Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 12-07-2013 21:30
in Attualità | Visto 1.209 volte
 

Donazzan scrive a presidente Corte Costituzionale: “Non chiudete il Tribunale di Bassano”

“Sento il dovere di farmi portavoce di quanti, a partire dall’Ordine degli avvocati e dai dipendenti del Tribunale di Bassano, hanno sollevato perplessità sulla chiusura di questa sede”. È uno dei passaggi della lettera che l’assessore al lavoro e all’istruzione della Regione del Veneto, Elena Donazzan, ha scritto oggi al presidente della Corte Costituzionale, Federico Gallo, per scongiurare la prevista soppressione del Tribunale di Bassano del Grappa e il suo accorpamento a quello di Vicenza.
“Da rappresentante delle istituzioni - precisa Donazzan, riferendosi all’attuazione della nuova architettura giudiziaria prevista dal Governo Monti - comprendo la necessità di ridurre i costi e di imprimere una generale politica di razionalizzazione delle risorse in tutto il territorio nazionale. Ma tale ridefinizione delle sedi dovrebbe essere supportata da una reale analisi che tenga conto della logistica e della mole di lavoro in capo alle sedi periferiche e, come ha ricordato più volte l’avvocato Francesco Savio, presidente Ordine degli avvocati di Bassano, il Tribunale bassanese è stato inserito dal Ministero di Grazia e Giustizia tra quelli virtuosi per efficienza degli uffici, tempi ragionevoli delle udienze e per il lavoro svolto nell’arco dell’anno.”
“Inoltre - sottolinea l’assessore -, la chiusura di questa struttura andrebbe a vanificare un impegno finanziario sostenuto negli ultimi anni per ammodernare l’edificio, un investimento che ha lo scopo di fornire un vantaggio ai cittadini di una vasta area che comprende molti comuni appartenenti all’area di Bassano del Grappa”.
“Sono certa - conclude il suo appello Donazzan - che prima di prendere una decisione definitiva la Consulta terrà conto di queste osservazioni.”

Più visti