Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 24-07-2013 18:23
in Industria | Visto 16.328 volte

Banca Renzo Rosso

Mr. Diesel lancia l'operazione “Cash”: siglato l'accordo con Bnl-Bnp Paribas per agevolare il credito ai propri fornitori. Aperta una linea di credito di 50 milioni per 455 piccole imprese. Con tanto di “rating” per accedere all'agevolazione

Banca Renzo Rosso

Renzo Rosso: ora dà anche uno "scossone" al sistema di credito alle imprese (foto: archivio Bassanonet)

Per il ministro Zanonato sarà anche un “provinciale”, ma intanto Renzo Rosso ne ha pensata un'altra delle sue e lancia un rivoluzionario sistema per agevolare il credito ai propri fornitori. I quali - tanto per intenderci - non sono proprio quattro gatti, ma 455 piccole e medie imprese sparse in tutta Italia, ma soprattutto nel Nordest.
L'operazione - presentata oggi a Milano - si chiama “Cash”, che in inglese significa ovviamente denaro contante, ma che in realtà è l'acronimo di “Credito Agevolato Suppliers Help”.
Grazie a un accordo siglato tra Staff International, azienda del gruppo Otb (Only The Brave) e Ifitalia, società del colosso bancario Bnl-Bnp Paribas i fornitori del gruppo potranno accedere al credito a condizioni che altrimenti non riuscirebbero ad ottenere, e cioè a un tasso di interesse del 2,5% circa.
La novità è operativa dalle 14 di oggi ed è stata aperta allo scopo una linea di credito iniziale di 50 milioni per permettere alle Pmi di smobilizzare in tempi brevissimi - dai 5 ai 9 giorni - tutti i crediti nei confronti di Staff International, società che gestisce sei marchi in licenza e realizza oltre il 90% della produzione del gruppo in Italia.
Innovativo è soprattutto il sistema grazie al quale i destinatari dell'iniziativa potranno usufruire dell'agevolazione di credito, che non sarà applicata per grazia ricevuta. I fornitori sono stati infatti suddivisi in quattro categorie (materie prime, accessori per la produzione, prodotto finito, laboratori di varia natura) e per ogni categoria è stato costituito un “rating” - e cioè una valutazione di qualità - che sarà aggiornato ogni sei mesi “in base a criteri oggettivi e trasparenti”. Chi ottiene il rating di qualità - risultato attualmente raggiunto da circa il 40% della filiera - accede al credito, gli altri “sono stimolati a raggiungerlo”.
“Stiamo vedendo cose incredibili nel sistema bancario - è la dichiarazione di Rosso riportata da FIRSTonline -. Le aziende ci raccontano di tassi di interesse del 18%, non si può lavorare così. Noi godiamo di un rating da massima affidabilità ma, nonostante questo, i nostri fornitori sono in difficoltà, non ottengono linee di credito capienti, non riescono a smobilizzare tutto il credito ed essendo per noi un asset produttivo importante, siamo preoccupati per il loro futuro. L’operazione quindi è semplice: mettiamo a disposizione della filiera produttiva la nostra forza e la nostra affidabilità.” E in quanto al rating per “conquistare” il credito agevolato, ha aggiunto: “E’ anche un modo per spingere a lavorare con i canoni internazionali di qualità, puntualità, precisione, in un paese come l’Italia che educa solo a fare casino”.
Per Ifitalia si tratta del primo accordo del genere e per Mr. Diesel è anche l'occasione per lanciare un messaggio agli altri gruppi del settore Moda e soprattutto “a un sistema bancario lento e burocratico che non riesce ad arrivare a queste realtà produttive”.
“Il ministro Zanonato - è il sassolino che Rosso si è tolto nell'occasione dalla scarpa - mi ha definito provinciale, ma se essere il gruppo più internazionale vuol dire essere provinciali, siamo contenti di esserlo e spero che lo diventino anche altri.”
Sull'operazione “Cash”, nel frattempo, è giunta in redazione anche una dichiarazione del governatore del Veneto Luca Zaia, sempre attento agli avvenimenti che fanno notizia.
“Aderendo perfettamente al suo slogan preferito, “only the brave” - afferma Zaia -, Renzo Rosso si conferma imprenditore geniale, capace di inventarsi iniziative e soluzioni di assoluta avanguardia per sostenere l’imprenditoria, come quella conclusa oggi con Bnl-Bnp Paribas”.
“C’è chi parla e c’è chi fa - aggiunge il presidente della Regione - e Renzo Rosso fa assolutamente parte della seconda categoria, quella della quale sarebbe bene facessero di tutto per entrare anche tanti politici. In un momento di crisi come questo, è motivo d’orgoglio constatare come un imprenditore veneto si stia distinguendo in Italia nel dare il proprio apporto alla soluzione dei problemi delle piccole e medie imprese in maniera innovativa e concretissima, senza tanti fronzoli ma con molta sostanza”.

Più visti