Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 29-06-2018 21:49
in Attualità | Visto 2.311 volte
 

L'Angelo custode

L'assessore Angelo Vernillo battezza il progetto “Assistente alla clientela” finanziato dai baristi del centro. Dalle 23 alle 4 di venerdì e sabato due vigilantes pattuglieranno il centro per intercettare gli eccessi post-chiusura della movida

L'Angelo custode

Foto di gruppo in conferenza stampa (foto: Facebook / Città di Bassano del Grappa)

L'Angelo custode porta gli occhiali con la montatura bianca. È l'assessore comunale alla Sicurezza Angelo Vernillo, particolarmente sensibile alla custodia della quiete pubblica in centro storico, contro gli eccessi della movida e della Bassano da bere. E per bere, in città, si beve molto: per la gioia degli incassi dei baristi del centro. I problemi sorgono quando i locali chiudono e le danze si aprono: quelle degli irriducibili della notte che invece di tornarsene a casa a fare la nanna continuano a smaltire gli effetti dell'alcol nel vari punti del salotto cittadino.
Ma da oggi, grazie al Patto Civico sottoscritto tra il Comune, i locali pubblici e i residenti del centro e con l'entrata in vigore del nuovo Regolamento di Polizia Urbana, i disturbatori delle ore piccole avranno le ore contate.
Lo annuncia in conferenza stampa lo stesso assessore Vernillo, affiancato dal sempre vigile comandante della Polizia locale Emanuele Ruaro, dal direttore di Confcommercio Bassano Riccardo Celleghin, dal rappresentante della categoria baristi di Confcommercio Gino Brunello e da altri suoi colleghi che condividono dietro ai banconi la responsabilità di gestire un pubblico esercizio, di animare la vita di Bassano by night e di tenere a bada quello che succede dentro e fuori il loro locale. Ed è proprio dopo che il locale ha serrato i battenti, tuttavia, che giungono ai centralini delle forze di sicurezza il maggior numero di segnalazioni di rumori e comportamenti molesti in centro.
Il Patto Civico ha già previsto l'introduzione della figura dell'“assistente alla clientela”, che opera nei bar del centro nelle sere dei weekend e che sovrintende all'andazzo generale tenendo d'occhio i possibili eccessi, assembramenti e quant'altro della porzione di movida asserragliata nel locale in questione. Ora il servizio di “controllo e monitoraggio”, a carico dei baristi, sarà ulteriormente potenziato e proseguirà anche fuori orario.
“L'elemento di positività è la convivenza civile del centro storico - spiega un raggiante assessore Vernillo -. Grazie agli esercenti, a Gino Brunello e ai suoi colleghi, sarà attivato un servizio ulteriore gestito in forma associata, con la presenza di personale adeguatamente preparato che gira in bici per il centro storico, il venerdì e il sabato, nell'orario 23-04.” I due bike-controllori che si faranno più volte il giro del chilometro quadro e dintorni saranno dei vigilantes della società ISG Security di Veggiano (Padova), che opera nel settore sicurezza a livello nazionale. Saranno riconoscibili (con giubbotto catarifrangente), ben visibili, sempre reperibili telefonicamente, la loro unica arma sarà uno smartphone e il loro compito non sarà quello di reprimere o di multare i trasgressori della pace notturna intercettati in piazza o nelle altre vie, bensì di richiamarli all'ordine consigliando loro di comportarsi adeguatamente all'orario. In caso di reazione non adeguata dei furbetti dell'orologio ai miti consigli degli “assistenti alla clientela” on the road, ecco che partirà una chiamata alla Polizia locale o ai centralini di Polizia o Carabinieri per fare intervenire sul posto una pattuglia.
“I problemi dei gruppi che fanno baccano accadono sempre dopo l'orario di chiusura dei bar - conferma Gino Brunello -. Prima c'è già un controllo, grazie al Patto Civico abbiamo già un assistente alla clientela dalle 23 a mezz'ora dopo la chiusura. Adesso interverranno due operatori della security, per il controllo degli assembramenti in strada e del deflusso della gente.” “Il loro compito - prosegue il referente dei baristi - sarà quello di deterrente e saranno i primi a segnalare situazioni anomale ai vigili e alle forze di polizia.”
L'iniziativa, a quanto pare, sta prendendo concretamente piede: al progetto di gestione associata del servizio hanno sinora aderito circa 25 locali del centro storico e altri se ne aggiungeranno a giorni. I due vigilantes notturni in bicicletta faranno la loro apparizione venerdì 6 e sabato 7 luglio. Seguiranno tre mesi di prova fino alla fine di settembre e dopo il test l'iniziativa entrerà a regime.
Plaude al lavoro di gruppo degli esercenti pubblici il direttore di Confcommercio Bassano Riccardo Celleghin: “Quello dei baristi - dichiara - è un impegno serio e gravoso in termini economici, in tempi non esattamente felici come una volta, rendendo la città più vivibile e quantomai sicura.”
Ma chi è veramente al settimo cielo per l'iniziativa lanciata è proprio l'Angelo custode. Vernillo annuncia “agevolazioni nel 2019 per gli esercizi che si stanno impegnando, con contributi spese per le tasse sui rifiuti”. E annuncia anche - udite udite - che “questa estate sarà ultimato l'impianto di videosorveglianza, con telecamere di ultima generazione.”
Ma c'è anche, in questo clima di gaudeamus generale, il guastafeste della giornata.
È il presidente dei commercianti di Bassano Alberto Borriero, che arriva in ritardo dopo aver concluso un precedente incontro con la stampa nella sala Righetto di Confcommercio per la presentazione del programma 2018 di “Bassano Sotto le Stelle”.
“I baristi sono sempre pronti a offrire servizi e a incrementare il livello dell'offerta economica bassanese - afferma Borriero -. Chiediamo di mettere mano al più presto al Regolamento sui Pubblici Esercizi per limitare l'apertura indiscriminata di attività commerciali a tempo che vanificano tutto il lavoro della categoria.”
L'assessore alla Security Angelo Vernillo ne prende nota, assicurando che la questione è in agenda assieme all'assessore alle Attività economiche Maria Cristina Busnelli, ma neanche la richiesta fuori sacco del referente dei commercianti ne scalfisce l'incrollabile sorriso. Oggi è un giorno da “tutti insieme appassionatamente” - Amministrazione comunale, Polizia locale, Confcommercio Bassano, esercenti del centro storico - e come tale va vissuto. E così, dopo l'assistente di volo, l'assistente alla regia e l'assistente Google, abbiamo anche l'assistente alla clientela. Perché il cliente ha sempre ragione, ma soltanto finché il bar è aperto.