Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 31-03-2017 09:14
in Mostre | Visto 1.312 volte
 

Per inciso

Inaugurazione sabato 1 aprile, al Museo civico, della 5^ edizione della Biennale dell’incisione, della grafica e dell’animazione contemporanea "Città di Bassano del Grappa"

Per inciso

opera di Alessio Serpetti Antichi legami (particolare)

Inaugurazione sabato 1 aprile, alle ore 18, al Museo civico, della 5^ edizione della Biennale dell’incisione, della grafica e dell’animazione contemporanea "Città di Bassano del Grappa".
La manifestazione, che quest’anno ha visto la partecipazione di una cinquantina di artisti di ogni parte d'Europa e del mondo, ai quali è stato chiesto di presentare opere che ruotassero attorno al tema “Comunicare i musei di Bassano del Grappa”, è nata con lo scopo di contribuire alla promozione e alla valorizzazione della ricerca legata all’arte incisoria a Bassano, dove Palazzo Sturm conserva ed espone la grande eredità dei Remondini con il museo a loro dedicato.
La Biennale, tradizionalmente riservata alle opere incisorie, per la prima volta ha previsto una sezione dedicata a opere visive realizzate con tecniche e strumentazioni digitali, comprese le opere di animazione.
L’inaugurazione dell’esposizione, che sarà aperta e visitabile fino al 21 maggio, sarà occasione anche di celebrare i 60 anni di attività di Tassotti, partner ufficiale dell’iniziativa, che fin dal 1957 ha cercato di declinare l’opera di quella che nel Settecento era la più grande Stamperia d’Europa in chiave moderna e contemporanea, e che ha realizzato il catalogo delle mostra.
Al Museo, saranno esposte le opere degli artisti vincitori nelle due sezioni del Premio, le opere che hanno ricevuto una segnalazione di merito e le opere degli artisti selezionati. I vincitori selezionati dell’edizione 2017 per il "Premio Giovani” sono Fabio Riaudo e Valerio Veneruso, mentre i vincitori per il “Premio Biennale Grafica dell’Incisione e Grafica Contemporanea Città di Bassano del Grappa" sono il romano Alessio Serpetti e l’artista polacca Anna Trojanowska.
Nella sala al piano superiore saranno esposti i lavori più recenti degli artisti vincitori nell'edizione 2015 della Biennale: l’irlandese Aoife Layton e la padovana Lara Monica Costa.