curato dall’Associazione Echidna e realizzato in collaborazione con Arteven si apre al territorio, cerca affinità per condividere nuove prospettive coinvolgendo quest'anno anche il Comune di Altivole, e sperimenta una nuova relazione culturale proponendo sei incontri tra cittadini e artisti. L'invito è teso a scoprire come, in tempo di crisi, il teatro, la musica, le canzoni e i racconti, possano offrire uno sguardo inedito sulla vita quotidiana, creando unioni e connessioni: Legami.
Il programma della rassegna si apre con un’anteprima speciale, a tavola, assieme agli artisti contadini e ai racconti del Teatro delle Ariette, che per tre sere consecutive, da venerdì 25 a domenica 27 marzo, invita ad entrare in una dimensione intima e inaspettata: dopo un viaggio in navetta e una passeggiata tra boschi e colline, venti spettatori a serata raggiungeranno una casa privata e si siederanno attorno al tavolo per una vera cena nel corso della quale gli attori del Teatro delle Ariette apriranno la cucina della loro memoria e mettendo in scena Matrimonio d’inverno, il diario di un amore. Il Teatro del Lemming inaugura invece l’8 aprile il palcoscenico del Duse con il testo teatrale per eccellenza, un Amleto contemporaneo diretto da Massimo Munaro: "Il tempo è fuori di sesto… quale dannata sorte essere nato per riconnetterlo!". Attraverso due appuntamenti proposti all’Auditorium Comunale di Altivole si approfondisce poi il tema dei legami famigliari: il 16 aprile l'artista trevigiana Katiuscia Bonato della Compagnia Teatro al quadrato, presenta lo spettacolo dedicato al tema della maternità L’ho uscito io e il 30 aprile Filippo Plancher porta in scena il tema del legame tra un padre separato e suo figlio in Da parte a parte - Ritagli di Padre. Il 6 maggio la rassegna ritorna al Teatro Duse con il teatro canzone di Giulio Casale che propone il suo The beat goes on. Accompagnato alla chitarra da Lorenzo Corti, il cantautore e attore coinvolge il pubblico nel suo legame con le opere di poeti e musicisti americani che dagli anni Cinquanta ad oggi hanno significato molto anche per la cultura italiana, impresse nella memoria di generazioni. Protagonista indiscussa la musica: da Jacques Brel a Bob Dylan, da Tenco a De André, dai Beatles a Jim Morrison, fino ai brani di maggior successo dello stesso Casale.
Sabato 14 maggio il palco del Duse è tutto per Angela Finocchiaro diretta da Cristina Pezzoli in Mai più soli, lo spettacolo è tratto da un testo di Stefano Benni che parla di relazione e della possibilità/impossibilità di stabilire legami veri.
Il progetto Centorizzonti 2011 si realizza grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, è patrocinato dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Treviso, e dal “legame” tra cultura e altri settori produttivi. “Una politica attenta di contenimento della spesa pubblica - affermano le Amministrazioni Comunali di Asolo ed Altivole - comporta precise attenzioni su ogni fronte, compreso quello degli investimenti in favore dello spettacolo e, più in generale, della cultura. Essere riusciti ad allestire un calendario di rappresentazioni mantenendo alta la qualità del prodotto premia gli Enti e rafforza il rapporto con il pubblico ed i cittadini”. Gli abbonamenti alla stagione sono in vendita e prenotabili telefonicamente dal 1 aprile.


Più visti