Pubblicità

Opera Estate Festival

Pubblicità

Opera Estate Festival

Stefania ZilioStefania Zilio
Contributor
Bassanonet.it

Manifestazioni

In 4000 a Sant’Eusebio per la 22° Festa dell’Uva

Tradizioni che piacciono e che vengono interpretate con stile

Pubblicato il 27-09-2023
Visto 5.587 volte

Pubblicità

Opera Estate Festival

L’edizione di questa rinomata festa ha accolto 4000 persone dal 22 al 24 settembre, segno positivo per gli organizzatori.
Potremmo definire la “Festa dell’uva di Sant’Eusebio” una tradizione ben radicata nella vita sociale del bassanese.
L’agricoltura è sempre stata nei secoli la prima fonte di reddito del territorio, con la coltivazione della vite e dell’ulivo che compaiono già negli Statuti in epoca medievale.

La Festa dell’uva di Sant’Eusebio. Foto Giorgia Bonato

La manifestazione, organizzata dalla Compagnia dei Canevaroli della Terra di Bassano, è diventata nel tempo un appuntamento atteso ogni settembre.
A fare da motore al crescente sviluppo della festa è il ricco programma di eventi collaterali che si tengono nei tre giorni di manifestazione.
Quest’anno sono stati coinvolti artisti, scrittori, vignaioli, band musicali, oltre a proporre la tradizionale Pissotta e la gran festa della pigiatura a conclusione domenica 24 settembre. 180 i volontari e 4000 le persone che nel fine settimana hanno invaso letteralmente la corte di villa Angarano Bianchi Michiel.
“La festa dell’uva affonda le radici da tempo immemorabile” ci racconta il presidente emerito della compagnia dei Canevaroli, Otello Fabris. Lo storico ha raccolto nel libro “Canevaroli. Viti, Vigneti, Vino.
Gente della Terra di Bassano “ la storia della vite in tutto il comprensorio di Bassano del Grappa. 40 anni di ricerche che testimoniano quanto il vino faccia parte della personalità dei bassanesi. Vocazione adattata da un linguaggio diverso nel tempo, ma restando un’identità determinante nei secoli.
Per ricostruire l’origine del nome “Canevaroli” dobbiamo tornare indietro nel 1404, quando Bassano entrò ufficialmente a far parte della Repubblica di Venezia.
I bassanesi, autorizzati a vendere il vino al minuto, entrarono ben presto in contrasto con Venezia per i dazi troppo elevati. Fecero così squadra unendosi in una corporazione, i Canevaroli appunto. Ottennero così la commercializzazione del nettare senza pagare dazi per il trasporto su zattere, che partiva dal porto di Brenta con destinazione Padova e Venezia. In quel di Venezia c’era persino un attracco riservato a Bassano e una casa cosiddetta “dei bassanesi”, dove veniva “incanevato” il vino. Termine dialettale che deriva da “caneva” che tradotto in italiano significa cantina. “Incanavare” vuol dire esattamente “mettere in cantina”.
Ed è proprio quest’azione che dà origine alla corporazione dei Canevaroli. Un tempo era conosciuta come una “consorteria”, perché uniti nella stessa sorte a tutela dei diritti dei produttori di vino bassanesi. Negli Statuti è riportato in modo minuzioso la tipologia delle uve prodotte. Si trovano le “Schiave” provenienti dalla Schiavonia e importate dal padre di Cecilia da Baone sposa di Ezzelino da Romano. Le uve bianche Durasiga provenienti dai Colli Euganei, che gli antichi romani chiamavano Duracina per via dell’acino duro, antenata della nostra Durella. Tra tutte spicca la Pinella che dava un vino molto dolce.
La Festa dell’Uva nasce quindi da un’antica tradizione di Sant’Eusebio che celebra da 22 anni la popolare vendemmia.
Sempre dai racconti dello storico Otello Fabris si evince come la festa abbia fatto un salto di qualità nel tempo. Partita con mostre e spazi limitati per il companatico, si è giunti oggi ad occupare l’intera corte di villa Angarano Bianchi Michiel, dimora palladiana inserita dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità dal 1996.
Conservare queste memorie popolari significa mantenere inalterati i valori anche nella contemporaneità. È indispensabile una continuità nel tempo, solo così la nostra storia acquisterà un valore aggiunto ai saperi e ai sapori della tradizione italiana.
In questa 22esima edizione ogni provento che è stato raccolto, come riferisce il vicepresidente Luca Bertapelle, sarà devoluto al sostegno della comunità. I bisogni del paese e le urgenze sociali prima di tutto.

    Press Edition New

    Bassanonet.it Press Edition

    Più visti

    1

    Attualità

    12-07-2024

    Quattro x Seven

    Visto 10.106 volte

    2

    Attualità

    12-07-2024

    Tesso e volentieri

    Visto 9.929 volte

    3

    Attualità

    15-07-2024

    Diamoci un bacino

    Visto 8.744 volte

    4

    Politica

    17-07-2024

    Green Pass

    Visto 5.034 volte

    5

    Attualità

    17-07-2024

    Io Vagabondo

    Visto 4.675 volte

    6

    Cronaca

    17-07-2024

    Notizia bomba

    Visto 4.414 volte

    7
    9

    Musica

    15-07-2024

    Tra cuore e Diaframma

    Visto 3.720 volte

    10

    Danza

    14-07-2024

    In Vetrina, la giovane danza d'autore

    Visto 3.539 volte

    1

    Elezioni 2024

    19-06-2024

    Ultime lettere di Elena Pavan

    Visto 29.207 volte

    2

    Elezioni 2024

    21-06-2024

    Facoltà di voto

    Visto 28.732 volte

    3

    Elezioni 2024

    19-06-2024

    Impegno per Roberto

    Visto 27.938 volte

    4

    Elezioni 2024

    24-06-2024

    Gratta e Finco

    Visto 22.699 volte

    5

    Elezioni 2024

    20-06-2024

    Big Bang

    Visto 22.523 volte

    6

    Elezioni 2024

    25-06-2024

    John Fincgerald Kennedy

    Visto 21.654 volte

    7

    Elezioni 2024

    20-06-2024

    Pontida degli Alpini

    Visto 21.514 volte

    8

    Elezioni 2024

    27-06-2024

    Ma Guarda un po’

    Visto 21.115 volte

    9

    Elezioni 2024

    20-06-2024

    Diritto di proprietà

    Visto 21.103 volte

    10

    Elezioni 2024

    25-06-2024

    Io sono leggenda

    Visto 21.031 volte